Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
IN PERICOLO I CERCHI DI PIETRE NIGERIANI
I saccheggi e l'abbandono minacciano i monoliti nigeriani


Nel Cross River State della Nigeria c’è un pezzo di storia dell'umanità, che potrebbe presto scomparire. Più di 300 pietre verticali erette più di 4000 anni fa, si perdono per furti e degrado. I monoliti Ikom sono alti 1-2 metri e recano elaborate incisioni di volti e figure geometriche. Le immagini non sono state decodificate, ma può essere una forma di scrittura preistorica. I monoliti, per lo più di pietra vulcanica, si trovano di solito collocati in cerchi, l’uno di fronte all'altro. Conosciute anche come Akwanshi, che significa "morti" in un dialetto nativo, queste pietre fanno parte dei tradizionali riti funerari locale.
Un tempo vi erano oltre 450 monoliti Ikom censiti, in 34 siti in tutto il paese. Un censimento in corso ne ha ritrovati solo 119. Ci sono state molte segnalazioni di furti e saccheggi dei monoliti, ma la polizia ha recuperato ben pochi degli oggetti che sono stati rubati. Poiché le pietre pesano tra i 50 e gli 800 kg, non è facile rimuoverle. Ma i luoghi all'aperto sono tutelati e controllati molto poco. All’Open Air Museum Alok, 30 pietre sono protette solo da 7 membri del personale. Nel 2006, a causa di tagli di bilancio in ambito del Servizio civile federale, le loro posizioni sono state eliminate. Il governatore del Cross River State è stato allertato per il pericolo di saccheggiatori e ha ristabilito i finanziamenti. Ha inoltre avviato la costruzione di un recinto intorno al sito. Ma altri luoghi con cerchi di pietra sono ancora ad alto rischio. Emangabe ha solo un muro parziale e Nkirigum è completamente accessibile e non protetta. Esistono leggi locali e federali che criminalizzano la rimozione dei manufatti. Ma la distruzione dell'economia nigeriana ha reso il valore delle pietre ($ 50.000) un premio irresistibile per alcuni ladri. E le leggi che esistono non sono, in molti casi, rigorosamente applicate. I saccheggiatori in alcuni punti corrono il minimo rischio di essere scoperti o di azione penale.
Nel 1992, Chief Sylvanus Akong, che dirige l’Alok Open Air Museum, ha descritto la costante battaglia condotta contro i saccheggiatori. "I ladri, una volta, sono arrivati qui di notte e hanno portato via alcuni reperti inestimabili. Non siamo riusciti a recuperarli tutti, solo due monoliti sono stati recuperati".




Nelle foto, alcune pietre Ikom con decorazioni antropomorfe,
ormai passate nel mercato nell'antiquariato africano "ufficiale".


Nel 2007, l'UNESCO e il World Monument Fund hanno posto il Megaliti Ikom nella lista di controllo dei 100 siti in maggior pericolo in tutto il mondo. Questo ha costituito una sorta di imbarazzo per il governo nigeriano. Altri siti del Patrimonio Mondiale nel paese sono ugualmente afflitti dalla amministrazione e dalla corruzione.
Le pietre sono in pericolo anche a causa dei funghi e per la crescita delle piante. Ci sono risorse limitate per eliminare le erbacce e le piante che crescono intorno ai monoliti. A Alok Circle, i parassiti hanno coperto i monumenti con una polvere bianca corrosiva. Inoltre, la popolazione locale a volte ha dato fuoco alle pietre per disboscare la terra per la coltivazione.

Fonte: The Sun News Online (5 agosto 2010).


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it