Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Christian da C. Karam
FENICI IN BRASILE


Uno studio ricercato, tradotto e presentato per gentile concessione del Sig. Christian da C. Karam, studioso di Archeologia, Porto Alegre, in Brasile.

In un’epoca che molti vorrebbero collocare circa 11.000 anni fa (9500 a.C.), il nostro pianeta fu colpito da un enorme cataclisma che fece sollevare una buona parte della Cordigliera delle Ande. Le cause della catastrofe non sono completamente note, ma si crede che una delle probabili cause fosse l’arrivo di un corpo celeste di massa enorme, che avrebbe potuto passare vicino alla Terra, provocando tensioni tremende nel magma interno del pianeta. Tali vere e proprie "maree" del magma sottoposero la crosta sottile solida del pianeta a pressioni maggiori di quelle che avrebbe potuto sostenere. In molti punti il terreno si distese e in altri si piegò. Inoltre, alcune parti del suolo affondarono e altre parti si sollevarono.
Fu in un altro periodo, più recente, (nel secondo millennio a.C., secondo i recenti studi di Alberto Arecchi), che si prosciugò il grande lago, che esisteva in una zona oggi occupata dal deserto del Sahara, i contorni del Mediterraneo furono modificati, e la grande isola–continente che esisteva nel mezzo del mare, conosciuta come Atlantide, fu sommersa.
Atlantide fu la principale vittima di quel cataclisma, che causò la caduta della sua potente civiltà. Basti dire che, secondo vari testi antichi che, dopo il naufragio dell’isola–continente, i sopravvissuti si trasferirono in Africa.
Platone racconta gli scontri che Atlantide ed i suoi alleati ebbero con gli egiziani e greci e il modo in cui infine furono sterminati. Tuttavia, essi hanno lasciato segni indelebili nella cultura del popolo antico, come nella civiltà fenicia, che fu il loro successore nel commercio sul mare.
I Fenici abitavano le coste del Mediterraneo, la striscia stretta e fertile situata tra il mare e le montagne del Libano e dell’Anti–Libano. Il loro piccolo territorio, la presenza di potenti vicini e l’esistenza di legno di cedro tanto (abbastanza buono per le costruzioni navali) nelle foreste di montagna possono essere stati gli ulteriori elementi che guidarono la civiltà fenicia verso l’esplorazione dei mari.
Costruirono flotte grandi e potenti. Essi visitarono le coste del Nord Africa e di tutto il sud europeo, commerciarono in Italia, entrarono il Mar Nero e salparono fuori del Mar Mediterraneo, attraversando le Colonne d’Ercole (l’attuale Stretto di Gibilterra, precedentemente noto come le colonne di Melqart), raggiungendo la costa africana dell’oceano Atlantico, e finalmente arrivarono alle Isole dello Stagno in Inghilterra. Sempre commerciando, i Fenici costruirono scali e magazzini, lungo le loro rotte. Quando potevano, rubarono un po’, ma sempre cercando di non provocare i nemici potenti, che preferivano indebolire con l’allettamento dei prodotti d’oro, piuttosto che con la spada o con la lotta. Gli agenti e i diplomatici fenici avevano familiarità con quasi ogni guerra combattuta in quel momento e se ne servivano per trarne vantaggio. Navigarono lungo la costa del continente africano seguendo una rotta opposta a quella che sarebbe tracciata da Vasco da Gama molto più tardi. E un numero sempre maggiore di prove sembra confermare che i Fenici fossero capaci di attraversare l’Oceano Atlantico per visitare il "Nuovo Continente". I Fenici navigavano utilizzando la tecnica di orientamento con le stelle, le correnti marine e i venti. Così, seguendo tali elementi, i loro capitani coprivano enormi distanze con precisione. Erano già influenti intorno all’anno 2000 a.C., ma il loro potere crebbe sotto i regni di Abibaal (1020 a.C.) e di Hiram. Byblos, Sidone e Tiro furono capitali successive di un impero commerciale di città–stato, prima di tutto unito da legami di interessi, abitudini e religione, piuttosto che da una rigida struttura politica.

Fenici in Brasile
Il Brasile è pieno di testimonianze che confermano la presenza fenicia nel suo territorio e tutto indica che la loro occupazione si concentrava soprattutto nella regione di nordest. Un po’ lontano dalla confluenza dei fiumi Longá e Parnaiba, nello Stato di Piaui, vi è un lago dove sono stati scoperti cantieri navali fenici e un porto con un posto riservato per l’ancoraggio dei "Carpássios" (antiche navi per lunghi viaggi).
Con la navigazione del fiume Mearim verso nord, nello Stato di Maranhão, si arriva alla confluenza dei fiumi Pindaré e Grajaú. Qui possiamo trovare il lago Pensiva, prima noto come Maracu. Sulle sponde di questo lago si possono trovare cantieri navali di legno pietrificato contenente robusti chiodi e perni di bronzo. Il ricercatore Raimundo Lopes, nato nello Stato di Maranhão, scavò in quel posto alla fine degli anni Venti e scoprì gli strumenti, di fattura tipicamente fenicia.
Nello Stato del Rio Grande do Norte, dopo aver percorso un canale di 11 km, le barche utilizzate dai Fenici potevano ancorarsi nel lago Extremoz. Il professore austriaco Ludwig Schwennhagen ha studiato con attenzione le parti sotterranee del luogo e gli argini, e anche alcuni altri che esistono nei pressi del villaggio di Touro, dove i navigatori fenici si ancoravano dopo aver percorso un canale di circa 10 km. Lo stesso professore Schwennhagen dice che ha trovato iscrizioni fenicie in Amazzonia, in cui ci sarebbero riferimenti a molti re di Sidone e Tiro (887–856 a.C.).
Schwennhagen ritiene che i Fenici usassero il Brasile come loro base almeno per 800 anni, lasciando, oltre a testimonianze materiali, una notevole influenza linguistica tra gli indigeni.
Nell’accedere dalle foci ai fiumi Camocim (Stato di Ceará), Parnaiba (Stato di Piaui) e Mearim (stato di Maranhão), ci sono muri in pietra e blocchi di terra, costruiti dagli antichi Fenici.
Apollinaire Frot, un ricercatore francese, ha viaggiato per tutta la campagna brasiliana per raccogliere iscrizioni fenicie nelle montagne degli Stati di Minas Gerais, Goiás, Mato Grosso e Bahia. Le iscrizioni che ha messo insieme sono tante che "avrebbero potuto riempire innumerevoli volumi, se mai fossero state pubblicate", secondo le dichiarazioni di Frot.
La traduzione di queste iscrizioni riferisce di opere fenicie in Brasile, della loro attività commerciale praticata in quelle terre lontane e dell’affondamento di Atlantide. Alcune iscrizioni rivelano che, a causa del cataclisma geologico che colpì Atlantide, i sopravvissuti andarono nell’Africa del nord per fondare l’impero d’Egitto e molti altri stati della regione, oggi nota come il "Medio Oriente". Tali iscrizioni parlano inoltre del diluvio biblico che, secondo loro, non fu una catastrofe universale, ma solo un cataclisma locale, limitato alla regione della Mesopotamia. Questo è un fatto che gli scienziati oggi accettano come vero.
La condizione di leader sul piano economico, e la dipendenza di altri dal loro commercio, diede ai Fenici una sorta di stabilità che permise una lunga durata della loro civiltà, senza dover far ricorso a guerre armate. La Fenicia sopravvisse alle egemonie degli Egizi, di Siriani ed a quella degli Assiri e persino alla dominazione persiana. Infine, uno strano elemento razziale apparve, con gli invasori provenienti dall’Europa. Così la Fenicia tremò, dapprima sotto l’invasione greca guidata da Alessandro Magno e poi sotto il potere delle legioni romane.
Con una tale guerra, le pratiche commerciali furono interrotte e le lontane colonie e gli insediamenti, ora abbandonati, cominciarono ad essere distrutta dalle popolazioni locali. Gli abitanti di quelle regioni, troppo lontane dalla metropoli, si ritirarono in uno stato primitivo. Anche se queste sono solo teorie, un tale evento spiegherebbe i capelli biondi e le diverse costituzioni fisiche di selvaggi che si possono trovare presso alcune tribù indie del Brasile in Amazzonia. Spiegherebbe anche la pelle chiara e il gran numero di espressioni e parole di impronta fenicia usate dagli indiani Tiriós. Cartagine, la più grande delle colonie fenicie, sopravvisse e prosperò quando ereditò la pratica marinara dalla sua antica città madrepatria. Lo riferisce Erodoto, il famoso storico greco: "il Senato cartaginese pubblicò un decreto per vietare, sotto pena di morte – di organizzare o effettuare viaggi dall’altra parte dell’oceano Atlantico, perché la partenza frequente di uomini e di risorse andavano svuotando la capitale".
Infine vi è la famosa iscrizione nella "Pedra da Gávea" a Rio de Janeiro, che afferma: "Qui Badezir, re di Tiro, figlio primogenito di Jetbaal".
Non vi è alcuna opera scientifica o culturale in Brasile che presenti dati definitivi circa l’arrivo dei Fenici al suo territorio. Tuttavia, ci sono alcuni riferimenti a materiale estraneo ai navigatori Fenici nelle terre del Brasile prima della sua scoperta europea. Anche se questo dato può sembrare irreale, leggendario e fittizi, voglio credere che sia proprio vero.
iscrizioni fenicie trovato a Tiro, conosciuta oggi come Sur (il suo nome in arabo), sono sulle lapidi delle tombe, che sono ora a Londra. Essi indicano una spedizione di un navigatore fenicio sino a una regione al di là dello Stretto di Moloch (oggi Gibilterra) dove "il mare penetra nella terra ..." un luogo dove c’era abbondanza di cibo e un sacco di legno.
C’è ancora un altro fatto: negli scavi compiuti a Sidone nel 1860, gli archeologi francesi individuarono, molti artefatti di legno che potevano provenire soltanto dal Brasile. Si tratta del famoso legno "quebracho" "Quebra Machado" (il legno che spezza il machete), come è chiamato nella campagna brasiliana. Oltre a questo tipo di legno, ne è stato trovato un altro di colore rosso, il cui nome oggi in arabo rimane lo stesso di quello datogli in epoca fenicia:"Shajarat Ahmar"– un legno chiamato in portoghese Pau–Brasil, dal quale ha preso il suo nome l’ex colonia d’oltremare.
A proposito, qual è l’origine del nome, che è dato al primo tratto del corso del Rio delle Amazzoni dopo la sua fonte?
La risposta a questa domanda è reperibile negli archivi del Museo del Louvre, al Royal Museum di Londra e anche in Vaticano e nei documenti storici di Lisbona, che precisano che il nome di Fiume dei Salomoni (Rio Solimões) proveniva dalla sua denominazione primitiva, che potrebbe essere "Sulaiman". Quindi, il fiume sarebbe stato battezzato in onore del grande Re d’Israele Sulaiman (Salomone) – dai suoi vassalli che arrivarono in quelle regioni guidate dai Fenici, diversi anni prima dell’era cristiana.
Tutte le iscrizioni cuneiformi scoperte in Amazzonia, nella zona Ararí, così come nella Guyana francese e nel Surinam, come geroglifici e graffiti rupestri, mostrano chiaramente la loro origine dalle iscrizioni aramaiche, siriache e anche dal sanscrito.
Molte fotografie del Museo Storico Nazionale mostrano iscrizioni enormi, che sono ampiamente diffuse dal fiume Solimões sino al punto in cui il suo nome diventa quello di Rio delle Amazzoni (dal fiume Ararí al fiume Madeira). Tali iscrizioni dimostrano solo un poco della grandezza delle altre, che esistono in tutto il Brasile.
Qualcuno ha già cercato di dimostrare a Rio de Janeiro che il popolo Maya potrebbe avere inciso i graffiti e le iscrizioni rupestri della Gavea. Tuttavia si tratta d’iscrizioni geroglifiche mescolate con l’alfabeto fenicio e originariamente incise dai navigatori fenici. Altre testimonianze sono quattro caratteri fenici (segni alfabetici) incisi sulla cima della grande roccia conosciuta come "Pão de Açúcar" (Il Pan di Zucchero).
Ci sono varie conferme che il Brasile fosse già conosciuto da molti marinai del Vicino Oriente, anche prima della sua ‘scoperta’ da parte dei portoghesi. Il primo navigatore europeo ad avere familiarità con questa terra fu il romano Pompeo Severo, i cui documenti relativi a tale circostanza sono reperibili negli archivi del Vaticano. Egli ottenne da uno schiavo “siriano” una relazione e una conferma dell’esistenza d’altre terre. Si ignora il motivo per cui il navigatore non cercò egli stesso di verificare quelle storie.
Gli esploratori fenici non erano interessati a scoprire nuove terre, ma al commercio dei prodotti locali. Non erano un popolo colonizzatore, ma una stirpe di commercianti.
Colombo, il grande navigatore genovese, non era mai stato nelle terre di cui si parlava così tanto. Tuttavia, egli aveva un itinerario, una mappa ed altri documenti relativi a tali terre lontane. Come aveva fatto a trovarli? Alcuni storici antichi raccontano la storia seguente: "Un giorno, a casa sua, senza nulla da fare, Colombo si rese conto che nella sua zona residenziale c’era qualcosa sepolto nel terreno. Così, iniziò subito a scavare e trovò una cassa di legno marcio che conteneva molte ossa umane (anche un cranio) e tra le ossa trovate vi erano documenti scritti su papiri. Perché Colombo aveva già una certa conoscenza nautica, ed era un buon marinaio,rimase affascinato dalla scoperta e andò a cercare informazioni presso un suo zio che apparteneva a una istituzione religiosa e che era anche una persona molto rispettata dalla Casa Regnante spagnola. Colombo mostrò quello che aveva trovato a suo zio, e quindi a uno dei suoi colleghi. Poi entrambi verificarono che quelle carte erano le mappe descrittive fatte da un marinaio di Tripoli (Tarabulus), che era stato sepolto molti secoli prima del XV secolo, quando il luogo in cui si trovava la casa di Colombo era vicino al mare. In seguito, Cristoforo Colombo ottenne un parere da un cartografo molto importante su questi risultati eccezionali. Egli dichiarò che vi appariva una regione d’immensa estensione, situata al di là delle Colonne d’Ercole (Stretto di Gibilterra). Egli diceva anche che vi si trovava una ricchezza così grande e vi erano conservati tali tesori, che colui che l’avesse potuta dominare sarebbe stato considerato "il Signore del mondo".
Quindi da quel giorno, protetto da suo zio, Colombo cominciò a visitare le corti di Portogallo e di Spagna per ottenere concessioni, finanziamenti e sostegno al fine di diventare il "Signore del mondo".
Si dice che tale racconto sia una leggenda, ma credo che sia vero: Colombo venne e scoprì il continente americano.
Nei "sambaquís", strani tumuli di conchiglie diffusi su tutto il litorale atlantico del Brasile, sono stati trovati molti oggetti e anche iscrizioni su pietre. Alcuni scrittori, basandosi su materiale paleontologico, hanno scritto che l'origine di tali particolari tumuli è indiana. Altri paleontologi che hanno cercato e sono penetrati in migliaia di caverne, grotte e cave di materiale, hanno dichiarato che non è possibile definire l’esatta erosione geologica delle terre brasiliane, né trovare un antico insediamento in Brasile, prima della sua scoperta europea.
Tuttavia i Maya, i Toltechi e la civiltà azteca predominavano in tutto il continente americano. Quei popoli non erano scaturiti dal suolo e solo due altri popoli potrebbero essere i loro antenati: i Fenici o i Cinesi. I Fenici, perché dominavano i mari occidentali, e i Cinesi, perché dominavano i mari dell’Estremo Oriente. Tuttavia, tali basi sono incerte e imperfette, proprio perché fino ad oggi gli storici non sono stati in grado di chiarire tale fatto delicato sulla storia americana prima della civiltà. Quando il barone von Humboldt, alla fine del XVIII secolo, viaggiò per esplorare la campagna brasiliana, raggiunse il bacino dell’Orenoco e rimase sorpreso dalla grandezza che Maya, Inca e la civiltà azteca offrivano agli occhi e alla mente di chiunque. Egli verificò che le leggende circa l’esistenza del Rio delle Amazzoni, donne–guerriere, il cui nome è stato dato al fiume – erano vere. Beuchat cita l’importante influenza della civiltà Inca nel Sud America, nonché l’influenza azteca in Messico e nelle società Centro americana.
Possiamo ancora sentir parlare di città perdute nella regione delle campagne brasiliane, di città pietrificate, come quella chiamata "Sete Cidades" (Sette Città), nello Stato del Piaui e altre in zone selvagge, come gli Stati di Mato Grosso, Goiás e Amazonas.
Da São Luis dos Cáceres sino a nord, nello Stato del Mato Grosso, ci sono luoghi che mostrano l’esistenza di città sepolte, che possono essere i resti di una civiltà millenaria.
Il dottor Peter W. Lund, un grande studioso danese, elaborò la teoria di una pre–civilizzazione in Brasile e del contributo fenicio nella sua formazione.
Un gruppo di indios brasiliani, noti come Carajá, mantiene nei nomi l’etimologia di parole la cui origine fenicia (semitica) si ritrova oggi nella lingua araba. Alcune altre tribù indiane brasiliane come i Guarani, i Tupi, i Guajajara, gli Chambicá, gli Anajá, i Carijó, ecc, hanno nel loro vocabolario migliaia di parole la cui origine è arabo–fenicia.
Maya e civiltà azteca differiscono di poco dai Fenici. I loro mercanti, i governatori, l’amministrazione, i clan e la loro educazione morale, ci mostrano chiaramente l’etnologia del loro modo di vivere civile.
Gli indiani che si occupano di produrre olio, nel nord del Brasile, e che ancora oggi eseguono il loro lavoro perfettamente, adottano gli stessi sistemi utilizzati dai produttori d’olio fenici, mescolando l’olio col legno e la cenere di vite con il fango (argilla) per la produzione di ceramica. La somiglianza tra i loro disegni, le forme dei vasi, le piccole statue ed altre opere degli indios e i manufatti fenici è notevole.
Lo stesso rituale fenicio di sepoltura – quello di seppellire i morti con tutti gli oggetti che appartenevano loro – è stato anche adottato da quasi tutte le tribù indiane del Brasile.
I Fenici avevano un deposito o uno scalo in una regione leggendaria conosciuta come Atlantide, che nella loro lingua significa – secondo il termine fenicio "Al–atlantica" –: grande, ampio, vasto, infinito. Anche in arabo "Al–atlantica" significa gigante, maestoso.
Quando ho compiuto alcuni viaggi nella campagna brasiliana, ho visto delle monete che erano state trovate in terra brasiliana, la cui origine è del tutto sconosciuta. Facendo un confronto tra queste monete e altre trovate nel Paraguay, in Boliviano e in Perù, loro somiglianza con le monete di Sidone e Tiro è molto grande.
Nel Museo Nazionale di Rio de Janeiro esistono lapidi con iscrizioni fenicie, siriache e in sanscrito, provenienti dalla campagna brasiliana. Edmund Bleibel, un noto storico libanese, nei suoi libri "Storia generale del Libano", pubblicati a Beirut, afferma: "quando i Fenici si erano stabiliti in Africa e Gibilterra era il limite del loro impero, avevano progettato di attraversare l’enorme oceano verso l’ignoto".
Allora Ilu di Jbail (Byblos) e sua moglie Harmonia allestirono una grande flotta e navigarono per il mare enorme alla ricerca delle "Isole eterne" (Isole Canarie), ma scomparvero per sempre. Si diceva che le loro anime si fossero reincarnate due serpenti, il che significava che la loro vita era stata rinnovata da Dio, per volontà di Baal.
Più tardi fu confermato che avevano attraversato l’oceano immenso e avevano scoperto la regione che oggi conosciamo come Sud America. Così, questo accadde 3000 anni prima di Cristoforo Colombo.
Essi diedero alla prima nuova terra che avevano scoperto il nome di "Barr Ilu" che significa "Il continente di Dio". Quando la nazione si è formata e la sua amministrazione è stata organizzata, fu scelta per governare quei luoghi la regina Mirinieh Mirubieh, conosciuta come "Regina delle Amazzoni", che significa "Regina delle Guerriere". Quella regina fu inviata in Libano per salvare Ilu di Jbail (Byblos), che era in una situazione critica.
La "regina delle Amazzoni" chiamò "il grande Oceano" l’oceano conosciuto prima come ‘oceano di Mirubi", che oggi è l’Oceano Atlantico. Quest’ultima denominazione è stata data in onore di Atlante, il grande re fenicio della Libia.
Cadmo, il grande navigatore di Tiro, lasciò la sua città – Cadamiat – per una missione scientifica al fine di studiare la lingua cuscitica parlata in Brasile.
Alcuni storici hanno indagato l’origine di un tale linguaggio e hanno trovato molte prove che confermano la venuta dei Fenici in Brasile, portando con sé alcuni lavoratori greci, prima di qualsiasi altro popolo. Lo storico Diodoro ha detto il modo in cui potrebbero essere arrivati. Tale circostanza è stata confermata da Plutarco ed è stata menzionata dal grande storico brasiliano Rui Barbosa, così come da altri poeti brasiliani che hanno cantato sulle loro cetre dei Fenici e dei loro monumenti sul suolo brasiliano.
Ogni flotta che salpava da Sidone, Tiro e Jbail (Byblos), diretta verso il Brasile, aveva 200 o 300 navi. La più piccola era usata per portare i membri dell’equipaggio con il loro materiale di supporto e le attrezzature. Di solito si fermavano per riposare e anche per acquistare rifornimenti a Tunisi e alle Isole Canarie.
Tra i monumenti di civiltà fenicia in Brasile c’è una città che si chiamava "Airo", oggi completamente persa nell’immensità mirabile di questo paese. I suoi antichi abitanti erano orgogliosi di appartenere alla stirpe fenicia, proprio come il popolo irlandese. Dicevano che erano discendenti di Tiro che, durante il periodo re Hiram, veniva a prendere l’oro. Questo metallo prezioso giungeva così sino a Tiro e al Re Salomone di Gerusalemme, dalla terra di Ofir, dove questo minerale era molto abbondante. Si trova nei confini del Rio delle Amazzoni.

Riferimenti
1. Estratti dal libro: Lisboa, Luiz C. e Andrade, Roberto P., Grandes Enigmas da Humanidade, cap. 5: "Os que antecederam Colombo", pag. 96–100. Círculo do Livro S.A. Editorial, São Paulo, 1969.
2. Estratti dal libro: Bastani, Tanus Jorge, O Líbano e os Libaneses no Brasil, parte VIII: "Indícios da vinda dos Fenicios ao Brasil", pag. 155–159. Edição Independente. Rio de Janeiro, 1945.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it