Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Anne Hart, Sacramento Nutrition Examiner
LA BIRRA DI TUTANKHAMON
Contro la recessione fatevi anche voi la vostra birra


Se state cercando d’essere parsimoniosi nel mezzo di questa recessione, provate a farvi la birra nello stile degli antichi Egizi. Il loro lievito si è conservato per migliaia d’anni.
Mentre cercavo ricette a prova di recessione per risparmiare al supermercato, ho trovato una grande risorsa, per produrre la mia birra a prova di recessione a casa e risparmiare un po’ di denaro, su un articolo di una rivista di Storia Naturale, del maggio 1996, che descriveva come gli archeologi facessero la birra nello stile degli antichi Egizi, e nel 1990 tale birra fosse in vendita presso Harrod’s a Londra.


Quando gli archeologi scavarono la tomba di Tutankhamon ed altre antiche tombe nel 1920 e, più recentemente, nel 1990, trovarono granuli d’amido dell’antico pane e lievito di birra, che rivelavano tutti i processi cui il pane è soggetto durante la cottura e la produzione della birra.
Tutto quello che dovete fare è di riprodurre e ricostruire tutto da zero. Ecco come fare la vostra birra al modo degli antichi egiziani e dei levantini.
Invece di utilizzare il moderno lievito di coltura, per fare la birra come un egiziano dovete conservare un po’ di lievito residuato da una birra all’altra. Il lievito rimane attaccato ai recipienti in cui si fabbrica la birra. La fermentazione avviene naturalmente da micro-flora.
Tutti gli antichi ricercatori hanno dimostrato che orzo, farro e grano erano coltivati in Egitto. Era il grano farro che gli antichi Egizi usavano per fare la birra a Tell el Amarna. Gli archeologi hanno salvato il grano farro conservato sul pavimento delle cucine dei templi. Ecco i passi che si possono seguire per imitare a casa vostra il procedimento per fare la birra in stile antico.
1. Per fare la birra acquistate orzo biologico in un negozio d’alimentari naturali. Inumidite l’orzo. Mantenetelo umido fino a quando non germina, poi riscaldatelo per fermare la germinazione (il risultato è un malto).
2. Aggiungete acqua e lievito, in modo che il malto fermenti gli zuccheri.
3. Miscelate malto cotto e crudo con acqua e produrrete un liquido, che dovete filtrare dopo aver pestato il malto e averlo sbucciato.


Ecco un altro modo per produrre birra nello stile degli egizi.
Otterrete un prodotto al gusto di lamponi.


Fate bollire l’orzo e il farro di grano in una pentola d’acqua finché non è cotto e l’acqua viene assorbita. Aggiungete acqua fredda per fare una birra. Riempite la pentola appena sotto la metà.
Riscaldate il miscuglio, aggiungendo più acqua e malto cotto. Aggiungete il lievito naturale, malto crudo e malto cotto. Nei negozi d’alimentazione naturale ci sono diversi tipi di lievito naturale.
Dopo l’aggiunta della seconda parte di malto, coprite, e consentite quindi alla miscela di fermentare. Senza l’aggiunta di nessun aroma, la birra deve essere dolce e dal gusto fruttato, come i lamponi. Provate la vostra birra utilizzando i metodi di una fabbrica di birra, per non avere in infusione un gruppo di batteri che possano causare malattie.
In realtà, si può far adottare il metodo da una fabbrica di birra e chiedere di prepararvi la prima parte di malto, così non commetterete l’errore di lasciarlo a fermentare ad una temperatura sbagliata, con il rischio di ammalarvi per la presenza di un gruppo di batteri nella birra. L’antica birra egiziana non aveva il sapore amaro del luppolo.
Questi sono i passi che gli archeologi hanno usato per fare la birra egizia. Questa informazione si trova nell’articolo sulla birra che facevano gli antichi egiziani, pubblicato nella rivista Natural History nel maggio 1996. L’articolo è incentrato sull’anno 2050 a.C., al tempo della XI dinastia. Ecco i passi impiegati dagli archeologi per rendere riproducibile l’antica birra nel modo in cui gli antichi l’avrebbero prodotta.
Per prima cosa dovreste coltivare il grano farro. Oggi il grano farro è coltivato in Turchia. Potrete comprarlo in un negozio d’alimentazione naturale.
Questo è tutto ciò di cui avete bisogno, come materia prima, per fare la birra al modo degli antichi, a parte, naturalmente, la necessità di disporre di acqua da pozzi antichi egiziani.


Gli scienziati hanno analizzato vecchi pozzi nel deserto egiziano per ottenere il corretto tipo di liquido. Hanno dovuto farlo perché l’acqua disponibile nell’antico Egitto era priva di fosfati e dei moderni prodotti chimici utilizzati in agricoltura. Così hanno dovuto aggiungere un po’ di gesso per indurire l’acqua.
A casa vostra, potrete semplicemente utilizzare acqua distillata. Il gesso è carbonato di calcio. Potrete trovare una compressa di carbonato di calcio in qualsiasi negozio di alimenti naturali. Poi potrete ottenere il giusto sapore dell’antica birra egiziano con piccole dosi di ginepro, coriandolo e spezie, erbe reperibili in molti negozi d’alimentari.
Si può usare un moderno ceppo di lievito. Sarebbero occorsi anni di ricerca del DNA per rivelare la natura esatta del lievito utilizzato in Egitto.
Nessun antico egiziano ha mai fatto la birra con il luppolo. Usavano il malto. Non hanno mai edulcorato la loro birra con frutta o miele. Se si desidera realizzare la birra alla maniera egizia, si metta del coriandolo, che cresceva selvatico nella Valle del Nilo. Il coriandolo, nell’antico Egitto, si metteva nel pane e negli altri prodotti da forno. È possibile aggiungere il ginepro, che era utilizzato anche nel pane e nella birra. Quindi mettete un pizzico di ginepro e coriandolo nel bollitore.
Ora arriva il momento di macinare. Il farro, a differenza dei cereali moderna, ha una buccia spessa e può richiedere fino a 14 ore per essere macinato in un pestello adatto. La macinazione si realizza con un pestello e mortaio, col grano inumidito. Questo era il metodo utilizzato nell’Antico Egitto ed è ancora in uso attualmente in Turchia. Il grano farro è simile ai cereali utilizzati per la moderna produzione di birra.
Se volete scoprire a che cosa somigliassero i grani antichi egiziani utilizzati nella produzione della birra, guardate come si ottiene la farina dal grano farro nella Turchia di oggi. Questo potrebbe essere un gran progetto per lo studio dell’antropologia nutrizionale.
Quando si macina il grano farro, si produce una soluzione zuccherina. Gli archeologi tentavano di fare la birra egiziana pestando il farro in maniera convenzionale, portandolo ad ebollizione in pentole moderne, e i tre giorni di fermentazione si svolgevano in un recipiente della capacità d’un gallone. I popoli antichi impararono a cuocere il pane dopo aver imparato a fare la birra.
I popoli della prima età neolitica lasciavano l’impasto di farina grezzo all’aria aperta, dove la pasta reagiva con lieviti selvatici e polline che soffia nel vento. Quando la pasta era messa in acqua e lasciata fermentare, si otteneva una specie di birra.


Poi, quando aggiunsero più farina cruda alla birra e fecero cuocere l’impasto, essi produssero un pane lievitato, leggero. Dal momento che l’acqua del Nilo è fangosa, la birra era usato al posto dell’acqua nelle cerimonie e durante i pasti, come bevanda preferita dai lavoratori egizi.
Nel 1996, gli archeologi dell’Università di Cambridge non hanno trovato nessun aroma nella birra, solo le spezie. Sembra che gli antichi Egizi usassero l’orzo per fare il malto. Gli egiziani di quattromila anni fa utilizzavano il farro al posto del luppolo. Essi riscaldavano la miscela, e quindi aggiungevano il lievito e il malto crudo al malto cotto. Dopo l’aggiunta della seconda parte di malto, la birra poteva fermentare.
Bevete la birra nuova pochi giorni dopo la fermentazione. Gli antichi faraoni attendevano qualche giorno in più, per ottenere una birra più forte. Fu prodotto un tipo di birra allo stile antico, chiamata Tutankhamon Ale, al 6 per cento di alcol in volume/4,8 per cento in peso. Ne furono prodotte un migliaio di bottiglie, una sola volta, e vendute solo in un particolare negozio di Londra: Harrods, che è di proprietà di un egiziano, Mohamad Al Fayed.
La birra di stile antico era opaca e dorata. Aveva un gusto di spezie e di frutta. Diversi ceppi di lievito emanano una varietà di sapori e aromi. "Si fermentavano insieme malti cotti e crudi miscelati con acqua e malto, e la miscela era privata della buccia prima di aggiungere i lieviti," secondo le analisi presentate da Samuel Delwen (Science, luglio 1996).

I miei riferimenti per questa ricetta sono stati gli articoli dal titolo “King Tut’s Tipple” (Discover, genn. 1997), di Shanti Menon, e l’articolo su Science, luglio 1996, di Samuel, Delwen. Per ulteriori informazioni, potrete consultare le pubblicazioni del McDonald Institute for Archaeological Research, University of Cambridge, Downing Street, Cambridge CB2 3ER, Regno Unito.

Fonte: Examiner.com


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it