Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Trevor Cox
I SEGRETI ACUSTICI DI STONEHENGE


Trevor Cox rivela come l'impronta acustica del monumento preistorico più famoso del mondo è stata misurata

Appena dopo l'alba, in una nebbiosa mattina di primavera dell’anno 2009, il mio ingegnere acustico, ricercatore presso l'Università di Salford, Bruno Fazenda, e Rupert Till dell'Università di Huddersfield, Regno Unito, andavano in giro per Stonehenge a fare scoppiare dei palloncini. Non era un qualche bizzarro rito pagano, ma un serio tentativo di catturare la "risposta all'impulso" dell’antico cerchio di pietre del sud dell’Inghilterra, e forse l’inizio per stabilire come l’ambiente di Stonehenge avrebbe potuto risuonare per i nostri antenati.


Una risposta all'impulso caratterizza tutti i percorsi del suono tra la sua fonte - in questo caso un pallone che scoppia - e un microfono posto a pochi metri di distanza. Si tratta semplicemente di un grafico della pressione sonora al microfono nei secondi dopo lo scoppio. Il primo picco, più forte, rappresenta il suono che ha viaggiato direttamente dalla sorgente al microfono. Più tardi, più piccoli picchi indicano l'arrivo dei riflessi delle pietre. Il registrazione mostra la risposta all'impulso di Bruno e Rupert misurata con un microfono posto al centro di Stonehenge e un pallone che esplode sul bordo del cerchio.
Questa risposta all'impulso rappresenta un’impronta acustica dei sassi. Una volta in laboratorio, può essere utilizzata per creare una riedizione virtuale di come risulterebbe qualsiasi pezzo di musica o parlato o suono emesso all'interno del cerchio di pietre. Tutto ciò che è necessario è una " registrazione anecoica" della musica o del parlato - una registrazione fatta in un ambiente privo di riflessione, come all'aria aperta o, meglio, in una camera anecoica specialistica come quella che abbiamo a Salford. La registrazione anecoica e la risposta all'impulso possono essere combinati con una operazione matematica chiamata circonvoluzione.
Abbiamo fatto ciò con una registrazione di batteria: Ecco l'originale anecoica. E qui è convoluta con la risposta all'impulso misurata a Stonehenge. La differenza è facilmente apprezzabile: non c'è più il riverbero o il suono di chiamata a suonare la batteria grazie ai riflessi delle pietre. Inoltre, l'equilibrio tonale del suono è completamente diverso: è diventato molto più profondo , come se gli alti fossero stati respinti.

La simulazione dell’effetto dello henge
Lo scoppio di un pallone non è la norma né il modo migliore per misurare una risposta all'impulso, ma più sofisticate apparecchiature non sono state autorizzate a Stonehenge. In una replica a grandezza naturale del monumento realizzata a Maryhill, nello Stato di Washington, tuttavia, Bruno e Rupert sono stati in grado di utilizzare altoparlanti potenti e segnali di prova speciali per ottenere risultati più accurati.
Maryhill ha anche il vantaggio di essere completa, mentre alcune delle pietre di Stonehenge sono state rovinate o scomparse nel corso degli anni. Ciò rende notevole lA differenza tra i suoni di batteria convoluta con la risposta all'impulso di Maryhill: il cerchio di pietre più completo fa eco al suono più a lungo, e il riverbero 6 esteso in modo più evidente dopo l' ultimo tamburo.
Per diversi decenni, abbiamo lavorato a costruire una comprensione sofisticata di come interpretare le risposte all'impulso. Per esempio, adesso sappiamo come le caratteristiche all'interno della risposta all'impulso, ad esempio il tempo necessario perché i riverberi vadano a morire lontano, riguardano le percezioni che la gente ha della natura del suono. La speranza è che, applicando le competenze di monumenti antichi, come Stonehenge, possiamo meglio apprezzare gli effetti acustici graditi ai nostri antenati e, forse, cominciano a rispondere alla domanda se tali effetti siano stati un risultato casuale di incidente o l’effetto voluto della loro progettazione.

Trevor Cox è professore di ingegneria acustica presso l'Università di Salford , Regno Unito, e presidente dell'Istituto di Acustica del Regno Unito

Fonte: http://www.newscientist.com/article/dn19276-acoustic-archaeology-the-secret-sounds-of-stonehenge.html


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it