Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Martin Doutré
L'ANTICO OSSERVATORIO SOLARE DI WHAKAHORO
in Nuova Zelanda


Un giovane contadino della parte centrale dell’Isola del Nord della Nuova Zelanda, di nome Dan Steele, possiede un terreno che non è, nel complesso, adatta per l'agricoltura. Ha pensato che l'ubicazione gli offrisse però qualche opportunità di tipo turistico: una gran bellezza paesaggistica, all'interno di uno splendido insieme di alte colline e valli serene, attraverso il quale scorrevano grandi fiumi e piccoli affluenti. Specie rare di fauna e flora, ormai del tutto scomparse da altre parti della Nuova Zelanda.
Dan ha pensato di costruire un luogo di ristoro, con vista mozzafiato sui tre maestosi vulcani dell'altopiano centrale verso est, e sul Monte Taranaki verso ovest.


Nel punto più alto della fattoria, una scavatrice lavorava per creare un luogo pianeggiante. La macchina aveva appena intaccato la superficie, quando una serie di massi di concrezione di dimensioni simili sono stati scoperti nel materiale di superficie. Queste formazioni molto interessanti sono state attentamente estratte e messe da parte.

Situati direttamente ad est delle concrezioni appena trovate, i due vulcani spenti, il Tongariro (a sinistra) e Ngauruhoe (al centro).
Più a sud–est è il vulcano Ruapehu. Tutti e tre sono vulcani dormienti, ma si risvegliano periodicamente.
Ad ovest si vede il vulcano del Monte Taranaki, che è anch’esso inattivo... per il momento!

Quindi, potrebbero questi massi avere una qualche rilevanza archeologica? Andiamo a vedere!


Gene Doutré e Russell Ireland in piedi al di fuori dal "Blue Duck Central", la base delle operazioni di Dan Steele e il ristorante per cacciatori intrepidi, canoisti, escursionisti e amanti della natura. Blue Duck Lodge è facile da raggiungere, con strade asfaltate quasi fino alla porta d'ingresso.


L'evidenza suggerisce che gli otto massi, rimossi dal suolo poco profondo e tutti raggruppati insieme in un'area limitata di soli 15 x 15 metri, una volta erano parte di un antico osservatorio solare, appositamente realizzato.


Gli otto massi (sei in piena vista) stanno in cima a questa piccola collina. Al lato destro dell’immagine, si vede un dosso intatto, con uno scavo parziale sul lato. Questo dà un'indicazione di quanto sia poco profondo lo scavo fatto e di quanto piccolo sia stato lo spianamento della collina. Un altro masso di concrezione, non spostato, si trova esposto dietro la gobba, portando il totale su questa piccola distesa di terreno a nove concrezioni di grandi dimensioni.



Possono quei massi di concrezione essere arrivati sino a lì naturalmente?
L'esplorazione della zona circostante mostra che non vi è abbondanza di concrezioni visibilmente apparenti. Le uniche altre due, nelle vicinanze, sono piuttosto isolate e sembrano collocate artificialmente, come marcatori. Alcune concrezioni naturali sono state trovate semi–esposte ad un livello inferiore di una collina vicina. Quei massi e frammenti irregolari, che spezzavano la superficie, s’incontravano circa 550 metri a NNE.
Secondo un geologo consultato dall’autore, i suoli locali sono costituiti da arenarie del tardo Miocene e siltiti, risalenti circa a 6–9 milioni d’anni fa. I massi di concrezione, nella regione del fiume Whanganui, sono ragionevolmente comuni e questi, secondo lui, sembrano costituiti d’arenaria calcarea, che spesso contiene frammenti di conchiglie.
Nel commentare ulteriormente le prove fotografiche, in cui appaiono i substrati in argini esposti, il geologo ha dichiarato che "Lo scavo sembra essere la fine di una stretta cresta. Da quello che posso vedere, la 'grana' o letto nella roccia è in ripida immersione e la roccia è ben articolata. Le concrezioni di solito non possono formarsi in strati rocciosi massicci, ma se ne trovano parecchie nei sedimenti o, come a Silverdale, in una colata di fango sottomarino. Così le pietre trovate nel sito sembrano estranee alla massa rocciosa locale".
Oltre a quanto detto sopra, l'area è stata ricoperta da cenere nei millenni, a causa di tutti i vulcani attivi nella regione, che periodicamente soffiano le loro polveri e detriti su tutto il circondario. Ci si potrebbe ragionevolmente aspettare che un colle alto come questo abbia ricevuto la sua giusta quota di cenere vulcanica e che nei primi strati del suolo i materiali rocciosi siano ben ricoperti da quel materiale.
Il materiale trovato tutt’intorno alla parte inferiore di una delle concrezioni non rimossa presentava una colorazione marrone scuro, come se fosse stato sottoposto a calore elevato.
La valutazione geologica preliminare di campioni prelevati presso il sito mostra una incidenza di mica, così come piccole pietre scure che sarebbero più coerenti con quello che si trova in rioliti vulcaniche. Questo materiale del campione risulta avere ricoperto la superficie esterna delle concrezioni. Si trova anche sotto una delle concrezioni indisturbate, indicando che il masso è in materiale estraneo, non pertinente alla sua formazione. Più in generale, il materiale del suolo su cui le otto rocce esposte di recente si trovavano contiene mica e le prove suggerirebbero che le concrezioni siano state poste sopra uno strato di cenere caduta, piuttosto che emergere naturalmente dal limo sedimentario, essenziale per la formazione e la crescita della concrezione.

Perché tutta questa fatica di spostare i massi in cima a questa collina?apA Il lavoro fatto con questi massi mirava a ottenere l'effetto seguente:


Calcoli effettuati utilizzando il programma di astronomia Redshift 5, in collaborazione con Google Earth e AutoCAD, mostrano che all'equinozio, dal punto di vista di questo masso/osservatorio solare, si vedrà il Sole salire fuori del cono del Monte Tongariro. Il "primo bagliore" del Sole dovrebbe apparire nella parte meridionale del cono, vicino alla parte più alta della montagna, poi il sole riempie il cono mentre ascende al cielo. Naturalmente, l'osservazione diretta al momento del sorgere del sole all'equinozio è l'unico modo per conoscere a fondo le raffinatezze di Sunrise con assoluta certezza.

E così i massi concrezione a Whakahoro sembrano appositamente collocati per funzionare esattamente nello stesso modo delle concrezioni di Silverdale, Waiwera e intorno per il Northland, sino al Mangamuka. In tutto il Nord, gli antichi Patu–paiarehe avevano stabilito molti osservatori solari e marcatori speciali, con grandi massi di concrezione rotondi. Da questo insieme a Whakahoro, l'osservazione verso il punto del levare del Sole all’equinozio è particolarmente intelligente, in quanto utilizza il globo di fuoco del sole a formare un vasto incendio esplosivo che sembra salire dal cono vulcanico del Tongariro. Gli antichi Patu–paiarehe dell'Istmo di Auckland facevano la stessa cosa con il vulcano spento del Monte Wellington, nei giorni dell'equinozio.


La vista verso ovest dal piccolo altopiano dove sono stati trovati gli otto massi, con il Monte Taranaki e le pendici a Nord della montagna.
1. Su questo piccolo tumulo, situato a 100 metri dal raggruppamento principale, è ancora un altro masso concrezione di grandi dimensioni. E' parzialmente rivestito dalla cenere di una delle tante esplosioni vulcaniche, verificatesi dopo che il masso è stato messo in questa posizione. Dal sito principale, segna l'angolo esatto grado al cono della montagna, che per gran parte dei mesi invernali sarebbero avvolti in nuvole o nebbia, e invisibili.
2. Il cono del Monte Taranaki, parzialmente coperto da alberi.
3. Il punto di tramonto equinoziale sulla punta del Monte Taranaki.


Questa è la concrezione coperta di cenere, che si trova a 100 metri dal sito principale e segna l'angolo esatto verso il cono del Monte Taranaki. Questa concrezione sembra avere una vecchia linea incisa nella sua superficie.


Questa è la visione d'insieme dal gruppo principale di concrezioni, oltre la concrezione coperta di cenere a 100 metri di distanza, verso il Monte Taranaki, che è semi nascosto dietro un albero morto.


Al bordo sud–ovest del sito di piccole dimensioni dove si trovavano gli otto massi, è un altro uno di questi dossi, che la scavatrice ha parzialmente scavato quando livellava la collina. Sul lato occidentale della gobba c’è ancora un’altra concrezione, parzialmente rivestita da quella che sembra essere una ricaduta di ceneri. Era indubbiamente un altro indicatore di allineamento, apparentemente in coppia con quella più a ovest, per puntare verso il tramonto dell'equinozio.
Lo scavo superficiale indicato rappresenta la totalità del materiale superficiale asportato e, all'interno di questo spazio angusto della piccola corona della collina, di circa 15 x 15 m, otto massi di concrezione di grandi dimensioni sono stati trovati raggruppati insieme.


Ecco la concrezione sul lato occidentale della gobba. I campioni di materiali prelevati dal suolo alla base di questo masso sono di cenere molto scura, ricaduta da un'esplosione vulcanica. Sembra che ci sia una linea incisa sul lato meridionale di questo masso, che punta verso una montagna molto prominente a nord–est, probabilmente il Monte Hikurangi.


A sinistra: L’ispezione da vicino di questa linea di porta a credere che sia incisa piuttosto che naturale. A destra: sembra orientata direttamente verso questa montagna molto prominente.


Russell e Gene installano la telecamera e il treppiede per video la vista panoramica. Dietro di loro, ad est e ESE, sono i tre grandi vulcani del Plateau centrale della Nuova Zelanda, così come altri punti di riferimento importanti. Questa regione enorme di terreno inospitale, con i suoi inverni freddi e umidi o nevosi, è stata il luogo in cui molti dei primi abitanti pre–Maori della Nuova Zelanda dovettero fuggire per rifugiarsi, dopo l'arrivo dei cannibali polinesiani–melanesiani.

I calanchi molto robusti della parte centrale dell’Isola del Nord divennero il santuario per le tribù primitive dei Patu–paiarehe in fuga dalla costa orientale della Nuova Zelanda, oltre allo Hawkes Bay District o alla costa occidentale, intorno a Taranaki. Gli Ngati Hotu di Hawkes Bay, in primo luogo fuggirono verso i laghi interni. Nel Distretto di Rotorua erano compresi i laghi Rotorua, Okataina, Okareka, Tikitapu, Tarawera, Rotomarama, Rerewhakaaitu, Rotoehu e Rotama. Le tribù Patu–paiarehe apparentemente sussistevano bene nella regione e le loro dimore sotterranee o altre strutture si trovano in tutta la zona sino ad oggi. Sul lato occidentale del lago di Rotorua occuparono l'altura di Ngongataha. Lo storico dei primi del XX secolo, James Cowan, intervistò un vecchio kaumatua Maori che era a conoscenza della sorte dei Patu–paiarehe. Cowan ha scritto:
'Patu–paiarehe è il nome applicato dai Maori alla razza misteriosa che dimorava nella foresta. Un’atmosfera di misticismo circonda i racconti dei Maori su queste tribù sfuggenti delle montagne e della boscaglia... I Patu–paiarehe erano per la maggior parte di carnagione molto più chiara dei Maori... i capelli erano di una tonalità oro opaco o rosso "Uru–kehu", come talvolta si vede tra i Maori di oggi... Questa classe di racconti popolari senza dubbio ha origine in parte dall'esistenza stessa di numerose tribù di aborigeni. Questo popolo antichissimo dalle chiome chiare ha lasciato un ceppo di Uru–kehu nelle tribù più antiche'. Commentando in un’epoca successiva, Cowan intervistò un vecchio anziano Maori che parlò dei Patu–paiarehe del Monte Ngongataha, Distretto di Rotorua. Quest’area in parte boscosa, che sovrasta la costa a sud–ovest del Lago Rotorua, era il principale insediamento regionale dei Patu–paiarehe, che il vecchio anziano chiamava Ngati–Hua (hua significa "bastardo" in Maori). Il vecchio anziano descrisse l'antica popolazione nel modo seguente:
'La carnagione della maggior parte di loro era kiri puwhero (pelle rossastra) e i loro capelli avevano una tinta rossastra o d'oro che noi chiamiamo Uru–kehu. Alcuni avevano occhi neri, blu come alcuni europei. Alcune delle loro donne erano molto belle, molto fiere di carnagione, con lucenti capelli biondi...'
Cowan raccolse da altri anziani Maori la storia che, molte generazioni prima, i Maori avevano incendiato le felci e la foresta sulle pendici del monte, causando grande angoscia alla tribù Patu–paiarehe, tanto che la maggior parte di loro partì verso nord.
J. M. McEwen ricercò uno di questa tribù "Pakeha–Maori" (Maori Bianchi), chiamata Ngati Hotu da oltre 15 anni e usata come riferimento per gli scritti dei capi di Hawkes Bay, Raniera Te Ahiko e Paramena Te Naonao. Altri ricercatori raccolsero informazioni da tavole genealogiche riferite da tribù confinanti con il lago Taupo e dalle interviste con gli anziani. Una citazione sugli Ngati–Hotu, derivata da queste fonti Maori, afferma:
"In generale, gli Ngati–Hotu erano di media altezza e di tinta chiara. Nella maggior parte dei casi essi avevano capelli rossicci. Essi erano chiamati urukehu. Si dice che durante le prime fasi della loro occupazione di Taupo non praticassero il tatuaggio, come le generazioni più tardi hanno fatto, ed erano chiamati Whanau a Rangi (i figli del cielo) a causa della loro pelle chiara. C'erano due tipi distinti. Uno aveva la pelle rossastra, viso tondo, occhi piccoli e spesse sopracciglia sporgenti. L'altro erano i Turehu. Avevano i capelli bianchi e blu, gli occhi verdi. Essi erano di carnagione chiara, molto più piccoli di statura, con le caratteristiche più grandi e molto belli".
E' interessante notare che molti edifici pataka molto ornati dal tetto con un piccolo timpano, come nello stile anglosassone, alcuni dei quali sono ora conservati nello Auckland War Memorial Museum o al Te Papa Museum di Wellington, furono visti abbandonati e in condizioni di degrado sul Monte Ngongataha, dai primi osservatori coloniali. Queste strutture ornate erano state probabilmente costruito da e per persone molto piccole, bianche, di un popolo simile ai pigmei, perché le porte erano molto piccole. Allo stesso modo, le porte di molti villaggi hanno dovuto essere alzate e allargate per permettere il passaggio ai Maori, arrivati dopo.


Molte case "pataka" con molto ornamenti furono trovate abbandonate sul monte Ngongataha e in altri centri della Nuova Zelanda all'inizio dell’esplorazione coloniale. Le case sotterranee si trovano ancora tutto intorno ai laghi Rotorua, deve si contano a migliaia.

Il popolo Turehu di Taranaki fu scacciato dai propri territori lungo la linea di costa alle pendici del monte Taranaki, dai guerrieri polinesiani–melanesiani. In seguito fuggì più all'interno verso il fiume Wanganui (Whanganui) intorno a Matemateonga, vicino a Whakahoro.
Alla gente di pelle bianca Ngati Hotu non è andata meglio, dopo essere fuggiti nell'entroterra del lago Taupo e Rotoaire. Una vecchia mappa della Nuova Zelanda del lago Taupo fornisce sul bordo le seguenti informazioni storiche, acquisite dalla tradizione orale maori:



LA BATTAGLIA DEI CINQUE FORTI

Altre tradizioni li descrivono come persone–spiriti, il che è tipico della tradizione Maori, perché avevano fattezze non–maori, con i capelli rossicci e la pelle chiara, che indicava la loro natura tapu.
Gli Ngati–Hotu vissero lungo le sponde dei laghi Taupo e Rotoaira dagli Ngati Tuwharetoa iwi (tribù), forse nel XV secolo. Poi gli Ngati Tuwharetoa si installarono a Kawerau, associati ai Te Arawa iwi, che oggi occupano l'area tra la costa della Bay of Plenty e il lago Taupo. Gli Ngati–Hotu subirono una grave sconfitta nella battaglia di Pukekaikiore ('collina del pasto dei ratti') a sud–ovest del lago Taupo, dove gli Ngati–Tuwharetoa ne fecero strage, mettendo in fuga i pochi sopravvissuti.
A quanto pare alcuni dei sopravvissuti si raccolsero intorno al villaggio di Kakahi ('cozze d'acqua dolce') che si trova 30 chilometri ad ovest del lago Taupo. Essi furono scoperti lì da un gruppo di Whanganui Maori, in cammino lungo il fiume omonimo, che ben presto chiamarono rinforzi per attaccare l'insediamento. Gli Ngati–Hotu costruirono un anello di cinque forti intorno a Kakahi, che i Maori Whanganui attaccarono e presero, uno ad uno, sino a che caddero gli ultimi due, Otutaarua e Arikipakewa. La battaglia finale, brutale, si svolse sulle pianure tra Kakahi e il fiume Whanganui e i Whanganui Maori vittoriosi appesero le gambe dei guerrieri caduti Ngati Hotu su pali appese a forcelle di rami, pendenti dagli alberi: a tale gesto, i nemici sopravvissuti si dispersero e fuggirono, scomparendo definitivamente dalla storia.
Si stima che questa battaglia si sia verificata intorno al 1450 e la sua storia da allora è stata tramandata attraverso 15 generazioni alla Whanganui kaumatua Takiwa Tauarua, che la riferì al celebre artista neozelandese Peter McIntyre nel 1960 (vedere Ngati Hotu, Wikipedia).


Foto gentilmente concessa da Rob Graham – Wanganui Photo News.

Le bare che si vedono sopra sono state fotografate nel 1919 in alto su una parete rocciosa in una zona molto remota e isolata della Nuova Zelanda. Ogni bara è stata scavata con utensili in pietra da un tronco unico, come una canoa. Queste bare non erano ricavate da tavole di legname segate, come quelle fabbricate durante l'epoca coloniale.
I coperchi delle bare erano pure scavati anche da una sola tavola, spessa, con il bordo "a labbro" (usato per bloccare saldamente il coperchio alla cassa della bara) scolpito nella parte centrale. L'abitudine culturale di intagliare le bare in questo modo, fatte tutte d’un pezzo, ricorda le "tavole da mummia" dell’Egitto, che incapsulavano il corpo del defunto. Uno scheletro si trova su quella che sembra essere stata la base di una vecchia canoa.
Questi scheletri sono riconoscibili dalla fisiologia come europei. Erano già molto vecchi, quando si trovarono in un paese aspro, lontano dalla terra consacrata di ogni cimitero europeo. Queste persone erano, ovviamente, i bianchi Ngati Hotu, ricordati dal folklore Maori e degli abitanti locali europei per essersi nascosti dai cannibali per secoli, in questa regione inospitale centrale dell’Isola del Nord.
La posizione di questa grotta sepolcrale isolata o ricovero era tra accidentati calanchi, a meno di 80 km nell’interno dal luogo in cui l'ultima delle tribù Ngati Hotu fu sconfitta e cannibalizzata nella "Battaglia dei Cinque Forti", a Pukekaikiore (collina del pasto di ratti). Un ingrandimento della foto mostra la vista laterale di una mascella (mandibola), adiacente alla base di canoa, che non è maori, ma europea. I polinesiani maori hanno prevalentemente una "mascella rocker" con una curva verso il basso continua sul bordo inferiore. Oltre a ciò, le orbite di queste persone sono squadrate, le aperture del naso piramidali, i visi lunghi e stretti (tipo del cranio dolicocefalo) e i crani molto rotondi. La linea del viso che passa dalla mascella attraverso il naso e la fronte è coerente con il profilo europeo del viso, piuttosto che con il volto piatto del Maori.
Le famiglie coloniali che vivono intorno alla zona di Atene avevano dimestichezza con le leggende legate alla tribù Patu–paiarehe, nascosta per generazioni nelle selvagge Badlands intorno a questa regione remota e isolata della Nuova Zelanda.
I geologi e altri ricercatori sono invitati ad andare al sito e a comunicare le proprie analisi di questo osservatorio solare di Whakahoro. Per fare ciò, possono contattare Blue Duck Lodge all’indirizzo: www.blueducklodge.co.nz


L'autore (a destra) e Gene, durante il lungo viaggio all’osservatorio solare. Siamo appena passati da una delle case storiche, abbandonato dai veterani della prima Guerra mondiale che cercarono di dissodare questa terra pittoresca, ma dura per l'agricoltura. Intorno al 1940, la maggior parte dovette rinunciare al terreno per lasciarlo ritornare incolto e le fattorie furono abbandonate.

Copyright 2010 Martin Doutré.
Articolo originale in lingua inglese


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it