Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
ANTICHI SITI ARCHEOLOGICI DISTRUTTI DALLA STUPIDITÀ UMANA



Gli esseri umani amano sentire parlare di storia antica, ma non sono sempre così pronti a preservarla. Ecco alcune dei modi peggiori, più sconsiderati, o semplicemente più stupidi in cui gli esseri umani hanno distrutto il proprio patrimonio.

Lo scopritore e distruttore di Troia, Heinrich Schliemann


Schliemann trovò Troia nel 1871, ma c’erano i resti di nove città impilati l’uno sopra l'altro, così l'archeologo inventivo trovò un nuovo modo per scavare la leggendaria città: con la dinamite, che era stata inventata solo quattro anni prima da Alfred Nobel.
(Università del Texas)

Buddha di Bamiyan (o Bamiwam), due statue di Buddha in piedi scolpite in una parete rocciosa in Afghanistan centrale, negli anni507 e 554. Distrutte nel marzo 2001 dai talebani.


(Majld Saeedi/Getty Images)


(Phecda, AP/Murad Sezer)

Tell Umm al-Aqarib, Iraq, poco dopo l'inizio della guerra in Iraq nel 2003


Dopo un ampio saccheggio incontrollato, che ha avuto inizio durante la metà degli anni 1990, il Consiglio di Stato per le Antichità dell'Iraq ha autorizzato lo scavo per preservare ciò che è rimasto sul sito. Il saccheggio è continuato dal 2003. Le bande presenti nel sito sono spesso armate.
Nel maggio 2003, il professor MacGuire Gibson ha visitato questa regione con il Col. John Kessel, l’Ambasciatore italiano Piero Cordone e un contingente militare, su un elicottero Sea Stallion Marine. Dopo aver visitato il sito appena saccheggiato Umma, il professor Gibson ha riferito: "Siamo andati a sud oltre Umm al Aqarib, un sito vicino anche scavato dal Dipartimento. Qui, gli uomini stavano lavorando, ma non così tanti come a Umma. Il danno appariva fresco, fatto solo dopo l'inizio della guerra, quando i saccheggiatori sono venuti fuori e hanno scacciato le guardie dai siti".
(Cultural Property Training Resources dell'Iraq)

Atti di vandalismo da parte dei soldati americani in Iraq durante la guerra in Iraq (2003 -)


Le rovine di Babilonia, ai piedi del palazzo estivo di Saddam Hussein, 2003 Secondo Simon Jenkins, che scriveva sul Guardian, giugno 2007: "Hussaini ha confermato un rapporto di due anni fa da John Curtis, del British Museum, sulla conversione americana di grande città di Nabucodonosor di Babilonia nei giardini pensili della Halliburton Questo significava un campo di 150 ettari per 2000 soldati. In tale attività, la pavimentazione in mattoni, di 2500 anni fa, della Porta di Ishtar è stata distrutta dai carri armati e la stessa Porta è stata danneggiata. Il sottosuolo ricco di reperti archeologici è stato massacrato per riempire sacchi di sabbia, e realizzare grandi aree coperte in ghiaia compattata per eliporti e parcheggi. Babilonia è dicentata archeologicamente sterile.
Nel frattempo il cortile del caravanserraglio di Khan al-Raba, del X secolo, è stato utilizzato dagli americani per far esplodere le armi degli insorti catturati. Uno scoppio ha demolito gli antichi tetti e abbattuto molte delle pareti. Il posto è ora una rovina".
(Marina USA)

Dieci antiche tombe delle Sei Dinastie (220-589) sono state distrutte dalle macchine di scavo e bulldozer per realizzare un negozio IKEA a Nanjing, Cina, 2007


Secondo Reuters:
Gli archeologi della città hanno detto alla stampa che le tombe potrebbero essere state quelle di una famiglia benestante del periodo, poiché la lavorazione era di alta qualità. Le tombe erano costruite di mattoni verdi ricamati e ornati con motivi di loto. Gli archeologi del Museo di Nanchino hanno chiesto di fermare la costruzione per potere svolgere ricerche nel sito e raccogliere gli artefatti, dice il rapporto, ma non era chiaro se il lavoro era stato interrotto. Secondo la legge cinese, le persone o le unità di lavoro trovate a distruggere "tombe" possono essere multate 50.000 a 500.000 yuan (circa $ 6600 - $ 65.700), ma le leggi sono poco applicate, scrive il giornale. I costruttori a volte preferiscono pagare la multa di ritardare piuttosto che cancellare i progetti di costruzione, ha aggiunto.
(Foto di Guang Niu / Getty Images)

Distruzione in siti archeologici del Rally Dakar 2009, quando si è svolto in Cile e Argentina, invece dei soliti luoghi tra Parigi e Dakar.


Spiega l’Art Newspaper:
Secondo il rapporto del Consiglio Nazionale dei Monumenti, quattro dei siti danneggiati sono nella regione di Atacama e due sono nella regione di Coquimbo, circa 500 chilometri a nord di Santiago. La relazione si è incentrata in particolare su Pelican Creek, vicino alla città di La Higuera in Coquimbo, dove un team di archeologi aveva scoperto un accampamento di cacciatori-raccoglitori pre-colombiani, di cui la metà era stata distrutta dalla gara. I veicoli hanno distrutto oggetti di pietra come coltelli, punte di freccia, punte di lancia e raschiatoi e frammenti di ceramica e conchiglie, ossa umane e strutture rupestri risalenti tra 9000 a.C. e 1500 d.C.
Al momento in cui la manifestazione si è tenuta nel mese di gennaio, Sergio Cortes, un ranger locale e tour operator, ha detto alle autorità che nella regione di Tarapacá a sud di Iquique, nell'Alto Yape, geoglifi e le dune notevoli che conservano i segni modellati dal vento 18.000 anni fa, erano già stati gravemente danneggiati da veicoli turistici 4WD e dagli appassionati di guida off-road. I geoglifi preistorici del deserto di Atacama di 5000 o più anni fa, sono immagini enormi raffiguranti esseri umani, animali e motivi geometrici realizzati con pietre e ciottoli sul deserto piano, che sembrano fatti misteriosamente solo per essere correttamente leggibili se visti dall'alto.
(Lonnie Haymes-Schwartz)

Distruzione dell'antico sito di El Hibeh, 180 miglia a sud del Cairo, in Egitto, tra il 2009 e il 2012


Gli scavi di archeologi dell'Università di Berkeley sono stati chiusi nel 2009; essi sono tornati tre anni più tardi, ma hanno trovato "centinaia di pozzi di saccheggiatori", tombe a vista, muri distrutti, e resti umani, tra cui anche i resti di mummie smembrati e sparsi per il sito come spazzatura", secondo Popular Archaeology.






(Save El Hibeh / Facebook e Google Earth 2009/2012)


Alcuni tesori archeologici della Siria, danneggiati o distrutti durante la guerra civile, (2011 -) La moschea dell’XI secolo, gran parte della città vecchia di Aleppo e il saccheggio delle antiche città di Ebla e Apamea, tra gli altri.





Apamea, saccheggiata

I saccheggi in risoluzione più grande (LiveScience)


Una delle più grandi piramidi Maya del Belize, di 30 metri di altezza, del III secolo a.C., presso il complesso Nohmul, distrutta da una società di costruzioni mentre scavava per pietrisco per una strada che stavano costruendo, maggio 2013


(Foto Jaime Awe / AP)



Una piramide di 4000 anni, distrutta nel sito archeologico di El Paraíso, uno dei più grandi insediamenti di epoca tarda pre-ceramica vicino a Lima, in Perù, giugno 2013


Una delle piramidi (di 6 m di altezza), sul sito è stata distrutta, ma la polizia ha impedito la distruzione di almeno altre tre.
(Marcogg)

Alcune zone di Antinoupolis sono state spianate dai residenti locali, coi bulldozer, e recuperate per uso agricolo, estate del 2013


Secondo Egypt Independent:
Inoltre, [Monica Hanna, una ricercatrice dell'Università di Humboldt di Berlino] ha detto che il Ministero delle Antichità non è stato in grado di affrontare la distruzione di Antinoupolis, che comprendeva reperti archeologici risalenti al periodo pre-dinastico, ai regni Medio e Moderno, e al periodo tolemaico. Il sito è diventato famoso in epoca romana, dopo che l'imperatore Adriano vi fondò una città enorme in stile romano col nome Antonio Polis, riempiendola di teatri, templi, scuole e altri edifici storici. Molti degli edifici erano ancora in piedi durante l'invasione francese dell'Egitto nel tardo XVIII secolo, e gli studiosi successivamente hanno scritto su di essa nel libro "Description de l'Egypte".
La città fiorì dopo l'età di Adriano, fino a quando la regione Antinoe divenne una delle più grandi regioni d'Egitto e comprendeva la maggior parte dell'Alto Egitto, a partire dal Sud del Fayoum fino a Sohag, con Antinoupolis come sua capitale, che ora è chiamata Sheikh Abada.
L'importanza della regione è continuata durante l'epoca bizantina. Con la diffusione del Cristianesimo, la città divenne sede di una grande diocesi. E’ anche rimasta importante durante le ere islamiche, quando il suo nome è diventato Ansena.
(Kristian Strutt)

Fonte: io9, 9 ottobre 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it