Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione Eventi
Home › Eventi

COMPLEANNO DI MILANO

Buon Compleanno, Milano – XIV edizione
Domenica 11 novembre 2012, alle 15,30

Ricorderemo l’anniversario della fondazione di Milano, facendo un giro lungo l’ellisse tracciata dai Celti 2594 anni fa nel centro di Milano attorno a Piazza della Scala, dove - secondo accreditate ipotesi - sorse il primo nucleo della città. Questa breve camminata, condotta e commentata da Giorgio Fumagalli, giunta alla XIV edizione, vuole essere una sorta di buon augurio, di prosperità e di abbondanza per Milano, nel ricordo delle più antiche memorie.

Vi diamo appuntamento in Piazza BELGIOIOSO alle ore 15,30.

PARTECIPAZIONE LIBERA APERTA A TUTTI

info: Libreria Esoterica PRIMORDIA

tel./fax 02.5463151 - Via Piacenza 20, Milano

Tutto il percorso, con fotografie e commenti, sul nostro sito:

www.libreriaprimordia.it

Musica col violino di Raffaele Nobile

per partecipare…..basta un sorriso. Intervenite numerosi!!

Brindisi finale con idromele e spumante.



INCONTRI CON L'AUTORE

Alberto Arecchi presenta il suo libro:
RACCONTI DA DUE MONDI (dall'Africa e da Pavia)

Lo scrittore pavese si è cimentato con la narrativa sin dal 1982, quando pubblicò a Magenta “La saga del Ticino”, una raccolta di tredici capitoli ambientati nella valle del nostro fiume, a cavallo tra storia e fantasia. Fecero seguito, negli anni, i tre romanzi brevi, collocati nella storia di Pavia, tra il Medioevo ed il Seicento: “Anonimo Ticinese e l’ultimo Templare”, “La maledizione di San Siro” e “Il Tesoro dell’Antipapa nei sotterranei segreti della Certosa di Pavia”. I racconti compresi in questa raccolta sono tutti “reduci” da diversi concorsi letterari, nei quali Arecchi si è classificato, con premi o segnalazioni, nel corso degli ultimi tre anni. La struttura del libro ricorda il sogno di Alice: i “due mondi” sono ovviamente l’Africa, nella quale l’autore ha trascorso gran parte della propria vita, vivendo affetti ed emozioni, e Pavia, con tutto il suo fascino di città antica, misteriosa ma – in qualche modo – “bloccata” da un destino di maledizione. Di qua e di là dello specchio, d’uno specchio che – in qualche modo – non è altro la coscienza di ciascuno di noi, e poi una breve serie di racconti che formano il “ponte” tra di due mondi del vissuto dell’Autore.
L’Africa terra madre, ricca di misteri e di magia, radicata nel profondo del cuore di chiunque vi abbia vissuto.
Per contrasto, una Pavia in cui non si stenta a riconoscere personaggi, luoghi e situazioni reali, pur “camuffati” dalla narrazione che sembra fantastica, mentre in certi passaggi è solo ironica, nei confronti della “madre-matrigna”.
Infine, s’intravvede il mondo complesso dell’interazione tra genti, popoli e culture. Vissuto, non descritto. Intuito e non gridato.
Citiamo alcuni passaggi dalla prefazione della prof. Maria Pia Andreolli:
“Alberto Arecchi è un abile narratore, che sa mirabilmente sfruttare, per catturare l’attenzione, la sua vasta cultura umanistica, i suoi interessi storici, le sue competenze tecnico-scientifiche, per non parlare delle conoscenze antropologico-etnografiche, frutto dei lunghi anni trascorsi in Africa, di numerosi viaggi e ricerche. L’Autore crea situazioni che hanno l’impatto e il coinvolgimento della realtà, perché partono da esperienze personali, da fatti di cronaca, da tradizioni o notizie storiche, ma hanno anche il fascino dell’improvviso irrompere dell’elemento straordinario. ..
I racconti africani sono molto avvincenti anche perché, in essi, traspare il profondo attaccamento dell’Autore per quel continente e per i suoi abitanti. Arecchi è rimasto conquistato dall’Africa “pianeta rosso, antico” che gli ha insegnato “i veri ritmi della vita” e lo ha aiutato a guardare in se stesso, arricchendolo. L'Africa, nonostante sia agitata da feroci conflitti e straziata da malattie e fame, per chi vuole veramente viverla, si rivela ancora e sempre “un continente madre, che ha tanto da offrire e insegnare”.
Le pagine di ambiente pavese sono particolarmente interessanti, perché aggiungono nuovi elementi e suggestioni. Nei racconti “La Mosca” e “Culex Park – Il parco delle zanzare”, l’Autore trasfigura con la fantasia e vela con distaccata ironia aspetti della realtà locale, di vita vissuta e quotidiana, da lui denunciati – con toni d’impegno civile – in altre circostanze”.

ALLA RICERCA DI ATLANTIDE

 


Biblioteche ed altre realtà interessate alla conferenza-dibattito: ATLANTIDE: un mondo scomparso, un'ipotesi per ritrovarlo possono contattarci con un messaggio all'indirizzo liutprand@iol.it

INCONTRI CON L'AUTORE

Alberto Arecchi presenta i suoi libri, storie di mistero, di magia e d'avventura tra il Trecento e i nostri giorni:

ANONIMO TICINESE e l'ultimo Templare

LA MALEDIZIONE DI SAN SIRO La verità pericolosa

IL TESORO DELL'ANTIPAPA nei sotterranei segreti della Certosa di Pavia
Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2017 e-mail: liutprand@iol.it