Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Richard Thornton
CHACO CANYON, NEW MEXICO
Patrimonio architettonico americano



La muratura di pietra di Chaco Canyon ha una forte somiglianza con quella dei Moche in Sud America.
Foto per gentile concessione di Wikipedia Commons


Chaco Canyon è stato culturalmente legato alla costa del Pacifico del Sud America? Il 1 aprile 2010, un articolo sui primi agricoltori del sud–ovest degli USA sottolineava che, sino all’800 d.C., l'architettura dei popoli indigeni del sud–ovest americano era piuttosto primitiva. La maggior parte delle strutture erano semplici: case fatte d’un solo locale dalle pareti di adobe e tetti di materiali vegetali. Dopo il 700 d.C. alcune comunità del sud–ovest costruirono unità residenziali che avevano sino a cinque locali raggruppati in fattorie isolate.
Da qualche parte, verso il 750 d.C., una nuova influenza culturale giunse nel Chaco Canyon. Il numero relativamente basso di residenti era una diretta continuazione dei popoli della Cultura dei basketmaker (fabbricanti di cesti). Tuttavia, essi cominciarono a costruire edifici complessi a forma di mezzaluna, con singoli appartamenti fatti di 4 o 5 vani, costruiti intorno ad una kiva di piccole dimensioni. In questo periodo si trovano le prime ceramiche. Il sistema di costruzione passa da tralicci lignei spalmati con adobe alle costruzioni in muratura in pietra finemente bugnata. Le kivaa sono spazi sotterranei rotondi, usati per scopi cerimoniali.
Intorno al 900 d.C., ad una crescita accelerata della popolazione della regione corrispose una fioritura culturale. Iniziò la costruzione della mega–struttura di Pueblo Bonito. Tradizionalmente, l'edificio di forma semicircolare è stato etichettato dagli archeologi come un raggruppamento di appartamenti familiari. Tuttavia, tre studi dimensionali sviluppati da architetti del cosiddetto "condominio" di Chaco Canyon hanno rivelato che in realtà erano molto pochi i residenti in proporzione alle dimensioni degli alloggi. Pueblo Bonito potrebbe aver avuto anche solo 50–70 residenti, che abitavano esclusivamente al piano terreno. L'uso più probabile dei livelli superiori era per magazzini, riserve di cibo o spazi per cerimonie. Pochissime delle stanze superiori hanno focolari per cucinare o riscaldare.
Chaco Canyon sembra essere stato la sede dell’élite culturale che dominava una vasta area dell'altopiano del Colorado, tra il 900 d.C. e il 1250 d.C. La produzione di cibo, per necessità, era dispersa in tutta la regione, tra molti medie e piccoli villaggi. La produzione di gioielli e pietre turchesi per il commercio sembra invece essere stata concentrata in Chaco Canyon.


Influssi esterni sulla popolazione del Chaco Canyon
Lo studio dei popoli indigeni del sud–ovest soffre dello stesso problema dello studio delle popolazioni indigene del sud–est. Il metodo del "riesame comparato" ha incoraggiato gli studiosi delle ultime generazioni a citarsi l’un l'altro piuttosto di dedicarsi a fare ricerche originali. La "sindrome del copione” è accentuata dalla proliferazione di dilettanti, che scrivono libri o creano siti web sugli indios del sud–ovest. I giornalisti replicano queste affermazioni per il grande pubblico.
Una delle citazioni preferite che si ritrova oggi, anche tra gli archeologi, è che "il tipo di architettura mesoamericana iniziò intorno al 900 d.C. e apparve nel Chaco Canyon". I siti web amatoriali vanno un passo oltre e affermano che gli edifici di Chaco Canyon sono tipici dell'architettura tolteca. Il termine Mesoamericani indica le culture indigene del Messico centrale, del sud del Messico e dell’America centrale superiore.
L'affermazione è giustificata dalla scoperta di scheletri di pappagallo e di alcuni artefatti che si crede abbiano avuto origine in Messico. I denti di scheletri che gli archeologi credono appartenessero all’élite di Chaco Canyon erano incapsulati e, talvolta, intarsiati con turchese in un modo simile alle élite mesoamericane.
La gente di Chaco Canyon manteneva molto probabilmente scambi con i popoli del Messico settentrionale. Tuttavia, i popoli del nord del Messico NON erano Mesoamericans. I pappagalli una volta vivevano lungo le coste del nord del Messico, ma la regione non è stata caratterizzata da grandi templi e da culture avanzate. Questa gente avrebbe potuto ottenere i pappagalli e gli artefatti mesoamericani attraverso lo scambio commerciale da un villaggio all’altro. La Valle del Messico (Impero Tolteco) è molto più vicina alla frontiera della Cultura Cerimoniale sud–orientale che al Chaco Canyon. Poiché Chaco Canyon una volta era di proprietà della Spagna e, per un breve periodo, dal Messico, il pubblico pensa che sia vicino al cuore culturale del Messico.
L'architettura di Chaco Canyon durante la sua fioritura (900 d.C. – 1250 d.C.) non ha alcuna somiglianza con l’architettura Totonac, Toltec a o Post Classica Maya – sue contemporanee. Le culture mesoamericane non costruivano muri portanti di pietre bugnate. I loro templi erano costruiti in terra solida e piramidi di macerie. Sia le case della gente comune sia i templi erano fatti con pannelli di graticcio e fango, prefabbricati e montati in opera, o con macerie di pietra accatastata e impastata con malta di calce per tenerle insieme.


Pittogramma con impronte di mani a Chaco Canyon.


Le belle costruzioni in muratura di pietra bugnata si trovano sulla costa del Pacifico del Perù e della Colombia. La cultura Ashlar è comunemente collocata immediatamente prima degli improvvisi cambiamenti culturali nel Chaco Canyon. Le culture più tarde, come quella degli Inca, avevano la tendenza a usare molto di più pietre lavorate nella loro costruzione. Questo sistema di costruzione è noto come costruzione a corsi asimmetrici di pietra.
Il Periodo culturale Wari del Pacifico, nel Sud America, durò sino al 1000. Tuttavia verso il 800 d.C. iniziò a diventare differenziata. Diverse culture etniche fiorirono all'interno e si allentarono i controlli politici del Wari. Tra queste culture, si includono quella di Lima, Nazca e Moche. Popolani e rifugiati provenienti da piccole città meno sofisticate avrebbero potuto facilmente remato o navigare verso il Messico per raggiungere la foce del fiume Colorado, nel Golfo di Baja California. I Purepeche arrivarono sulla costa occidentale dello Stato di Michoacan circa nello stesso tempo in cui a Chaco Canyon iniziò la costruzione di grandi edifici a bugnato. Anche i Purepeche costruivano edifici di bugnato.
Le kiva sotterranee rotonde,i muri interni di pietra e le porte a forma di T sono le firme architettoniche degli edifici costruiti nel Chaco Canyon. Simili caratteri possono essere trovati in Perù durante il periodo dal 100 d.C. al 1000 d.C. e, in misura minore, sino agli inizi del 1500 quando il Perù fu conquistato dagli spagnoli. Il sacrificio umano ha anche una lunga storia in Perù. Alcune evidenze di sacrifici umani e cannibalismo sono state trovate a Chaco Canyon.
L'unico modo assolutamente sicuro per provare una ascendenza sudamericana per l'élite di Chaco Canyon sarebbe l'analisi comparativa del DNA. Sino ad allora non è certa una teoria che spieghi in pieno l’alto livello culturale di Chaco Canyon.


Circa 1000 anni fa, Pueblo Bonito raggruppava appartamenti, magazzini e kiva.
1. Immagine VR su Wikipedia Commons.
2. Foto aerea da Bob Young di Alburquerque, NM



Pueblo Bonito.
Nel 1849, il tenente dell'esercito degli Stati Uniti James Simpson stava esplorando il nord–ovest del New Mexico, quando s'imbatté in Chaco Canyon. Egli osservò otto rovine di grandi dimensioni, apparentemente costruite da un'antica civiltà sconosciuta. I locali, Navajo e meticci, chiamavano la più grande rovina Pueblo Bonito, che significa "bel villaggio". I cocci di ceramica sulla superficie del suolo di Chaco Canyon suggerivano che fossero stati i nativi americani a costruire le strutture murarie di grandi dimensioni, ma per molti decenni ancora una vasta gamma di fantasiose storie accompagnò interpretazioni delle rovine che attribuivano la loro origine ai Romani, ai Vichinghi, agli Egizi, ai Celti, ai Gallesi o alle 10 tribù perdute d’Israele.
Nel 1896 l’allevatore Richard Weatherall e lo studioso George Pepper cominciarono gli scavi a Pueblo Bonito con il patrocinio del Museo Americano di Storia Naturale. Gli scavi furono finanziati dai Fratelli Hyde e continuarono sino al 1900. Inizialmente furono provocati danni considerevoli, perché i due erano solo alla ricerca di artefatti intatti, come "trofeo" da vendere o spedire al museo di New York. Tuttavia, i due uomini facevano foto e mapparono circa 1 / 4 delle camere all'interno della struttura. Mentre i due diventavano più esperti in archeologia, i loro metodi scavi causavano meno danni alle prove archeologiche.


Weatherall infine presentò domanda per un brevetto di fattoria al Land Office degli Stati Uniti, al fine di possedere 161 ettari di Chaco Canyon. Samuel Holsinger del Land Office studiò il sito e trovò elementi di interesse archeologico che a Weatherall erano sfuggiti. Raccomandò che Chaco Canyon diventasse un parco nazionale. Il brevetto fu invalidato nel 1904 e il terreno fu assunto dal governo degli Stati Uniti. Nel 1907 il presidente Theodore Roosevelt firmò un ordine esecutivo per la creazione del Chaco Canyon National Monument. Weatherall gestì un emporio e Servizio di guida dal limite della proprietà federale, sino alla sua morte nel 1910. Archeologi professionisti, sponsorizzati da diverse università e musei, hanno periodicamente lavorato sulle rovine del Chaco durante il XX secolo. L'Università del New Mexico è stata uno degli sponsor più importanti di questi studi. Man mano le competenze tecnologiche degli archeologi miglioravano, i loro scavi ottenevano informazioni più concrete e sempre meno intrusive.
Nel 1980, 13.000 ettari sono stati aggiunti all’area originale del monumento nazionale. La riserva, recentemente ampliata, è stata poi designata Chaco Canyon National Historical Park dal Congresso. La zona archeologica è gestita dal National Park Service.
E' ormai noto che quando iniziò la costruzione degli edifici nel Chaco Canyon, verso il 850 d.C., il canyon era una valle boscosa con corsi d'acqua. Gli archeologi credono che gli esseri umani abbiano completamente disboscato la valle per ottenere combustibile e materiali da costruzione. Una siccità nei primi anni del 1200 d.C. avrebbe abbassato la falda freatica e reso i terreni inadatti per l'agricoltura. Continuò ad essere un deserto sino al tardo XX secolo. Il National Park Service sta ora piantando vegetazione, nel tentativo di restituire almeno in parte il canyon al suo stato ecologico originale.

Descrizione architettonica
Pueblo Bonito è una delle otto 'grandi case’ del Chaco Canyon ed ha una forma semi–circolare. Il nucleo della struttura è un’imponente parete in muratura di pietra, allineata con l'asse solare nord–sud. Esso copre circa 2 ettari e nella sua forma finale arriva a raggiungere i cinque piani. I muri portanti sono in bugnato, legati con malta di argilla. I pavimenti sono principalmente con travi di legno, riempiti con piccoli legni, altro materiale vegetale e adobe. Le stime della sua mole architettonica variano da 600 a 800 locali. La differenza deriva dal danno causato dal crollo di un costone roccioso su una sezione delle rovine nel 1947. Il National Park Service crede che Pueblo Bonito sia stato costruito tra l’850 d.C. e il 950 d.C. La struttura originaria era stata un singolo piano a semi–cerchio. Più tardi si aggiunse la costruzione di altri 3–4 piani. Ci sono caratteristiche nella struttura che sembrano essere marcatori per seguire i cicli del sole, della luna e dei pianeti.
I vari livelli di Pueblo Bonito sono composti da stanze che si affacciano su una piazza a terrazza sopraelevata e su un recinto pieno di kiva. Le kiva sono vani incassati, rotondi, usati per rituali. Non ci sono ingressi agli appartamenti dalla parete curva esterna. A tutti si accede vadalla piazza interna. La stessa piazza si articola su tre livelli e comprende kiva sia grandi sia piccole.
Per molti decenni, Pueblo Bonito e le altre "grandi case" di Chaco Canyon , erano ritenute dagli archeologi come massicce abitazioni a più piani. Tuttavia, gli archeologi erano perplessi perché molte stanze non contenevano focolari, come ci si aspetterebbe in appartamenti occupati. Negli ultimi anni, tre analisi dimensionali compiute da architetti hanno suggerito che solo 70–80 famiglie vivevano nella struttura, soprattutto al livello inferiore. Le famiglie occupavano appartamenti di 3–5 stanze. Le altre stanze erano utilizzate come magazzini comuni, o forse per rituali.
Una delle caratteristiche più interessanti dell’architettura di Pueblo Bonito e di alcune altre " Grandi Case" sono i portali a forma di T. Questi sono caratteristiche architettoniche di alcuni edifici pubblici nella regione andina del Sud America, ma non una caratteristica tipica dell'architettura mesoamericana.

Altre scoperte archeologiche
Nel corso degli ultimi due decenni, gli archeologi hanno trovato prove di un commercio diretto o indiretto tra villaggi circostanti e la Mesoamerica. Forse la metà delle ceramiche trovate nelle camere di Pueblo Bonito sono state realizzate con argille provenienti dal di fuori del canyon. Sono stati trovati alcuni vasi cilindrici, in genere utilizzati dai commercianti mesoamericani. Gli archeologi hanno anche trovato gli scheletri di pappagalli nativi della Mesoamerica, oltre a numerosi artefatti che probabilmente sono stati fabbricati nel Messico centrale. Nel 2009 un residuo di cacao in polvere è stato trovato in un vasi cilindrici di tipo mesoamericano. Questa scoperta dimostra che l'élite che viveva a Pueblo Bonito consumava questa bevanda prestigiosa, che era coltivatasolo nelle regioni tropicali della Mesoamerica. Poiché il lavoro archeologico e l'analisi degli artefatti continua nel Chaco Canyon, probabilmente si faranno molte altre scoperte che amplieranno la nostra comprensione di questa comunità notevole.


Il popolo del Chaco Canyon costruiva cose che sembrano strade, che si irradiano verso l'esterno dal canyon.
1 – Per gentile concessione del National Park Service
2 – Foto satellitare della NASA

Il sistema stradale Anasazi
Quando divennero facilmente disponibili per gli archeologi fotografie satellitari ad alta risoluzione, alla fine del XX secolo, furono notate le linee del terreno, che irradia verso l'esterno da Chaco Canyon. Utilizzando le foto, gli archeologi andarono sul posto per determinare l'origine delle linee. Alcune delle linee sono tagli molto ben visibili nel terreno e nella pietra. Altre non sono immediatamente evidenti a livello del suolo, ma a quanto pare le onde luminose sono riflesse in modo sufficientemente diverso dal terreno circostante da renderle visibili alla telemetria satellitare.
I nativi americani costruivano strade? Sì, nei nostri precedenti articoli sulle culture indigene avanzate intorno al lago Okeechobee, FL, abbiamo discusso il vasto sistema di strade, canali e strade rialzate che collegavano le coste dell'Atlantico e del Golfo della Florida meridionale. I popoli nativi del Sud della Florida sembrano essere stati influenzati dalla civiltà Maya, e il problema assorbiva l’attività degli immigrati Maya.


Gli archeologi al momento non conoscono alcuna cultura occidentale dei nativi americani che abbia costruito strade, oltre a quanto si rileva a Chaco Canyon. Tuttavia, Chaco è a quasi 3.000 miglia dalla penisola dello Yucatan. È altamente improbabile che i visitatori del popolo Maya avessero influenzato la cultura dei produttori di cesti, nel Chaco Canyon, per far loro costruire strade come parte del loro salto verso la civiltà. Le culture messicane avevano migliorato vecchi sentieri trasformandoli in strade, ma queste erano in genere curvilinee, tranne quando attraversavano come argini laghi e zone umide. Al contrario, il popolo Anasazi lavorava per spingere una strada rettilinea attraverso le barriere di pietra o di terra.
C'è polemica, però, tra gli archeologi, se le strade siano davvero un prodotto del popolo Anasazi. Alcuni teorizzano che si possa trattare di vie sacre per processioni cerimoniali, ma solo in modo intermittente percorse per il viaggio da popolani. Altri archeologi ipotizzano che, poiché le linee rette generalmente collegano insediamenti noti, dovessero ovviamente essere strade molto utilizzate. (Vedi la mappa qui sopra).
Altri archeologi ritengono che le strade avessero entrambe le funzioni, cerimoniali e pratiche. In ogni caso, le "strade" degli Anasazi richiedevano un gran lavoro umano. Perché gli Anasazi investirono tanta energia umana in questi progetti di lavori pubblici, quando non c'era la tradizione di costruzione di strade, e nessuno dei loro vicini aveva mai costruito strade?
La risposta a questa questione punta verso sud, proprio come in uno dei primi articoli sull'architettura del Chaco Canyon. Al di fuori del mondo Maya, non c’era una forte tradizione mesoamericana di costruire strade radiali e diritte. Tuttavia, nelle culture andine, c'era una tale tradizione. La costruzione di strade potrebbe aver avuto inizio in alcune zone del Perù più di 2000 anni fa. Le culture che occuparono la regione andina tra l’anno 0 e l’800 d.C. sicuramente costruivano strade. Gli Inca continuarono questa tradizione e ampliarono la rete stradale in tutte le direzioni.
La cultura peruviana che costruì le strade più simili a quelle degli Anasazi è stata la Nasca. I Nasca occupavano la aride colline costiere e di pianura andina del Perù. Essi sono più noti per le loro figure astratte e forme geometriche incise nel terreno desertico. Tuttavia, i Nasca costruivano anche vere e proprie strade, che s’irraggiavano dalle città principali e collegavano i villaggi. La cultura Nasca crollò circa mezzo secolo prima che la ceramica e un nuovo stile di architettura apparissero nel Chaco Canyon. I Nasca praticavano anche il sacrificio umano, come faceva l'élite degli Anasazi.
Gli archeologi oggi credono che le strade Nasca avessero sia scopi pratici, sia funzioni cerimoniali. Alcune strade Nasca collegavano tra loro le città, mentre altre s’interrompono improvvisamente le alle rovine di antichi santuari. I santuari contengono offerte di vari dèi o dee e, qualche volta, i resti scheletrici di sacrifici umani.
Va sottolineato che il possibile legame tra la cultura Nasca e quella Anasazi è puramente un postulato dello scrittore di questo articolo. A quanto pare, nessun archeologo ha effettuato gli studi di medicina legale necessari per trasformare tale postulato in un fatto archeologico. Tuttavia, la presenza di immigrati di terza generazione Nasca nel Chaco Canyon risolverebbe molti dei puzzle che ora intrigano gli archeologi. La prova assoluta di un collegamento culturale tra il Sudamericano e il Sudovest dell’America del Nord può essere difficile. Se profughi del crollo dell’"Impero" Wari migrarono verso nord lungo la costa del Pacifico, si sarebbero probabilmente imparentati con i locali gruppi etnici e avrebbero assorbito le idee culturali di questi gruppi. La stessa migrazione potrebbe avere alterato le loro pratiche culturali. Così, i popoli che avrebbero potuto raggiungere Chaco Canyon avrebbero comportato un ibrido di tradizioni culturali, non sarebbero stati un semplice clone della cultura madre.

Fonte: examiner.com national


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it