Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Alan Yuhas, New York
UN FIUME DI MERCURIO INTORNO ALLA TOMBA DEL RE

Teotihuacan, Messico - Il mercurio liquido che si trova sotto una piramide messicana potrebbe portare alla tomba del re.
Un ricercatore riferisce che "grandi quantità" della sostanza giacciono sotto le rovine di Teotihuacan: una scoperta che potrebbe far luce sui misteriosi costruttori di questa città.


I visitatori guardano l'area archeologica del Tempio di Quetzalcoatl (Serpente Piumato)
nei pressi della Piramide del Sole, nel sito archeologico
di Teotihuacan, a nord di Città del Messico.
Fotografia: Henry Romero / Reuters

Un archeologo ha scoperto mercurio liquido alla fine di un tunnel sotto una piramide messicana, una scoperta che potrebbe suggerire l'esistenza della tomba di un re o di una camera rituale parecchio al di sotto una delle più antiche città delle Americhe.
Il ricercatore messicano Sergio Gómez ha annunciato di avere scoperto "grandi quantità" di mercurio liquido in una camera sotto la Piramide del Serpente Piumato, la terza più grande piramide di Teotihuacan, la città in rovina nel Messico centrale.
Gómez ha trascorso sei anni nel lento scavo del tunnel, che è stato aperto nel 2003 dopo 1800 anni. Lo scorso novembre, Gómez e una squadra hanno annunciato di aver trovato tre camere a cento metri dalla fine del tunnel, quasi 20 m sotto il tempio. Vicino all'ingresso delle camere, hanno trovato un tesoro trovato di strani reperti: statue di giada, resti di giaguaro, una scatola piena di conchiglie intagliate e palle di gomma.


Gli archeologi lavorano a un tunnel che può portare a tombe reali presso l'antica città di Teotihuacan,
in questa foto del mese di maggio 2011.
Fotografia: Handout / Reuters


Facendosi lentamente strada verso il largo, scuro e profondo corridoio sotto la piramide, combattendo l'umidità e costretti a indossare indumenti protettivi contro i pericoli di avvelenamento da mercurio, Gómez e il suo team stanno meticolosamente esplorando le tre camere.
Il mercurio è tossico e in grado di devastare il corpo umano attraverso l'esposizione prolungata; il metallo liquido non aveva apparentemente alcuno scopo pratico per gli antichi Mesoamericani, ma è stato scoperto in altri siti. Rosemary Joyce, una professoressa di antropologia presso l'Università della California, Berkeley, ha detto che gli archeologi hanno trovato il mercurio in altri tre siti, due Maya e uno Olmeco, nell'America Centrale.
Gómez pensa che il mercurio possa essere un segno che la sua squadra è vicina a scoprire la prima tomba reale mai trovata in Teotihuacan dopo decenni di scavo - e secoli di mistero che circondano la fondazione della città, criptica, ma ben conservata.
Il mercurio potrebbe essere il simbolo di un fiume o un lago sotterraneo, Gómez pensa, un'idea che lo trova in sintonia con Annabeth Headreck, professoressa presso l'Università di Denver e autrice di opere di studio su Teotihuacan e l'arte mesoamericana.
Le qualità luccicanti e riflettenti del mercurio liquido possono assomigliare a "un fiume sotterraneo, non molto diverso dal fiume Stige", ha dichiarato Headrick, "se solo si pensa che è l'ingresso al mondo soprannaturale e l'ingresso agli inferi".
"Gli specchi erano considerati un modo di guardare al mondo soprannaturale, erano un modo per indovinare ciò che potrebbe accadere in futuro", ha detto. "Potrebbe essere una sorta di fiume, dall’aspetto molto spettacolare."
Joyce ha detto che gli archeologi sanno che gli scintillii in generale affascinavano gli antichi, e che il mercurio liquido potrebbero essere stato considerato "un po' magico ... adatto quindi per scopi rituali o scopi simbolici".
Headrick ha detto che il mercurio non era l'unico oggetto di fascino: "un sacco di oggetti rituali sono stati resi riflettenti con la mica", un minerale brillante, probabilmente importato nella regione.
Nel 2013 gli archeologi con un robot hanno trovato sfere metalliche che hanno soprannominato "palle da discoteca" in una porzione non-scavata del tunnel, nei pressi di specchi di pirite. "Vorrei poter capire tutte le cose che questi ragazzi stanno trovando laggiù," ha dichiarato Headrick, "ma è un caso unico e per questo è difficile".
L'acqua era anche preziosa per la maggior parte degli abitanti della Mesoamerica, che sapevano di sistemi idrici sotterranei e laghi che potevano essere accessibili attraverso grotte. Teotihuacan una volta aveva delle sorgenti, anche se ora sono prosciugate.
Joyce ha detto che gli antichi Mesoamericani potrebbero aver prodotto mercurio liquido con il riscaldamento di un minerale di mercurio, noto come cinabro, che usavano anche per il suo pigmento color rosso sangue. I Maya usavano il cinabro per decorare oggetti di giada e colorare i corpi dei loro re, per esempio; gli abitanti di Teotihuacan - per i quali gli archeologi non hanno concordato un nome - non hanno lasciato alcuna evidenza di oggetti appartenuti ai loro re, per poterli studiare.


Il grafico mostra il tunnel che può portare alle tombe reali, scoperto sotto
il tempio di Quetzalcoatl nell'antica città di Teotihuacan.
Fotografia: Handout / Reuters


La scoperta di una tomba potrebbe contribuire a risolvere l'enigma di come Teotihuacan fosse governata, e Joyce ha detto che la concentrazione di manufatti di fuori delle camere del tunnel potrebbe essere associata ad una tomba - o ad un insieme di camere rituali.
Una tomba reale potrebbe dare credito alla teoria che la città, che fiorì tra il 100 e il 700 d.C., fosse governata da dinastie alla maniera dei Maya, ma con un tono molto meno evidente di auto-glorificazione.
Ma una tomba reale potrebbe anche contenere i resti di un signore, che possono adattarsi con un'idea diversa riguardo alla città. Linda Manzanilla, un’archeologa messicana acclamata da molti dei suoi coetanei, sostiene che la città fosse governata da quattro signori e osserva che nella città manca un palazzo o qualsiasi rappresentazione dei re sui suoi numerosi murales.
Headrick ha suggerito modelli ancora più fluidi, in cui lignaggi forti o clan tradizionali comandavano, ma non cementati in dinastie, o in cui i governanti si basavano su accordi con i militari per mantenere il potere e l'autorità era conferita più in un ufficio che non in una famiglia. L’antica Teotihuacan era una città con fazioni familiari in lizza per l'influenza: l'élite, i militari, i mercanti, i sacerdoti e il popolo.
Per ora, gli archeologi e gli antropologi continuano a scavare e dedurre. Gomez dice che spera che lo scavo delle camere possa essere completato entro ottobre, e Headrick ha detto che gli archeologi stanno guardando la città da nuove angolazioni. Alcuni stanno cercando di decifrare i dipinti e i geroglifici che circondano la città, altri cercano di analizzare quello che potrebbe essere un sistema di scrittura, senza verbi né sintassi.
Poi ci sono le migliaia di reperti, alcuni inediti e bizzarri, che Gómez e i suoi compagni hanno dissotterrato da sotto la piramide. "C'è abbastanza mistero", ha detto Headrick. "È divertente".

Fonte: The Guardian, 24-25 aprile 2015.



Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it