Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Clara Moskowitz, LiveScience Senior Writer
LE LINGUE MORTE RIVELANO UN MONDO PERDUTO
Intervista a Gonzalo Rubio


Gonzalo Rubio spende i suoi giorni nella lettura di lingue morte, che non sono state parlate per migliaia di anni. Assiriologo presso la Pennsylvania State University, Rubio studia le prime lingue scritte del mondo, sumero e accadico, che erano utilizzate nell'antica Mesopotamia (un'area corrispondente all'Iraq moderno).
Il sumero apparve per primo, quasi 5000 anni fa, verso il 3100 a.C. Questa scrittura era graffiata in tavolette di argilla morbida con una canna appuntita che era stata tagliata con una punta a forma di cuneo. Perciò gli archeologi chiamano questa prima scrittura "cuneiforme".
Sumero e accadico erano le lingue dell’antica civiltà mesopotamica, che fiorì durante l'età del bronzo in una regione chiamata spesso la culla della civiltà, perché diede alla vita la prima cultura urbana complessa di tutto il mondo. Qui non solo si è sviluppata la lingua scritta, ma si sono segnalati importanti progressi nella scienza, matematica, arte e politica. Rubio ha parlato a LiveScience di ciò che sappiamo dagli scritti: amore poesia e ricevute d’affari di queste persone antiche rivelano un mondo perduto.

LiveScience: Che cosa la eccita tanto dell’Assiriologia, e percé pensa che valga la pena di studiarla?
Rubio: Nuovi archivi e nuovi testi vengono fuori tutto il tempo; siti archeologici in Siria e persino in Iraq – a dispetto della situazione corrente – producono regolarmente nuovi materiali. Questo è un campo incredibilmente emozionante in cui prospettive e ipotesi devono essere continuamente modificati e sfumati alla luce delle nuove prove. Ho sentito che avevo bisogno di lavorare in un campo in cui potrei non solo dire cose nuove ma anche vedere cose nuove.

LiveScience: Che cosa significa che il sumero e l’accadico sono lingue morte?
Rubio: Il sumero e l’accadico sono lingue morte nel senso più letterale: si sono completamente estinte e nessuno sapeva di loro, né è stato in grado di leggerle o insegnarle, per quasi due millenni. L’accadico cominciò a essere capito nuovamente nella metà del XIX secolo e il sumero solo nel XX secolo. Diversamente da altre lingue come il latino, greco ed ebraico, non esiste una tradizione ininterrotta di studio per il sumero e l’accadico. Questo propone una sfida intellettuale incredibile per gli studiosi moderni e le sfide sono intrinsecamente attraenti.

LiveScience: Come si può studiare una lingua morta?
Rubio: Per molti aspetti, noi stiamo resuscitando una civiltà morta attraverso la comprensione della sua lingua morta. Quando si studia un documento economico dall'antica Mesopotamia, ci sono i nomi delle persone che entrano un contratto per effettuare un acquisto, normalmente di fronte ad un numero di testimoni indicati: sono tutte persone che hanno vissuto tre o quattro mila anni fa, persone i cui nomi sono stati dimenticati e sepolti sotto la sabbia, fino a quando gli studiosi moderni li hanno portati indietro per un momento di vita nei loro articoli e libri.
Quando un assiriologo decifra una tavoletta con caratteri cuneiformi, sia essa in sumero o in accadico, c'è una possibilità che lei o lui possa essere la prima persona a leggere il testo dopo millenni di oblio. Anche se non è l’epigrafista che in primo luogo guarda le tavolette di un sito archeologico, anche se è uno studioso che legge testi in un museo, c'è un'opprimente sensazione di individuazione e recupero, l'emozione di riportare una civiltà alla vita tramite la comprensione del testo d’una tavoletta.

LiveScience: le capita mai di avere conversazioni in sumero o accadico con altri ricercatori?
Rubio: Non ho ancora provato. Poiché queste sono lingue morte, che non sono state parlate o scritte per millenni, e non ha molto senso cercare di generare con esse nuovi testi o frasi. Anche l'atto dell'enunciato potrebbe essere complicato. Nel caso del sumero, ci sarebbe un limitato accordo su come si pronunciano effettivamente molte parole. Nel caso dell’accadico, c'è un progetto molto interessante di un giovane collega dell’Università di Cambridge, Martin Worthington, che chiede agli assiriologhi di registrare gli stessi passaggi di lettura dal "Testo di Gilgamesh" e altre opere. ["Gilgamesh" è il poema epico più antico del mondo.]

LiveScience: Quali tipi di documenti sono rimasti da quei tempi?
Rubio: Accanto a composizioni letterarie, miti, iscrizioni e annali regali, ci sono decine di migliaia di documenti economici, testi giuridici di tutti i tipi, migliaia e migliaia di lettere da tutti i periodi e altri documenti che aprono più finestre sulla vita quotidiana degli antichi Mesopotamici.
Inoltre, abbiamo testi che coprono tutti gli aspetti della vita intellettuale umana di là dell'economia, politica e letteratura, come testi scientifici e accademici di tutti i generi (testi medici, matematici, astronomici e astrologici). Noi possiamo approfondire le differenze tra il culto ufficiale (come è attestato in molti rituali) e la religione popolare e la religiosità, per cui abbiamo scorci di testi magici, incantesimi, testi di divinazione e così via. Abbiamo una serie numerosa di presagi affascinanti che vanno dai presagi celesti ai presagi tramite l’esame del fegato – osservando il fegato di ovini macellati conformemente ai modelli di fegato conservati, d’argilla, e la ricerca di irregolarità che erano interpretati come segni particolarmente preoccupati per la divinazione.
Un assiriologo può occuparsi della lettura di una poesia d’amore o di un racconto delle gesta di un mitico re o di una divinità, testi medici sull'epilessia o presagi sul comportamento sessuale. La quantità di informazioni che si possono estrarre da molti di questi testi è così impressionante che molti assiriologhi sono diventati sempre più specializzati, negli ultimi decenni.

LiveScience: Pensate che gli antichi Mesopotamici fossero persone molto diverse da oggi?
Rubio: No, affatto. Il linguaggio utilizzato per trasmettere l'esperienza può essere condizionato da una cultura e dal contesto, ma abbiamo tutti simili timori e desideri. Leggendo le lettere della Mesopotamia, per esempio, spesso si apre una finestra nella vita quotidiana delle persone, le cui aspirazioni, i piaceri e dispiaceri non erano diversi dai nostri. È vero che alcuni autori hanno parlato di una drammatica differenza nella percezione o nel carattere di consapevolezza tra antiche culture e civiltà e la nostra; ma credo fermamente che tali presupposti siano principalmente sciocchezze etnocentriche.

LiveScience: Quanto sono simili accadico e sumero alle lingue ancora in uso oggi?
Rubio: L’accadico è una lingua semitica, quindi è molto simile in grammatica e strutture all'arabo e all'ebraico.
Il sumero è abbastanza diverso. In termini di struttura, il sumero è molto più vicino alle lingue indiani americani, per esempio, piuttosto che all’accadico. Strutturalmente simili al sumero – anche se non sono per nulla collegate e non hanno alcun parente in comune – sono lingue vive che includono giapponese, turco, finlandese e ungherese.

LiveScience: Come ha fatto lo sviluppo del linguaggio scritto a rappresentare un importante punto di svolta per la civiltà umana?
Rubio: La scrittura costituisce una tecnologia molto utile e di trasformazione. È importante notare che non occorre essere colta e saper scrivere per essere importanti. Nell'antica Mesopotamia, solo un piccolo gruppo di persone era abbastanza letterato da saper leggere una tavoletta o un'iscrizione. Tra tutti i re mesopotamici di tutte le città mesopotamiche durante tre millenni, probabilmente solo di uno di essi può affermare con sufficiente certezza che fosse stato un letterato: Assurbanipal. [Egli è chiamato anche "grande" e fu l'ultimo re di Assiria.]
Ancora, la scrittura, con le sue molteplici funzioni e il prestigio attribuitole, quasi certamente influenzò tutti. La presenza di scrittura può modificare la natura delle operazioni economiche e le decisioni giudiziarie, perché crea un sistema di mantenimento dei registri che ha certamente conseguenze pratiche e persino cognitive.
La scrittura diventa anche uno strumento principale nell'apparato statale, sia come mezzo di controllo attraverso i registri sia anche di burocrazia e come un veicolo di propaganda politica. Uno potrebbe non essere in grado di leggere un'iscrizione di re Hammurabi o un proclama dal Presidente Mao, ma la sua presenza e la visualizzazione in un luogo pubblico svolge un ruolo importante nel modo in cui lo stato influenza le opinioni della gente, forma le loro volontà e produce il consenso sociale. Anche per gli analfabeti, un'iscrizione ufficiale o regale è più di un pezzo di conversazione: spesso può costituire un blocco definito per lo sviluppo di ogni conversazione.

LiveScience: Gli scienziati pensano che il sumero sia stato la prima lingua scritta nel mondo, ma è probabile che le lingue parlate fossero diffuse molto precedentemente?
Rubio: C'erano certamente altre lingue parlate prima del sumero, ma non avevano alcun sistema di scrittura. Le lingue senza sistemi di scrittura scompaiono quando muoiono coloro che le parlano.
Alcuni esperti dell'evoluzione umana collocano lo sviluppo della capacità di qualche forma di linguaggio (o lingua) a circa 500.000 anni fa. Nella Mesopotamia i primi testi scritti sono di circa 5.000 anni fa. Così si parlò molto a lungo, prima che qualcuno pensasse di scrivere qualcosa.

Fonte: LiveScience, 28 dicembre 2010.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it