Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Geraldo da Fuentes, viewzone
TIAHUANACO
La Porta degli Dei


Se chiedete quale sia stata la più antica civiltà e dove si sia sviluppata, la maggior parte della gente risponderà la Mesopotamia (Iraq), l'Egitto o l'Iran. Queste culture si possono far risalire al 4000 a.C., ma le misteriose rovine di Tiahuanaco, in Bolivia, potrebbero avere 14000 anni!
Se si pensa che la Grande Piramide d’Egitto è una meraviglia tecnologica, ammirate ciò che gli artisti e gli ingegneri hanno fatto a Tiahuanaco. Questa cultura prosperò a oltre 4000 metri di quota, in una zona dove la carenza d’ossigeno rende difficile persino respirare, ma i suoi uomini riuscirono a spostare pietre di peso fino a 200 tonnellate e inventarono tecniche di costruzione modulare, che sarebbero ancora oggi d’attualità.



La più famosa immagine del sito archeologico di Tiahuanaco è quella della Porta del Sole. Questa struttura è stata descritta come un "calendario", da quando se ne conosce l’esistenza, e quindi è stata anche chiamata ‘la Porta del Calendario’. Questa scultura calendario, che indubbiamente raffigura un "anno solare", non può però essere stata fatta per andare bene per l'anno solare come esso è oggi. Il calendario ha solo 290 giorni, ed è suddiviso in 12 "mesi" di 24 giorni ciascuno, più 2 giorni intercalari.
Alcuni ricercatori hanno tentato di spiegare questo come un rituale civile, mentre altri hanno sostenuto che, 14000 anni fa, la durata di un anno dovesse essere, in qualche modo, diversa da oggi. Altri ancora giungono a ritenere che esso possa rappresentare un anno su un altro pianeta, e su queste basi fantasticano di origini extraterrestri.
L'analisi di questa cultura antica ha dimostrato che gli scienziati di Tiahuanaco sapevano che la terra è un globo che ruota intorno al proprio asse e sapevano calcolare esattamente i tempi delle eclissi – anche quelle non visibili da Tiahuanaco, ma visibili nell’opposto emisfero.
Gli scienziati hanno inoltre accertato che essi dividevano matematicamente il cerchio in 264 gradi (anziché 360, come è stato fatto dai Babilonesi); il che ha determinato il corretto rapporto di pi greco (22/7), e si potrebbero calcolare facilmente l’area del cerchio e le radici quadrate.


[Sinistra] L'ingresso al tempio, con le caratteristiche costruzioni di pietra. Si usavano grandi pietre a superficie liscia per la costruzione dei muri. Alcune delle pietre mostrano con evidenza un uso di utensili che semplicemente non avrebbe potuto essere fatto con nessuna delle antiche tecnologie. [Centro] Blocco di pietra a Punku Puma. Contiene scanalature, fatte con precisione, di 6 mm di larghezza, con fori equidistanti. Sembra impossibile che questi tagli di grandi precisione potessero essere effettuati con l'uso di strumenti di pietra o di rame. Lo scopo di questa lavorazione non è noto, ma è stato suggerito che piastre d'oro o bronzo potessero essere fissate alle pareti. Altri suggeriscono che i giganteschi blocchi di pietra fossero bloccati insieme con grappe di metallo. [Destra] Grandi idoli sono stati scolpiti da un’unica grande pietra e sembrano essere stati lucidati e finiti con da metodi sconosciuti.

La tecnica modulare permette di produrre i blocchi in serie, per montarli in loco in una varietà di configurazioni. Questa tecnica appare a Tiahuanaco pienamente sviluppata, senza alcuna prova d’una sperimentazione precedente. Quando svilupparono gli ingegneri di quell’epoca le loro idee o esperienze? Perché è questo l'unico esempio di costruzione modulare, nel mondo antico? Queste sono solo alcune delle molte domande che chiedono una risposta, in questo notevole sito.
Le pietre erano spesso fissate l’una con l’altra con "graffe" di metallo. Scanalature corrispondenti sono scolpite nella parte superiore e nei fianchi delle pietre. Poi, metallo fuso era versato e lasciato indurire, a fissare le due pietre insieme. Questa tecnica è stata utilizzata anche in Egitto e in Asia del Sud–Est.]
Il fatto che la cultura di Tiahuanaco sia apparsa pienamente sviluppata in questa terra d’altitudine, arida e inospitale, è un vero enigma rompicapo. Quasi subito i suoi abitanti sembrano aver utilizzato avanzate tecniche di costruzione, come la costruzione modulare. Enormi blocchi sono stati scolpiti da monoliti e progettati per adattarsi insieme sul sito con esatta precisione e stile artistico. Queste tecniche sono state sviluppate dai moderni costruttori solo nel secolo scorso. I blocchi massicci sono estremamente stabili, resistenti al tempo e ai terremoti. Ma come sono stati ricavati, trasportati e posizionati, apparentemente a mano?




Tiahuanaco è situato sulla riva meridionale del Lago Titicaca. Puma Punku [sopra], vista sud–ovest della struttura del tempio, che sconvolge davvero la fantasia.

In passato, il lago era molto più alto e bagnava con le sue rive Tiahuanaco. Vicino, in un sito chiamato Puma Punku, vi è un massiccio edificio, ora crollato, composto di quattro parti. Uno dei blocchi di costruzione del molo è stato modellato da un unico blocco di pietra che, secondo le stime, pesa 440 tonnellate (pari a circa 200 grandi autovetture). Molti altri blocchi sono tra 100 e 150 tonnellate. La cava di questi giganteschi blocchi era sulla sponda occidentale del lago Titicaca, a una decina di miglia di distanza. Non conosciamo nessuna tecnologia del mondo antico che possa avere permesso di trasportare pietre di tale massiccio peso e dimensioni. Le popolazioni andine del 500 d.C., con le loro semplici barche di canne, non potrebbero certamente averli spostati. Anche oggi, con tutti i moderni progressi in ingegneria e matematica, non potremmo realizzare una tale struttura.


Quante persone vivevano lì?

Si crede che nella regione vivessero circa 100.000 persone al massimo. Questa stima è basata sulla quantità di vasellame e altri oggetti che restano e sulla superficie totale (più di 400 ettari). Poiché una così grande popolazione richiederebbe una significativa fonte di cibo, molti scienziati mettono in dubbio che questo fosse possibile, soprattutto a 4000 metri d’altitudine. L’aria sottile e la temperatura ambiente che scende durante la notte provocano un gelo che uccide la maggior parte delle piante. Recentemente, tuttavia, un’indagine aerea del sito ha rivelato la soluzione. Multiple strutture a griglia e a labirinto sono visibili in tutta Tiahuanaco, a causa della decolorazione del terreno sottostante, e fanno scoprire un’antica rete di giardini e di canali, in grado di permettere la coltivazione delle patate e altre colture.


Il piano è geniale. Reti di canali circondavano i giardini. La profondità di questi canali era mantenuta a 2–2,5 metri, in modo tale che la forte luce del sole durante il giorno potesse facilmente riscaldare l'acqua. In serata, quando l'aria fredda causava il gelo, dai canali di sfiato usciava il loro calore immagazzinato sotto forma di nebbia. Questo manteneva la temperatura intorno alle piante elevata sopra il congelamento e contribuiva anche alla loro irrigazione.
E' interessante notare che i canali sono stati costruiti in un insieme ben pianificato e secondo un preciso modello. Questo indica ulteriore l'intelletto e l'apprezzamento estetico di questa cultura.

Quanti anni ha questo sito?

L'età di Tiahuanaco è difficile da valutare e molto controversa. L’archeologo boliviano Arturo Posnansky, di origini polacche, è arrivato alle conclusioni che la cultura Tiahuanaco è iniziata nella regione verso il 1600 a.C. ed è fiorita almeno sino al 1200 d.C. Il suo discepolo, il professor Hans–Schindler Bellamy, ririene che Tiahuanaco sia sorta almeno 12000 anni prima della nostra epoca. Più recentemente, altri archeologi hanno spinto indietro la data a 14000 anni fa.


La controversia nasce dal fatto che la maggior parte degli artefatti sono databili dal passato più recente, mentre la pietra dei megaliti e di altre strutture non si presta a tecniche come la datazione al carbonio 14. Molti blocchi di pietra sono stati scoperti a più di due metri di profondità. Le catene montuose che circondano la zona non sono sufficientemente elevato da consentire il deflusso sufficiente di acqua o di erosione eolica per coprire i resti ad una tale profondità. Ciò suggerisce una data molto antica, visto che l'accumulo di sedimenti è lento in questa terra arida.
Vi è inoltre la prova di strutture architettoniche esistenti al fondo del lago Titicaca, il che suggerisce che la civiltà esistesse prima che il lago si è formato. Molti scienziati ritengono che il lago si sia formato durante una qualche grande alluvione e si trovano leggende simili in tutto il mondo, che parlano di un diluvio che risale a migliaia di anni. La leggenda locale contiene il riferimento al diluvio nel mito della creazione.
La religione di Tiahuanaco era centrata intorno al culto di un dio del cielo e del tuono, di nome Viracocha. La divinità era generalmente descritta con fulmini in entrambe le mani e un’aureola intorno alla testa. L'aureola suggerisce la qualità di un dio solare, e così è rappresentato in bassorilievo, nella parte superiore della famosa Porta del Sole di Tiahuanaco.
Secondo la leggenda, il mondo fu creato da Viracocha vicino al Lago Titicaca. Dopo il grande diluvio e il ritiro delle acque alluvionali Viracocha scese sulla terra e creò le piante, gli animali e gli uomini nella terra vuota, egli costruì la città di Tiahuanaco e nominò 4 governanti del nuovo mondo. Manco Capak fu il superiore del mondo dell’Orsa Maggiore, vale a dire l'orizzonte nord (Busto II 1981: 7).
Il lago sembra mancare d’una fonte, come un fiume o ruscello, e non vi è prova che stia lentamente evaporando e il suo litorale scenda con il passare del tempo. A tutt'oggi, non vi è stata una soddisfacente spiegazione di come il lago si sia anticamente formato. Questo è solo uno dei tanti misteri della regione. Tiahuanaco è classificato come uno dei dieci luoghi più misteriosi sulla Terra.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2016 e-mail: liutprand@iol.it