Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Edith Sherwood Ph. D.
IL MANOSCRITTO VOYNICH DECIFRATO?


Vi proporrò alcuni esempi per dimostrare che il codice utilizzato nel manoscritto Voynich è probabilmente una serie di anagrammi di parole italiana scritte in una scrittura di fantasia abbellita. Questo codice, che ha spinto gli studiosi in confusione per quasi un secolo, quindi non è complicato come appare a prima vista.
Tutti i tentativi del secolo scorso per decodificare questo manoscritto misterioso sono falliti. Ciò è probabilmente dovuto ad un errore iniziale da parte di Voynich e dei suoi seguaci, che attribuirono la paternità del manoscritto a Roger Bacon, scienziato britannico, monaco e studioso del sec. XIII. Come ho dimostrato in un precedente articolo sul mio sito web, Il manoscritto Voynich, l'autore era mancino?, Roger Bacon non avrebbe potuto scrivere questo manoscritto e io ho suggerito che un Leonardo da Vinci giovane (dagli 8 ai 10 anni), potesse esserne un autore probabile. Utilizzando questa premessa ho provveduto a prendere in considerazione ciò che sarebbe necessario per decodificare questo manoscritto e ho raggiunto le seguenti conclusioni:
1. Determinare la lingua utilizzata per scrivere il manoscritto
2. Correlare l'alfabeto Voynich con l'alfabeto inglese moderno
3. Decifrare il codice
Se Leonardo da Vinci fosse stato l'autore del Manoscritto Voynich, avrebbe usato la lingua di Dante, cioè un italiano medievale, così ho assunto che la lingua del Manoscritto dovesse essere l’italiano. Inizialmente ho utilizzato i caratteri di base EVA di Rene Zandbergen (1) come punto di partenza per correlare le lettere del Manoscritto Voynich con l'alfabeto inglese, pur tenendo conto del fatto che l'alfabeto italiano utilizza solo 21 lettere. Più tardi nei miei studi ho dovuto modificare alcune delle correlazioni EVA. Poiché anche i migliori interpretatori di crittografie, utilizzando potenti calcolatori, non erano in grado di decifrare il codice, non appariva probabile che avrei potuto violare il codice. Sono comunque abituata a risolvere rebus e a giocare a Text Twist e questo mi ha fatto prendere in considerazione un approccio diverso. Quando ho esaminato la scrittura del Manoscritto Voynich, ho notato che ci sono state pochissime correzioni, e la scrittura, anche se lenta, aveva un aspetto di fluidità. Un codice complesso richiede che si effettui una copia preliminare utilizzando, ad esempio, una lista di appunti. La carta era costosa nel secolo XV. Produrre un manoscritto di 200 pagine in queste condizioni sarebbe un compito molto noioso. La codifica deve essere stata semplice, facile e diretta. Gordon Rugg (2) ha suggerito che il Manoscritto Voynich non sia altro che un miscuglio di lettere senza senso! Mi chiedevo se ciò non fosse corretto, ma con una modifica, che solo le singole parole fossero confuse, cioè anagrammi. Ciò è stato inoltre incoraggiato dal guardare l'ultima pagina, Folio 116v del VM, e scoprire che la riga in alto in questa pagina è:


L'alfabeto italiano non utilizzava la lettera X. Leonardo ha usato questa lettera come abbreviazione per ver.(3) Questa linea può essere interpretato come segue:
Povere leter rimon mist(e) ispero
Che si può tradurre come segue:
“Mi ispira il rimescolare le singole lettere”.
Questa breve frase indica che l'uso di anagrammi deve essere preso in considerazione. Ciò è stato ulteriormente sostenuto dalla lettura di Wikipedia, che ricordava che gli anagrammi erano popolari in tutta Europa durante il Medioevo e che alcuni astronomi del secolo XVII, durante le operazioni di verifica delle loro scoperte, usavano gli anagrammi per nascondere le loro idee. Così Galileo ha annunciato la scoperta che Venere ha le fasi come la Luna, sotto forma di un anagramma. Allo stesso modo Robert Hooke, nel 1660, ha pubblicato la prima volta la legge di Hooke sotto la forma di un anagramma.
Gli anagrammi di parole non sempre offrono una soluzione unica ed una correlazione esatta tra i caratteri EVA e l'alfabeto inglese non è stata stabilita, pertanto, per verificare quest'ipotesi degli anagrammi nel modo più preciso possibile, ho usato le singole parole trovate su molte delle pagine del codice che raffigurano erbe. La maggior parte di questi disegni sono così poveri che l'autore del manoscritto, ovviamente, ha ritenuto necessario individuare le radici / piante con i nomi. Ho quindi usato queste parole per aiutarmi a modificare i singoli termini dell'alfabeto EVA (come mostrato sotto), basati sul nome della pianta / radice ottenuto dall’anagramma, successivamente tradotto in italiano. Ciò ha comportato per la maggior parte una corrispondenza utilizzabile tra il Manoscritto Voynich e l’alfabeto inglese che, una volta stabilita, è stata utilizzata per decifrare tutti gli anagrammi successivi. Sino a quel momento, però, non ero stato in grado di identificare tutte le 21 lettere dell'alfabeto italiano nel Manoscritto Voynich (j, k, w, x, e y escluse). Le lettere H, Q, Z e T non sono state identificate e ci possono essere anche alcune combinazioni di lettere, come quella utilizzata per tl, che devono essere identificate. La combinazione ll può essere rappresentata o da una o da due l. O come le lettere O e A, quando si trovano alla fine di una parola, hanno una coda che può farle facilmente confondere con G, che ha una coda curva. Altre lettere, come M, N, R e U, quando si trovano alla fine di una parola hanno uno svolazzo. E' difficile interpretare le parole che hanno un gran numero di C e di E. Questi anagrammi sono meglio risolti per tentativi ed errori. Le lettere che ho usato per passare dal Manoscritto Voynich ai loro equivalenti inglesi sono riportate nella tabella sottostante:


Tramite l'utilizzo di questo alfabeto di base, ho individuato una serie di piante, erbe e verdure dalle pagine sulle erbe. Non ero in grado di decifrare tutte le parole, senza dubbio a causa del fatto che molti nomi di piante di circa 500 e più anni fa, probabilmente, sono nel frattempo caduti in disuso. In aggiunta la modifica nella grafia di alcune parole può avere reso difficile per una come me, che non legge o parla italiano, decifrare queste parole.
Ho utilizzato un sito Internet, ‘Italian Anagram Dictionary', per aiutarmi a decodificare le parole e tradurre gli anagrammi in inglese. Il libro 'Orto Botanico di Padova 1545-1995'(4) ha contribuito a individuare alcuni dei nomi comunemente utilizzati per gli impianti in Italia, nel secolo XVI. Potete giudicare dagli esempi qui di seguito, se questo codice di anagrammi è riuscito a decifrare questa selezione limitata dal manoscritto Voynich. Spero che qualcuno di voi che legge la scrittura medievale italiana aiuterà a decifrare più del manoscritto, in modo che possiamo dipanare finalmente i misteri, se del caso, che questo manoscritto nasconde.
Quando ho dato a questo manoscritto una lettura finale, improvvisamente mi ricordai che Dan Brown usava gli anagrammi, nel suo libro 'Il Codice Da Vinci'. Sarebbe ironico se Leonardo da Vinci fosse accertato come l'autore del manoscritto Voynich e si ammettesse che ha usato anagrammi per il suo codice. Dubito tuttavia che il manoscritto Voynich avrà molto da dire su Maria Maddalena e il Priorato di Sion, ma ciò resta ancora da vedere.
Le pagine che seguono contengono le sezioni del manoscritto Voynich, con parole che sono state decodificate utilizzando il metodo degli anagrammi. La prima riga sopra il testo del manoscritto Voynich è l'interpretazione moderna inglese delle lettere. La seconda linea è un anagramma italiano di queste lettere. La terza linea è l'anagramma tradotto in inglese.


























Wilfred M. Voynich acquistò il manoscritto Voynich da un monastero gesuita del Nord Italia nel 1912. Esso si trova attualmente nella Beinecke Rare Book Library dell'Università di Yale. Il manoscritto è fatto di morbida pergamena di colore chiaro e si ritiene che abbia circa 500 anni. È costituito da circa 200 pagine con disegni di piante, immagini astronomiche e astrologiche e disegni biologici che sembrano essere legati al processo riproduttivo umano. Il testo è in un codice che ha stupito gli studiosi ed esperti di crittografia per quasi un secolo. Anche se non sono stata in grado di decifrare più di qualche parola di questo strano documento, penso che le mie osservazioni relative alla sua paternità possano aiutare altri a leggerlo.


La mia prima conoscenza del manoscritto avvenne grazie ad un breve articolo di Alfred Werner in un numero del 1962 della rivista Horizon. Quando lessi l'articolo, mi affascinò subito la somiglianza della scrittura con quella di Leonardo da Vinci, un fatto notato anche nel 1975 dal figlio di Robert S. Brumbaugh.(5)
Un disegno che rappresenta il segno zodiacale dell'Ariete, con quindici donne nude sedute in vasche, aveva attirato la mia attenzione. Un cugino antiquario mi disse che le vasche probabilmente rappresentavano vasche per il parto, che erano in uso nel Medioevo, per aiutare la nascita di un bambino. La maggior parte delle donne raffigurate appaiono in stato di gravidanza. Da un esame più approfondito del disegno è emerso che questo suggerimento delle vasche da parto è probabilmente corretto. Un bambino appare nella vasca indicato da una freccia (ingrandita nell'angolo in alto a sinistra della figura 1) e la signora non appare più in stato di gravidanza. Questa vasca si distingue anche perché la signora è in possesso di un stringa a righe con la stella sulla punta, mentre tutte le altre signore tengono stringhe lisce. Per inciso, se si digita "vasca da parto" in un motore di ricerca su internet si trova una serie di pubblicità, perché le vasche da parto stanno ancora una volta diventando sempre più popolari.
Non occorre un grande sforzo d’immaginazione per arrivare alla conclusione che questo disegno può riferirsi ad un individuo nato di sera (stelle), il 15 (15 piccole donne) del mese di aprile (Ariete). La nascita si è verificata in qualche momento tra le 9 e mezzanotte (la vasca con il bambino si trova a metà strada tra le posizioni 9 e 12 d’un quadrante d’orologio). Durante il periodo medievale, il nuovo giorno iniziava con il tramonto, un tempo che cambiava con il mutare delle stagioni. Semplici orologi meccanici erano stati inventati, ma una sola lancetta era utilizzata per rappresentare l'ora e il quadrante aveva 24 ore a partire dalla mezzanotte. Gli orologi erano troppo imprecisi per giustificare l'uso di minuti. Questa persona, se questa ipotesi è corretta, potrebbe essere nata tra le 10 e le 11 di sera, il 15 aprile.


Chi era questo misterioso individuo? Beh, il suo nome è scritto sotto il segno dell’Ariete e si presenta come ob ... l, ma dobbiamo aspettarci che il nome sia visto allo specchio o, meglio ancora, fotocopiare l'immagine e guardare il suo rovescio, alla luce e, come l'immagine speculare della figura indica, il nome può essere Lionardo. La "r" è aggiunta sopra il nome. Questo tende a sostenere la mia osservazione che la scrittura è simile a quella di Leonardo da Vinci, il quale scriveva il proprio nome Lionardo, non Leonardo.


La figura mostra un confronto di questa firma, diritta e speculare, con la firma autografa di Leonardo da Vinci, anche diritta e speculare. (5) La somiglianza è evidente, ma un esperto di scrittura sarebbe tenuto a confermare questo. Inoltre ci sarebbe stato il passaggio di un certo numero di anni tra le due firme, che si vede nel cambiamento di certe lettere. La firma è stata scritta in modo speculare per iscritto, mentre l'altra non lo era. Vi mostro anche un disegno di un cervo preso da uno dei puzzle di immagini di Leonardo. C'è una somiglianza tra il disegno e l'Ariete nel grafico natale.


Un’ulteriore conferma viene dalla registrazione fata dal nonno di Leonardo della sua nascita e del battesimo nel 1452: "A mio nipote è nato, figlio di Ser Piero mio figlio, il 15 aprile, Sabato alle tre di notte. Il suo nome era Lionardo ... "Secondo il calendario di quei tempi, il tempo era 22,30. (7)
Un attento studio della figura mostra che vi è una data del 1452 per la vasca con il bambino e le uniche parole che sono stata in grado di decifrare nell'immagine speculare di questo grafico sono le parole "sabatto notto," Sabato sera! La mostra gli ingrandimenti della vasca e la scritta. Queste osservazioni supplementari più o meno confermano che l'autore del manoscritto Voynich era probabilmente Leonardo da Vinci. Entrambi Leonardo da Vinci e l'individuo dal grafico sono nati nel 1452 il 15 aprile, una notte di Sabato, tra le 10 e le 11. Questo non può essere una coincidenza.
La foto mostrata in Figura 1 è la prima della coppia di carte astrologiche in Z3610559, scaricata dalla Yale University, Beinecke sito web Biblioteca manoscritti rari. E' stata caricata in Photoshop in cui è stato convertito da RGB a scala di grigi per aumentare la definizione e il contrasto rafforzato. L'immagine allo specchio è stata ottenuta utilizzando l'opzione flip orizzontale. Non c’è stata ulteriore manipolazione delle immagini, tranne per il taglio e l’ingrandimento di parti della foto. Chiunque abbia un computer, l'accesso a Internet e Photoshop, può quindi ripetere le immagini di cui sopra. L’altro disegno astrologico fa parte di Z3610559, è anche un Ariete tabella con 15 onorevoli poco e un paio di piazze decorative indicazione circa alla stessa ora della notte, come la vasca con il bambino. L'immagine speculare del nome sotto l'ariete appare anche come Lionardo. Z3610559 purtroppo è una delle più povere del scansioni che la Biblioteca Beinecke offre al pubblico. La maggior parte delle altre sono piuttosto buone e si spera che questa possa essere migliorata. Non di meno è abbastanza buona per mostrare i punti che sto cercando di studiare e sono grata che la Biblioteca Beinecke si sia presa la briga di condividere il manoscritto con il resto del mondo. Se hai problemi ad accedere alle immagini, chiamare la Biblioteca. Sono estremamente gentili.
Io non sto suggerendo che un Leonardo maturo abbia scritto questo manoscritto, in realtà appare per le seguenti ragioni come l’opera di un bambino molto precoce, piuttosto che di un adulto maturo.
• Secondo gli esperti botanici dei fiori e dei sistemi di radice di alcuni degli impianti non corrispondono. Questo è un errore che un bambino può fare.


• I disegni biologici hanno una qualità infantile. Un disegno, s3724838, mostra una delle piccole signore, come indica la freccia, con entrambi i seni e genitali maschili. Questo non è certo un errore da adulto. Questa immagine rappresenta anche l'unione di uno spermatozoo con gli ovuli, il che indica uno straordinario spaccato della riproduzione umana. L'autore di queste immagini aveva tuttavia familiarità con l'anatomia umana di sesso femminile, ma probabilmente aveva osservato la dissezione di un cane di sesso femminile o di suino.
Disegni di Leonardo da Vinci di un feto sono straordinari e come adulto non avrebbe fatto questo tipo di errore.
• Il disegno si distingue per essere quello d’un bambino, ma è solo sufficiente per un adulto.





• Questo non è il solo disegno del manoscritto che riveli l'uso di immagine speculari per scrivere o disegnare. Ci sono un certo numero di altre carte astrologiche che rappresentano gli altri segni dello zodiaco. Ho ritagliato alcune delle immagini e messo il segno e il nome sotto di esse, insieme con la mia interpretazione del nome. La scrittura di alcuni dei nomi è diversa e non tutti i nomi sono scritti specularmente. Poiché non si sa nulla circa l'infanzia di Leonardo, è difficile per me mettere queste immagini in relazione con i suoi primi anni di vita. Il disegno dei Gemelli è interessante, in quanto raffigura un uomo e una donna vestiti in abiti tipici del XV secolo in Italia. Nel disegno astronomico della Via Lattea, le stelle si muovono attraverso il cielo notturno in senso orario. Come le stelle nel cielo sorgono in Oriente e in Occidente insieme, viaggiando in senso antiorario, questo disegno è l'immagine speculare di ciò che avviene realmente.(8)
Leonardo è famoso per la sua scrittura e i suoi disegni speculari ed è probabilmente unico nell'uso di questa idiosincrasia.


Che cosa dire per il cifrario? La maggior parte del manoscritto è stato scritto da cima a fondo e da sinistra a destra. Sono sicura che, anche nel corso del XV secolo, un bambino mancino fosse incoraggiato a conformarsi alle esigenze di un mondo di mano destra e scrivere in modo convenzionale. Tuttavia sembra che la scrittura speculare sia stata una caratteristica dominante anche durante l'infanzia di Leonardo, come i disegni astrologici e astronomici indicano. Le poche parole che sono stata in grado di decifrare sono in italiano, ma io non sono una linguista e non posso leggere il moderno italiano, figuriamoci il dialetto del XV secolo in Toscana, senza l'ausilio d'un dizionario! Un certo numero di parole del manoscritto sembra essere ripetitivo, quindi immagino che siano lì solo per confondere il lettore e non abbiano nulla a che fare con il testo reale. Le parole rimanenti possono comportare semplice sostituzione di lettere, ad esempio "cc" rappresenta "su". Le prime parole in s3724838, sembrano Feccccdo ecc, ma potrebbe essere Fecondo ????? dama uretra. Ciò è in accordo con il contenuto del disegno.
Che cosa dicono gli esperti circa la datazione del manoscritto?

• Hugh O'Neill dell'Università Cattolica ha individuato uno dei disegni botanici come un girasole americano. Poiché i girasoli sono nativi delle Americhe e non sarebbero stati conosciiuti in Europa molto prima del 1500. Io non sono un botanico, ma questo disegno potrebbe anche rappresentare un carciofo, che è nativo del sud Europa.(9)
• Un esperto medievale di erbe, Sergio Toresella, considera che il manoscritto Voynich è stato scritto in un montaggio di scritte con il movimento umanista italiano e dovrebbe essere datato intorno al 1460.
• L’esperto di arte rinascimentale Erwin Panofsky, suggerisce che il manoscritto è del 1470 ed è nato in Germania.
• John Manly suggerisce una datazione al XV secolo.
• Il Dr. Robert Babcock pensa che il modo in cui la pergamena è stata preparata risale al XVI secolo.(10)

La maggior parte degli esperti indica che il manoscritto risale alla seconda metà del XV secolo. Io postulo che Leonardo da Vinci abbia scritto il manoscritto Voynich verso il 1460, quando aveva circa 8 anni. Se non mi sbaglio, l'Università di Yale possiede un manoscritto prezioso, che potrebbe essere di grande interesse per gli studiosi di Leonardo da Vinci.

Riferimenti

1. Kennedy, G. and Churchill, R., 2006, The Voynich Manuscript, Inner Traditions, Rochester Vermont, p.243.
2. ibid p.245.
3. Richter, J.P., 1970, The Notebooks of Leonardo da Vinci, vol I, Dover Publications, New York, p.1-4.
4. Ed. Minelli, A., Marsilio, 1995, p. 207-241.
5. The Most Mysterious Manuscript, edited by Robert S. Brumbaugh, Southern Illinois University Press, 1978, p 117.
6. The unknown Leonardo, ed. Reti L. McGraw Hill Book Company, New York, 1974, p.57.
7. Leonardo da Vinci, Reynal & Company, New York, 1956, p.7.
8. Sono grata a Big Jim e al suo sito web per la puntualizzazione.
9. Sono grata al sito web Stolfi per la puntualizzazione.
10. Queste osservazioni sono state prese dal sito web geocities.com/voynichms/origin.

Fonte: http://www.edithsherwood.com/voynich_decoded/index.php


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2016 e-mail: liutprand@iol.it