Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Steven Sora, Atlantis Rising
L'EUROPA SCOPERTA DAGLI AMERICANI
I Pitti erano Pellirosse Algonchini?


Prima che l’uomo bianco andasse verso Occidente, è possibile che l’uomo rosso abbia viaggiato verso Est?
L’inverno del 1534 fu particolarmente crudele con i primi avventurieri francesi nel Nuovo Mondo, guidati da Jacques Cartier. Nel loro accampamento sulla costa del fiume San Lorenzo, nei pressi di quella che sarebbe diventata Montreal, scoppiò lo scorbuto.
L’orribile malattia aveva preso le vite di 25 uomini, i cui corpi erano ammucchiati sotto cumuli di neve. Il terreno era troppo congelato per seppellire i morti correttamente. Tra i rimanenti 125, solo dieci uomini erano sani. Quei dieci tentarono di fare abbastanza rumore per evitare che la vicina tribù di Algonchini scoprisse quanto fossero deboli.
Quando i loro vicini li trovarono, erano appena in tempo per salvare loro la vita. L’uomo di medicina fece bollire la corteccia di un certo albero per fare una birra che chiamavano "Annedda", e fece bere agli uomini quello strano infuso. Tutti furono salvati, sino all’ultimo uomo: lo scorbuto era stato curato da quell’intruglio.
La marina britannica non "scoprì" la cura per lo scorbuto sino al 1795, ed essa si basava sullo stesso fondamento che i popoli nativi delle coste del Canada avevano capito secoli prima.
La discussione sulla capacità dei popoli pre–colombiani dell’America del Nord non ha mai riguardato qualcosa di più di incidenti isolati, in parte a causa della necessità di dipingere un quadro dei popoli americani come selvaggi. Con navi di grandi dimensioni, superiori a quella di Colombo, città di certo più grandi di quelle europee, e più precisi nella matematica e della misurazione del tempo, gli Americani evidentemente trascendevano ogni nostra precedente comprensione.
Che i nativi americani avessero una cura per il più grande dramma dei marinai che navigavano su lunghe distanze non era l’ultima sorpresa per i francesi. Quello che sarebbe cresciuto fino a diventare Montreal si chiamava Hochlaga, ed era un villaggio pianificato con strade che partivano da una piazza centrale. Anche gli spagnoli trovarono che la città azteca di Tenochtitlan era più grande della stessa Siviglia, gli europei avrebbero incontrato molte sorprese anche dai nativi americani del Nord. La risposta è semplice: gli americani non erano i selvaggi descritti nelle storie dei conquistatori del Nuovo Mondo.
Una delle maggiori sorprese venne dal linguaggio d’un ramo della tribù algonchina chiamato Micmac. Entrando alla foce del San Lorenzo, i francesi incontrarono questa tribù che circondava la loro nave con due distinte flotte di canoe cinquanta ciascuno. La capacità della popolazione nativa di riunire un gran numero di persone sul fiume era abbastanza una sorpresa, e i francesi scoprirono ben presto che sapevano spostarsi su grandi distanze, nonché, eventualmente, fare numerosi viaggi in Scozia e alle isole settentrionali.
Gli europei avrebbero scoperto che le popolazioni native del nord–est avevano effettivamente impegnarsi in un vasto commercio che portava loro sia i beni sia le conoscenze provenienti dagli angoli più remoti del continente. Dal Messico arrivava la capacità di coltivare fagioli e mais. Da sud–est venivano le conchiglie, da nord–est l’ossidiana, e dai Grandi Laghi veniva il rame. Gran parte del commercio era condotta per vie d’acqua.
La capacità di navigare a grande distanza nel mare era nota pure a Colombo. Sappiamo che, presso il popolo dei Caribi, Colombo aveva trovato canoe, complete di alberi, che potevano contenere 25–70 persone. Colombo sequestrò una nave dei Maya Putun più grande della sua. Poteva contenere altrettanti o più marinai di una delle sue navi. I Maya avevano una flotta di un centinaio di navi e avevano costruito moli a Tulum e sull’isola di Cozumel per il commercio. Dall’altra parte del continente, i Kwakiutl nel nord–ovest avrebbero avuto canoe oceaniche, capaci di contenere 7–10 persone. Chiaramente il commercio era ben consolidato in America, prima che gli europei arrivassero.

Potrebbero gli indiani americani avere attraversato l’Atlantico?
In realtà, sappiamo che attraversarono l’oceano, molto tempo prima di Colombo. Dopo che Cesare aveva conquistato la Gallia, una canoa con tre sopravvissuti sbarcò in Germania. Un capo di una tribù germanica di frontiera consegnò gli uomini al governatore Quinto Metello, che riconobbe che non erano europei. L’incidente è stato registrato dallo storico romano Plinio. Altri esempi sono citati in altre opere dello stesso periodo. Gli Inuit erano conosciuti e si sapeva che attraversavano il gelido Nord Atlantico in kayak, e un kayak era posto a decorare la cattedrale di Nidaros in Norvegia.
Quando Colombo era ancora un cartografo, navigò a Galway in Irlanda. Una potente corrente raggiunge le isole britanniche sin dal Golfo del Messico. Quando Colombo era lì, s’imbatté con due pellerossa, individui dalla fronte piatta che chiamò "indiani", cioè provenienti dall’India. L’incidente contribuì a convincerlo della sua missione per raggiungere l’Asia attraverso l’Atlantico. Cosa ancora più strana di queste visite accidentali, i nativi americani avevano attraversato l’Atlantico, centinaia di anni prima, e "scoperto" l’Europa, e potrebbero avere colonizzato la Scozia. Erano le tribù marittime che Cartier incontrò, i Micmac. Gli storici confinano queste persone ad una zona di Terranova e della Nuova Scozia, benché una parte della tribù non appartenesse al gruppo più alto degli Algonchini, ma ad un gruppo più basso, dalla pelle più scura, e si coloravano la pelle con tintura blu.


Tatuaggi e visi tinti in blu valsero loro il nome di "nasi blu", un soprannome che ancora esiste in centinaia di barche da pesca da Terranova al Maine. E’ anche un soprannome per i residenti costieri del Nord–Est.
I Micmac potevano indossare perizomi, ma potevano stare al caldo con un abbondante strato di grasso animale strofinato sulla pelle. Questa “giacca” teneva al di fuori il gelo e permetteva loro di navigare il gelido Atlantico.
Quando sbarcarono in Scozia, i popoli celtici più alti li chiamarono "folletti" (pixies), un nome che esiste ancora nel folclore delle isole britanniche. I Romani li chiamavano Pitti.
I Micmac / Pitti erano ben distinti dai Celti che vivevano nelle Highlands, i quali conservarono i loro costumi e la loro lingua. Nell’81 d.C. le ostilità tra vicini portarono alla guerra e i Pitti devastarono un terzo del britannico. Due storici romani, Nennio e Gildas, registrarono tali antiche ostilità.
Gildas dice che erano venuti dall’altra parte del mare. Non aveva la comprensione di poco sopra il mare, dove intendeva. Perché lui avrebbe capito i luoghi più vicini come la Francia o la Scandinavia, l’implicazione è che è stato altrove. Nennio descritto la guerra che ne seguì. Roma non poteva sconfiggere i Micmac / Pitti. Nella migliore delle ipotesi potevano tenerli confinati alle Highlands, grazie alla muragli che avevano costruito, che attraversava tutta l’isola. Qui nel Nord essi regnarono sino all’844 d.C., quando si unirono con gli Scotti, una tribù che era migrata dall’Irlanda, su una pi§ breve una distanza di attraversamento del mare.
Gli Algonchini parlando una lingua del gruppo degli Indiani d’America e chiamano l’oceano: "Katai" o "Katai – Ikan", che significa "grande oceano". Tale parola, avrebbero potuto convincere gli europei, compreso Colombo, a crederli superstiti d’una corrente atlantica proveniente dal "Cathay" o dalla Cina.
Va detto che, nella migliore delle ipotesi, gli storici giudicherebbero per lo meno “remota” una relazione tra un popolo nordamericano e un popolo del Nord Europa, ma ci sono alcune "coincidenze" che non sono da sottovalutare o trascurare.
Sia i Micmac sia i Pitti indossavano il perizoma. Diversamente dalla pratica d’altre tribù, il perizoma dei Micmac indicava il loro clan. Era facilmente riconoscibile per i colori della sua tela. Il perizoma dei Pitti, e naturalmente più tardi degli Highlanders, era il "kilt", un capo d’abbigliamento che ancora nel secolo XXI permette a chi lo indossa di distinguere se stesso come parte di un clan. I primi kilt portavano i nomi degli animali del clan, insieme al colore scelto: il Red Deer clan, il White Dog Clan, ecc.
I Pitti si dipingevano i volti e la pelle con tatuaggi. Come i Micmac, che indossavano pochi abiti, perché non volevano coprire le loro opere d’arte.
Copricapi piumati esistevano tra i Micmac, e il rango di chi l’indossava era determinato dalla quantità di piume. Questa usanza esisteva anche tra i Pitti, gli unici europei a indicare il proprio rango con questo metodo.
Entrambi, Micmac e Pitti, avevano tradizioni matriarcali. Ciò significa che gli individui risalivano alle origini della loro famiglia attraverso la madre. I Celti vivevano in un’organizzazione di tipo patriarcale. Le famiglie di entrambi, Pitti e Micmac, erano organizzate in un sistema di clan. Mentre la famiglia era la prima la lealtà, il clan era molto importante. Il Clan Chattan, che significa il Clan del Gatto, è stato il più grande della Scozia.
Nel prendere decisioni tra i clan, le donne sedevano nei consigli dei Pitti e dei Micmac così come presso i fieri Irochesi. Le donne avrebbero determinato quale uomo sarebbe stato il capo del popolo.


Quando giungeva il momento di festeggiare, le danze degli indiani americani sono ben note. Tra le terre delle isole britanniche, gli scozzesi e gli irlandesi sono noti per le loro danze. Gli Highlanders sono noti per la riunione annuale dei Clan, che corrisponde al pow–how, la più ampia riunione tribale degli Indiani d’America.
Certe caratteristiche razziali erano condivise tra i Pitti e i Micmac. Entrambi tali popoli erano più bassi rispetto ai loro vicini, ed entrambi avevano la carnagione più scura. È probabile che i Celti, in confronto, fossero più alti, con capelli rossi o biondi, occhi azzurri, come gli abitanti delle isole britanniche più tardi. L’espressione "irlandese scuro" o "irlandese nero" sopravvive oggi per distinguerli dai cugini celtici. Gli antropologi propendono ufficialmente per una fusione con sangue mediterraneo, o addirittura africano, anche se non ci sono prove.
Altri collegamenti si trovano nel linguaggio. Il prefisso "maqq" si trova nella lingua dei Pitti. Significa "figlio di", ma non è seguito da un nome. Il dr. John Fraser, professore di Oxford di lingue celtiche, ha detto che i Pitti non attribuivano importanza ai un padre diretto, ma davano una grande importanza al loro clan. Erano figli di un gruppo di clan più ampio. Somiglia alla consuetudine dell’affidamento, trovata nelle isole. In molti casi, i figli lasciavano le loro famiglie e andavano a formarsi come guerrieri. Gli insegnanti potevano essere di sesso femminile o maschile. La proprietà apparteneva alla donna e spesso era ereditata dalla prima figlia. Una moglie Pitti non avrebbe lasciato la sua famiglia per vivere con suo marito fino a quando non le fosse nato un bambino.
Infine, quando Pitti e Celti si unirono e si fusero, fu l’influenza celtica che rese il padre più importante. La particella "Mac" fu seguita da un nome proprio.
Lo storico Charles Seaholm fu pioniere del concetto che i Pitti avessero una connessione con i nativi americani. Sviluppò la sua teoria confrontando i cognomi scozzesi con i nomi di luoghi situati nel New England.
Pennycook era un insediamento dei Pitti che è diventato solo un cognome molto più tardi, quando i Normanni hanno introdotto nelle isole britanniche l’uso dei cognomi. Pennacook era un insediamento nel New England, che sarebbe poi diventata Concord quando gli europei vi si stabilirono. Era una parola dei nativi americani che significa "luogo digradante". Altri luoghi sono stati trovati, creati con lo stesso metodo usato per duplicare il luogo di Pennacook. In Scozia, il Clan Pennacook prese il nome da un luogo con una collocazione simile.
Hossack, nelle terre rocciose intorno a Inverness, ha anche prestato il suo nome a un nome di famiglia. Nel New England, "Hoosac" significa "luogo di pietra", e ci sono diversi luoghi così designati, in questi Stati.
Kinbuck, in Scozia, è una parola che unisce "kin" con la desinenza "uck", che è generalmente di origine pitta. "Kin" e "Ken" può spesso significare un rapporto con l’acqua. Nel New England, Kennebunkport, Kennebec e Kennebago sono tutti posti con significati relativi all’acqua nel nome. Anche il compianto professore di Harvard Barry Fell ha prodotto un ampio elenco di nomi Algonchini e scozzesi–irlandesi:. Merrimack, un fiume del New Hampshire, in lingua Algonchina significa la pesca in profondità. In gaelico "merrio – Mack" significa "di grande profondità". "Monad" in Algonchino è "montagna", in gaelico con "Monadh" si intende la stessa cosa. "Nock" è una parola Algonchina che significa "collina" e corrisponde al gaelico "Cnoc", che significa la stessa cosa.
L’opera di Seaholm e di Fell sui nomi di luogo produce elenchi di parole che hanno lo stesso significato – o simili – su entrambi i lati dell’Atlantico, che per lo più descrivono le caratteristiche della geografia, dalle colline, ai fiumi, ai terreni coltivabili. Non sono d’accordo solo con chi ha “offerto” i termini a chi. Fell ha proposto che la condivisione di parole deriva dal viaggio dei Celti che li portò a ovest, mentre Seaholm pensa che furono i Pitti ad andare a est.
Su entrambi i lati dell’Atlantico, ci sono luoghi in cui appare che gli abitanti erano persone molto piccole. In New Hampshire c’è la "Stonehenge delle Americhe", dove esistono stanze create dalla roccia che formano un villaggio in pietra, completo di pietre orientate astronomicamente. A Skara Brae, nelle isole Orcadi, ci sono stanze di pietra molto simili, nei pressi di monumenti astronomicamente orientati. Gli abitanti di entrambi i posti avrebbe dovuto essere molto piccoli. Allo stesso modo, le case scavate nel suolo con solo la parte superiore fuori terra, in Scozia, furono chiamate "wee gammes", piccole case. Le case degli Indiani d’America, in alcuni luoghi, erano anch’esse chiamate "Wigwams".
Quando Cartier, l’uomo che sarebbe stato salvato da un popolo “primitivo” più consapevole di lui, giunse al Nord America, incontrò un capo e registrò il suo nome come Donnacana. Disse che quel nome era un titolo, una sorta di correlazione al termine "re dei re". Lui credeva che tutti i capi di alto lignaggio dovessero assumere questo titolo.
In Scozia, il Clan Duncan ricevette il suo nome originario dal termine Donnacaidh, che era il loro capo supremo. La parola stessa era anche questa volta un titolo che significa "guerriero bruno". Allo stesso modo, Verrazzano avrebbe incontrato un capo con il nome di Magnus.
La realtà di traversate oceaniche precolombiane sarebbe stata negata un giorno dal nazionalismo degli europei, nel tentativo di legittimare le loro conquiste e lo spirito razzista. Le prove sempre più emergenti di precedenti viaggi di scoperta (e di migrazioni) fatti in entrambe le direzioni ci presenta però un quadro molto diverso da quello accademicamente riconosciuto e consolidato.

Fonte: Atlantis Rising Magazine, marzo 2010.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2017 e-mail: liutprand@iol.it