Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di T.S. Subramanian
ARCHEOLOGIA NELLA VALLE DELL'INDO
L'ascesa e la caduta di una città harappana


Il sito di Dholavira, ora identificato come uno dei cinque più grandi siti harappani, racconta la storia di una civiltà che fiorì in tutta l'India, il Pakistan e l'Afghanistan.


Il layout della città scavata consisteva in una cittadella che può essere suddivisa in un "castello" e "un ricetto", una città di mezzo, una città bassa, due stadi, una dépendance e una serie di serbatoi. Tutti questi erano racchiusi all'interno di un enorme muro di fortificazione che li circondava su tutti e quattro i lati.

"Siamo in piedi sulla fortificazione esterna", ha annunciato Ravindra Singh Bisht a L.S. Rao, suo collega junior dell’Archaeological Survey of India (ASI), andando intorno a un tumulo presso il sito harappano di Dholavira, situato nel taluk Bhachau, nel distretto di Kutch del Gujarat, sull'isola di Khadir. L'isola è circondata dal vuoto enorme del Gran Rann di Kutch.

CORTESIA ASI

Un quartiere residenziale, orientato verso le direzioni cardinali, nella città scavata.

Questo accadeva negli anni 1980 e il professor Bisht aveva una giusta ragione per essere entusiasta. "Quando abbiamo scavato, ho mostrato a Rao i mattoni utilizzati per la fortificazione", ha ricordato il 29 aprile 2010, circa 20 anni dopo. "Oggi sono molto felice che tutto ciò che ho intravisto, ho effettivamente realizzato dagli scavi", ha detto Bisht, seduto nel suo ufficio a Purana Quila a Nuova Delhi, circondato da bauli pieni di reperti scavati a Dholavira.
Bisht, studioso di sanscrito, ha condotto 13 scavi nel sito di campo harappano nel periodo 1990-2005. Ha ricoperto vari incarichi nell’ASI, compresi quelli di sovrintendente Archeologo (ramo di Scavo 5) a Vadodara e direttore dell'Istituto di Archeologia a Nuova Delhi. Ha lavorato anche come direttore (di scavi), ASI, New Delhi, prima di ritirarsi nel 2004, come Direttore Aggiunto Generale dell'ASI.

MICHEL Danino

Il serbatoio intagliato nella roccia scoperto sul lato meridionale durante gli scavi.


Fu nella metà degli anni 1960 che Jagat Pati Joshi, che in seguito diventò il direttore generale dell'ASI, scoprì Dholavira, che si trova tra due canali stagionali, il Manhar a sud e il Mansar a nord. Il sito si trova a cinque ore dalla città di Bhuj. La città più vicina a Dholavira è Ropar, a 100 km di distanza.
In 13 stagioni di scavi sul campo, Dholavira si è rivelato uno dei cinque più grandi siti tra i 700 conosciuti della civiltà harappana (popolarmente nota come valle dell'Indo), che copre 1.000.000 di km2 tra India, Pakistan e Afghanistan. Gli altri quattro siti sono Harappa, Mohenjo-daro e Ganeriwala, tutti in Pakistan, e Rakhigarhi in Haryana.

V.v. Krishnan

Ravindra Bisht Singh, ex direttore generale aggiunto dell’Archaeological Survey of India, spiega i quattro segni della scritta in arenaria scoperta a Dholavira.

Mentre la città fortificata harappana di Dholavira è stata costruita su 49 ettari, i suoi resti sono stati ritrovati su una superficie di circa 100 ettari. La sua storia comincia all'inizio del 3000 a.C. e si conclude intorno al 1500 a.C.
"Dholavira aggiunge una nuova dimensione alla personalità della civiltà dell'Indo," dice Bisht. Nella mappa di diverse centinaia di siti della civiltà dell'Indo, Dholavira ha un posto importante sotto diversi aspetti. Essi includono:
1) la sua lunga sequenza culturale, che documenta l'ascesa e la caduta della civiltà dell'Indo in un periodo di 1500 anni,
2) la sua meticolosa pianificazione urbana con precisione matematica,
3) la sua architettura monumentale,
4) il suo stadio enorme con stand a schiera, che avrebbero potuto essere utilizzati per scopi come l'organizzazione di molteplici sport, incontri di comunità o un mercato,
5) l'unicità della sua architettura funeraria / sepolcrale;
6) la scoperta di una cava di arenaria da cui è stata scavata la pietra arenaria, trasformata in gigantesche architetture e persino esportata in siti come Harappa e Mohenjo-daro, a diverse centinaia di chilometri di distanza e, soprattutto,
7) il suo incredibile sistema di gestione delle acque con una serie di serbatoi costruiti intorno alle porzioni edificate della città, ma molto nel muro di fortificazione della città.

"Dholavira è caratterizzata da un'architettura monumentale, massicce fortificazioni, l'uso di pietre squadrate, un’elaborata gestione delle risorse idriche, e una meticolosa urbanistica in una misura unica", dice Michel Danino, ricercatore indipendente della civiltà harappana. Gode inoltre il privilegio della scoperta della più lunga iscrizione della Valle dell’Indo, su una lunghezza di tre metri e comprendente 10 segni di scrittura di grandi dimensioni. Non meno significativa è la scoperta di un grosso pezzo di pietra arenaria scolpita con quattro grandi segni dell'Indo. Queste scoperte si aggiungono a un gran numero di sigilli e tavolette con segni dell’Indo ritrovati a Dholavira.

Urbanistica
CORTESIA ASI

Un canale sotterraneo di drenaggio. Era a più di 1,3 metri di profondità e di circa un metro di larghezza. A Dholavira c’erano tubi in terracotta e pietra per far uscire l'acqua dai quartieri residenziali. Secondo Bisht la "Cittadella" aveva una complessa rete di fognature per acque piovane "per far uscire l’acqua durante i periodi piovosi. Questa rete era collegata a un collettore ed aveva versanti, stramazzi, scalini, cascate, tombini, pavimentazione lastricata e pietre di coperchi".

L’urbanistica elaborata di Dholavira era basata sull'uso consapevole di proporzioni specifiche per diversi contenitori. Bisht dice: "La città di Dholavira nella sua forma più piena era un insieme precisamente proporzionato e aveva una configurazione proporzionalmente risolta, che seguiva un insieme risoluto di principi di pianificazione e di architettura con precisione matematica e forse con un orientamento astronomicamente stabilito". Ad esempio, la città era 711,10 metri di lunghezza e 616,87 metri di larghezza, con un rapporto lunghezza/larghezza di 5:4. Il castello interno aveva 114 metri di lunghezza e 92 metri di larghezza, mantenendo lo stesso rapporto, e il castello esterno aveva 151 metri di lunghezza e 118 metri di larghezza, sempre nel rapporto di 5:4.
Danino, che ha svolto ricerche sulla metrologia harappana a Dholavira, ha detto che la questione delle unità di lunghezza utilizzate nella civiltà harappana non era mai stata risolta in maniera soddisfacente. Secondo lui, mentre studiava il piano di Dholavira - una città in cui, eccezionalmente, il layout intricato delle fortificazioni è in gran parte intatto - gli venne in mente che esso potrebbe offrire un modo semplice per calcolare l'unità di misura utilizzata dagli architetti e costruttori della città.

CORTESIA ASI

L'iscrizione su legno, con 10 segni, è la più lunga iscrizione dell'Indo scoperta sinora in qualsiasi sito dell'Indo nel subcontinente. La tavola misura tre metri di lunghezza.

Danino ha detto che, usando le proporzioni specifiche citate da Bisht e le dimensioni reali della città, aveva calcolato che l'unità di base della maggior parte di queste dimensioni ha una semplice espressione - e con un margine molto basso di errore - era vicina a 1,9 metri.
Ha aggiunto: "L'applicazione di questa unità di misura ai serbatoi enormi di Dholavira e alle grandi strutture in altri siti harappani, tra cui Mohenjo-daro e Harappa, ha dato risultati promettenti. Ho anche proposto che una unità più piccola di 1,76 centimetri, simile all’angula (la tradizionale unità di misura indiana), potesse essere alla radice di tutto il sistema. Ulteriori ricerche sono in corso per convalidarla".

Sequenza culturale

La scoperta più importante realizzata dallo scavo di Dholavira è la lunga sequenza culturale di una crescita graduale, del culmine e della caduta del sistema urbano della civiltà harappana, in sette tappe. Dice Bisht: "Significa che abbiamo trovato la nascita, l'infanzia, l'adolescenza, l'invecchiamento e, infine, le fasi di de-urbanizzazione della civiltà dell'Indo. Ecco perché la chiamo: l'ascesa e la caduta della civiltà dell'Indo. Questa è stata trovata anche altrove, ma la sequenza nel suo complesso si trova a Dholavira, nei detriti stratificati nel castello, che ha visto gli sviluppi delle vicende storiche per più di 1500 anni".

MICHEL Danino

Bisht ha supposto che dovesse essere stato eretto al di sopra della porta settentrionale della cittadella. Dal momento che le lettere erano fatte di gesso cotto doveva essere visibile dalla città medioevale e dalla città bassa, ha aggiunto.

Il layout della città scavata a Dholavira consisteva in una cittadella, che può essere suddivisi in un "castello" e "un ricetto", una città di mezzo, una città bassa, due stadi, una dépendance e una serie di serbatoi. Tutti questi erano racchiusi all'interno di un enorme muro di fortificazione, che li circondava su tutti e quattro i lati. Il castello e il ricetto insieme formavano la cittadella. "La città era forse configurata come un parallelogramma di grandi dimensioni, fortemente marcato da mura massicce, con l'asse principale da est a ovest", ha detto Bisht.
Il castello e il ricetto erano robustamente fortificati. Il castello era protetto da difese e inespugnabile, aveva porte massicce e imponenti torri. Lo scavo ha finora mostrato 17 porte, tutte costruite nel muro di fortificazione. Mentre le autorità vivevano nel castello, gli artigiani e gli operai vivevano nella città media e nella città bassa. La dépendance serviva per gli ospiti degli occupanti privilegiati del castello.

V.v. Krishnan

L'iscrizione di quattro segni su pietra arenaria, la prima del genere in arenaria trovata in siti harappani.

Il primo insediamento, stabilito durante la fase I, a partire dal 3000 a.C. circa, comprendeva una rocca forte. Nella fase II, l'insediamento fu ampliato verso nord. Verso la fine della fase II e l'inizio della terza fase, un terremoto colpì la zona. Nella fase III, che fu la fase più creativa e durò dal 2850 a.C. circa al 2500 a.C., la fortezza fu trasformata in un castello, e il castello fu collegato ad un'altra zona fortificata, più tardi battezzata "ricetto" dagli archeologi dell’ASI. Il castello era la sede dell'autorità. A nord della Cittadella è il grande stadio multiuso, 283 metri di lunghezza e 48 metri di larghezza. Uno stadio più piccolo si trovava nelle vicinanze. I serbatoi furono posti a sud, a nord e ad ovest dei quartieri abitati. La fase III finì quando un potente terremoto colpì nuovamente la regione. Il suo effetto può essere visto in diversi punti esposti dello scavo, in particolare sul muro difensivo della fortificazione. Dopo il terremoto, le riparazioni furono intraprese e fu costruita una città più bassa, durante la fase terminale della fase III. Le mura della città furono ampliate per includere la città bassa. Pertanto, l'intero insediamento raggiunse lo status d’un paesaggio urbano. Le strade di questa città correvano verso le direzioni cardinali. La città aveva un sistema di drenaggio, con canali di scolo di circa 1,5 metri di profondità e un metro di larghezza. C'era un sistema efficiente per eliminare l'acqua piovana, in modo che la città non subisse inondazioni durante le piogge.
Tre sigilli di steatite quadrati sono stati scavati dai depositi a vari livelli stratigrafici della fase III. I sigilli erano solo figure, ma mancavano iscrizioni dell'Indo. Tipica ceramica harappana, con bei motivi dipinti, è stata trovata.

CORTESIA ASI

Uno dei tanti elementi architettonici in pietra trovati nella cittadella durante gli scavi. Erano scolpiti nella pietra arenaria ed utilizzati per scopi decorativi.

“La fase IV, che ebbe inizio intorno al 2500 a.C., appartiene a quella forma di cultura classica harappana che è così familiare a noi da un gran numero di siti di scavo. Quasi tutte le caratteristiche salienti della pianificazione urbana erano state scrupolosamente mantenute con strutture monumentali come porte d’ingresso alla città, fortificazioni, sistemi di drenaggio e così via”, dice Bisht. "La famosa iscrizione di 10 segni, insolitamente di grandi dimensioni, appartiene sicuramente a questa fase. Tutti gli elementi classici harappani, come ceramiche, sigilli, perline e oggetti d'oro, argento, rame, avorio, tartaruga, piastrelle, steatite, argilla e pietre, sono stati trovati in abbondanza".
Il sistema harappano raggiunto il suo apice durante la fase IV, e continuò per altri cinque secoli, anche durante la fase V. Ma verso la fine della fase V il sistema era in crisi. Bisht dice: "In questa fase, si trova una proliferazione di attività artigiane. Questa è la fase in cui abbiamo trovato il numero massimo di sigilli, guarnizioni, tavolette, pesi e classica ceramica harappana. Durante questo periodo, si trova una proliferazione di opere di madreperla, di perline, di metallo e di pietra. Gli Harappani di Dholavira erano specializzati nella realizzazione di elementi architettonici splendidamente scolpiti, che esportavano verso Harappa e Mohenjo-daro".
In effetti, gli elementi architettonici trovati in tutte le tre sedi erano fatti di arenaria e le sculture mostrano lo stesso tipo di lavorazione. Elementi architettonici realizzati con la stessa pietra e simili per forma, dimensione e stile sono stati trovati a Mohenjo-daro e Harappa. "Erano finiti a Dholavira e trasportati in altri siti, perché la tecnologia e il materiale giusto erano disponibili a Dholavira", ha spiegato.

Artefatti

La ricca messe di reperti che le fasi III e IV degli scavi Dholavira hanno fornito deve essere vista per credere. Mentre un piccolo museo del sito di Dholavira espone l’iscrizione Indo di tre metri di lunghezza con 10 segni e altri manufatti, il resto dei reperti sono stati portati a Purana Quila, New Delhi, dove sono documentati da Appu Singh Sharan, Shalini Tripathi, Rajesh Kumar e Dutt Baianath, tutti archeologi Assistenti della ASI. I manufatti sono un gigantesco martello, uno scalpello e un grande specchio a mano, tutti in bronzo, un filo d'oro, un orecchino d'oro; globuli d'oro con i fori per infilarli in collana; braccialetti di rame; simboli fallici lavorati in pietra; lavori di pietra e madreperla; ceramica con disegni floreali e animali; perle di agata, ceramica e corniola, animali scolpiti in corniola, un sigillo circolare; sigilli quadrati con figure e segni della scrittura dell'Indo e ceramiche dipinte con motivi di indescrivibile bellezza. altri manufatti rinvenuti sono coppe, un grande piatto di portata; vasi forati; bei bicchieri realizzati in terracotta, elementi architettonici in pietra di basalto, macine, mortai, pestelli e così via.


Figurine in terracotta di persone e (sotto) di animali.

Al termine della fase V, cioè intorno al 2000 a.C., l'intero insediamento fu abbandonato per alcuni decenni prima che iniziasse la fase VI e i tardi harappani ritornassero a occuparla di nuovo. Ma essi si limitarono alla cittadella e al margine meridionale della città di mezzo. La città bassa non fu occupata affatto. La città di una volta si era ridotta alla città della fase VI, chiamata la fase tardiva harappana. Le case erano disposte in modo diverso. Erano costruite in modo selvaggio. Dopo che gli harappani vi rimasero per un secolo o più, abbandonarono l'insediamento. La città sarebbe potuta rimanere abbandonata per alcuni secoli.

CORTESIA ASI

Sigilli con la figura caratteristica dell’unicorno e altri segni.

I nuovi arrivati della fase VII, che avevano dimenticato tutte le classiche attività degli harappani urbani delle generazioni precedenti, vivevano in capanne circolari costruite qua e là. Erano poveri e vissero lì per circa cinque decenni, e infine abbandonarono il sito intorno al 1500 a.C.
Bisht riassume: "Così, l'urbanizzazione che aveva fatto suoi umili inizi nello stadio I e si era conservata progredendo attraverso le fasi II, III e IV, iniziò a cadere in decomposizione durante la fase V e subì una trasformazione nella fase VI, con una ripresa debole sino a diventare totalmente de-urbanizzata nella fase VII. Il sito non è mai stato occupato in seguito".

La raccolta dell'acqua

Il sistema di raccolta delle acque sviluppato a Dholavira era stupendo. Esso faceva parte integrante della pianificazione della città. Poiché la città giaceva tra i canali stagionali di Mansar e Manhar, le loro acque erano sfruttate pienamente.

CORTESIA ASI

Un grosso martello di bronzo.


L'ASI ha portato alla luce prove di dighe di presa sui canali Mansar e Manhar. Da queste dighe, l'acqua arrivava in una serie di riserve elevate sulla parte orientale, sui lati ovest e sud di aree edificate della città, ma all'interno delle mura di fortificazione. Tutti i serbatoi erano interconnessi. Un serbatoio era direttamente scavato nella roccia. Gli Harappani tagliavano la roccia dalla superficie alla profondità voluta, e poi innalzavano muri retti e verticali sui lati. Il più grande dei serbatoi aveva tre rampe di gradini che conducevano verso il basso e gli altri avevano due salti. Le scale servivano a consentire alle persone di scendere a prendere l'acqua, quando il livello dell'acqua calava. In effetti, un bel pozzo a gradini era scavato nel letto di roccia del serbatoio orientale.

CORTESIA ASI

Un filo e un ornamento d’orecchio, entrambi d'oro.

"Il tipo di sistema urbano efficiente che gli Harappani di Dholavira svilupparono per la conservazione, la raccolta e lo stoccaggio di acqua è molto eloquente circa le loro avanzate conoscenze di ingegneria idraulica, dato lo stato della tecnologia nel III millennio a.C.", ha detto Bisht.

CORTESIA ASI

Oggetti in rame ritrovati sul sito: specchi a mano, bracciali, placche e ami da pesca.

Danino stima che Dholavira debba essere stata una "impressionante città–lago" con riserve d’acqua che coprivano più di 10 ettari. Una delle più grandi, appena a sud del castello, era tagliata nella roccia e misurava 95 metri per 11,42 metri.

CORTESIA ASI

Un gioco, a quanto pare comprendente un puzzle, trovato sul sito.

Il team ASI ha trovato anche una cava di arenaria in cui c’erano ancora begli elementi architettonici. Naturalmente, dopo che l'arenaria era estratta, era tagliata in elementi architettonici presso la cava e questi erano trasportati al vicino insediamento. Molti pezzi con difetti sono stati trovati scartati, nella cava di pietra.

Articolo originale


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it