Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Linda Eneix
I PRIMI POPOLI MEDITERRANEI


Gli scritti di Platone relativi ad un'antica civiltà avanzata potrebbero non essere fantasia. Una nuova ricerca scientifica sta sollevando alcune nuove considerazioni allettanti. Esistette infatti una grande cultura primigenia e i suoi uomini stimolarono la nascita delle civiltà ben note che navigarono nel Mediterraneo e posero le basi per la nascita delle società europee?

L’archeologo DAVID H. TRUMP afferma: "una pietra è solo una pietra. Due pietre fianco a fianco sono una coincidenza. Ma se trovi tre pietre allineate insieme, hai un muro".
Ecco che cosa avviene quando si scava nella preistoria. L’indagine scientifica e gli studiosi, ora, hanno scoperto una storia in continua evoluzione dello sviluppo della società umana. Circa 6.000-10.000 anni fa, la "rivoluzione neolitica" è stata una profonda svolta nello sviluppo umano, modificando uno stile di vita dalla caccia e raccolta all’agricoltura in forme stabili. Bene o male, il progresso è stato messo in moto. Essere in grado di stare in un posto fisso significava che la gente poteva iniziare a raccogliere le cose e praticare lo stoccaggio delle eccedenze. Oggetti ingombranti come telai, mobili e ceramiche divennero d’uso comune. Il sapere da dove il cibo era venuto dava la libertà alle persone di pensare... anche altre cose astratte. Si poteva cominciare a parlare di arte e iconografia, invenzione e filosofia. Si poteva guardare il cielo da una posizione unica, assemblare i modelli dei movimenti astrali nel tempo. Stabilità e materiali accumulati crearono una piattaforma su cui ogni generazione poteva costruire ed espandersi, proprio come facciamo ancora oggi. Non si potrebbe leggere questo articolo se la tecnologia avesse dovuto ripartire da zero ogni pochi anni.


I popoli mediterranei
Un insieme di relazioni scientifiche, ancorato ai ritrovamenti archeologici, ora sta portando nuove prospettive su come siamo arrivati ad essere chi siamo.
Questa storia inizia con un popolo pre-Semitico, dell’Età della pietra di Levante (circa 8000 a.C.). Esso fu fiorente nella regione nord-ovest della Mezzaluna fertile, e imparò a coltivare. La vita era buona e il loro numero cresceva. La terra non era più in grado di sostenere tutti loro. L'antico storico greco Erodoto fu il primo a riportare tale affermazione, sostenendo che la carestia in tempi molto antichi aveva spinto il re dell'Anatolia a dividere le persone: metà restarono e metò partirono per trovare un nuovo territorio. Non è stata perciò una grande sorpresa, per gli scienziati moderni, individuare diverse ondate di migrazione umana che si diffusero dal vicino Oriente in Europa dopo l'ultima era glaciale, prima dell'inizio della storia scritta.
Uno straordinario gruppo portò le proprie tradizioni e i propri cromosomi (DNA trucco) in quella che era allora la frontiera mediterranea. Erano i supereroi di un’Atlantide di fantascienza? Probabilmente no. Tuttavia, le prove archeologiche suggeriscono che erano più intellettualmente e artisticamente avanzati rispetto a chi li circondava, nello stesso periodo di tempo. Dove si insediarono, ebbero successo. I loro discendenti sopravvissero attraverso i secoli con aspetti della loro identità originale in gran parte intatti fino a che il tempo e l’assimilazione infine li assorbirono -come uomini di mare e costruttori di templi-, successivamente come minoici ed etruschi e ancora più tardi nella grande civiltà della Grecia classica e Roma. Queste famiglie ancestrali originali di coloni sono la gente che stiamo identificando come i Mediterranei.
Importanti prove per questa storia provengono dalla Mesopotamia, e da Cipro, Creta, Isole Cicladi, Sardegna e altrove, ma due luoghi sono le chiavi per scoprire i dettagli.
Il primo è l'Anatolia. È in Turchia meridionale che troviamo i resti archeologici dei primi centri urbani (come CatalHoyuk), il più antico sito religioso costruito conosciuto (Gobekli Tepe) e il luogo di nascita di una mutazione genetica che appare, nel suo passaggio attraverso il mare e di generazione in generazione, a identificare un'unica cultura che ha cambiato il mondo.
La seconda chiave è Malta e la sua isola sorella Gozo, situate a 60 miglia a sud della Sicilia. Qui sono situati i più antichi edifici eretti del pianeta e si trova un'incomparabile collezione di resti creati da una popolazione preistorica sofisticata. Un calendario solare in pietra, nel quale si può camminare. Un complesso megalitico di ingegneria e lo sviluppo dell'architettura monumentale che testimonia un livello relativamente elevato di progresso sociale e cultura. Come si vedrà, Malta offre una capsula del tempo unica di questo scenario del Neolitico mediterraneo, cementando molti altri pezzi di questo puzzle preistorico. (Ancora in gran parte sotto esame da parte degli studiosi nordamericani, l’oscurità di Malta tuttavia ha giocato probabilmente un ruolo saliente nella sopravvivenza di questi antichi tesori).


Il tempio di Ggantija, Gozo, Malta, ca 3700 a.C.
L’edificio eretto più antico del mondo.


Il sentiero genetico
Negli anni Ottanta, l’antropologo Albert J. Ammerman e il genetista L. L. Cavalli-Sforza stabilirono che la migrazione umana, in contrapposizione alla trasmissione di nuove idee, era responsabile della diffusione dell'agricoltura come modo di vita, dal Medio Oriente in Europa. Essi identificarono i marcatori genetici che appaiono ancora con frequenza variabile nel DNA delle popolazioni moderne.[i] I marcatori possono essere datati utilizzando un calcolo basato sul tasso al quale DNA muta e sono estremamente utili per delineare il passaggio delle persone nel tempo. Una variazione del DNA del maschio (o Y), etichettato J2, è un marcatore genetico che identifica i discendenti degli antichi Levantini. Poiché si ritiene che questo Aplogruppo sia sorto dall'Anatolia, non è sorprendente che la più alta concentrazione di uomini moderni sia ancora lì. L'origine è il magazzino stesso che ha prodotto gli ebrei, sia sefarditi sia ashkenaziti, le cui tradizioni si svilupparono lungo un percorso diverso.
Il principale ricercatore del progetto Genographic della National Geographic Society, il Dr. Pierre Zalloua, ha trovato J2 in alta proporzione tra i libanesi, palestinesi e siriani. "L’Aplogruppo YDNA degli antichi Fenici è J2, anche identificato come la firma della migrazione umana attraverso il Mediterraneo nel Neolitico o nuova Età della pietra intorno al 6000 a.C., dal Levante in Europa".[ii]
Questo stesso indicatore si trova in insolitamente alta frequenza lungo le coste del Mar Egeo e del Mediterraneo, la concentrazione diminuisce lungo il cammino in Europa, con l'eccezione di un forte picco su Malta. Dice Zalloua: "Più andate verso sud, meno è probabile che troviate questo indicatore. Più andate verso Nord e nell'entroterra, meno si vede questo indicatore. È molto Levantino... A Malta, l'antico tipo di DNA è stato trovato in una percentuale estremamente alta del 30 per cento dei campioni."[iii] Il percorso della migrazione emerge chiaramente quando i numeri vengono registrati su una mappa.
Il Dr. Roy King e il Dr. Peter Underhill della Stanford University hanno proposto una correlazione tra la presenza di questo stesso aplotipo DNA con ceramiche dipinte e alcune statuette antropomorfe, trovate lungo le coste del Mediterraneo e dell’Egeo orientale e settentrionale e col tempo diffuse in Europa.[iv] la convergenza di queste mappe rimane un meraviglioso strumento per cogliere un'immagine più grande.


La presenza di una firma genetica è fortemente indicativa, ma è come trovare solo una pietra nel campo. Le mutazioni-Y nella popolazione moderna sopravvivono solo attraverso gli uomini che hanno avuto figli. Uno studio genetico molto più completo è certamente da sviluppare. Speriamo che includa anche il DNA mitocondriale, che passa da una madre ai suoi figli. Anche allora, potremo solo vedere tra le persone viventi l’eredità delle donne le cui figlie abbiano avuto figlie. Un uomo avrà il DNA mitocondriale di sua madre, ma egli non può trasmetterlo. I suoi figli lo ereditano dalla loro madre.
L'immagine è ulteriormente complicata da migrazioni e ri-popolamenti sopra un'enorme estensione di tempo. Risposte definitive sulle relazioni genetiche umane durante il periodo neolitico arriveranno solo da un confronto del DNA dalla gente che viveva in esso. Il che può essere possibile un giorno, poiché vi sono resti umani incontaminati del periodo sia nell'Anatolia sia a Malta.
Nel frattempo, il lavoro in Italia sottolinea la premessa. Come segnalato in The New York Times del 3 aprile 2007, scoperte genetiche sostengono l’idea che gli Etruschi fossero originariamente migrati in Italia dal vicino Oriente. Un grande anello di una catena lunga, la cultura etrusca permeò l’arte romana, così come l’architettura e la religione.
A rafforzare tale scenario, l’analisi del DNA dei bovini mostra un'origine neolitica nel vicino Oriente per i bovini domestici in Europa. I ricercatori calcolano che il tempo in cui il bestiame della Toscana e il bestiame del vicino Oriente facevano parte della stessa popolazione era da 6.400 a 1600 anni fa, il che implica che gli Etruschi, o la gente che li originò, emigrasse insieme a loro in questo periodo (Minotauri e tori sacri: qui è un altro elemento di traccia.) Come con i bovini, il DNA dei caprini e suini europei racconta la stessa storia di origini Levantine. Nei resti di un Tempio megalitico eretto 4400-5800 anni fa su Malta si trovano intagliate immagini di tutti questi animali. Essi sembrano essere parte del "kit da viaggio" del Neolitico. Nascoste in luoghi segreti, ci possono essere ossa reali e corna che potrebbero ancora contenere DNA antico. Ci sono anche caprini e bovini viventi, ritenuti essere discendenti diretti dalle specie del Neolitico.

Altre prove archeologiche
Insieme con il loro bestiame e le tradizioni, i primi coloni portarono le loro colture. Pollini conservati nell’interno di sedimenti indicano che olive e ortica sono state introdotte, almeno a Malta, allo stesso tempo dell’immigrazione umana. Semi di pane di frumento per il pane e d’orzo, databili col radio-carbonio, sono stati trovati negli strati di un sito di Tempio scavato dal Dr. Trump stesso. Questi chicchi sono le dimostrazioni che tutto è iniziato tutto nella Mezzaluna fertile della Mesopotamia. Rivelano che nell'Egeo ci fu uno stesso contesto Neolitico.
Ci sono poi le spirali, i lucidi amuleti "a testa d’ascia" e gli "idoli a violino", alcuni elementi comuni nell'architettura e nei costumi sepolcrali, l'uso profuso di ocra rossa e ossidiana; e le immagini della madre dea/fertilità, (l'identificazione della quale è l'argomento più rovente, nell’archeologia mediterranea).


La "Signora dormiente", scultura in terracotta, circa 3.000 a.C.
Recuperata dal Tempio Ipogeo di Hal-Safieni, Malta.

L'elenco prosegue e le relazioni si continuano ad accumulare--con un'osservazione notevole da Malta:
Abbiamo gli indicatori che l'identità culturale (sistema di culto e di fede) che facevano parte della cultura di origine non mutarono radicalmente per un tempo molto lungo. Il substrato era ancora riconosciuto dai discendenti dalla patria dopo 2000 anni.
"Flash back al 900 a.C.. Nasce una colonia di mercanti Fenici a Malta. Essi sono Levantini Cananei: discendenti dalle stesse famiglie originali che colonizzarono il Mediterraneo, lasciando l’Anatolia migliaia di anni prima. La prima cosa che i Fenici desideravano di fare era costruire un santuario alla loro divinità, la Signora Astarte che, in quel momento, capeggiava una Trinità. Su una collina vicino al porto dove erano approdate le loro navi c’era un tempio megalitico, ancora in gran parte intatto, abbandonato circa 1500 anni prima. Essi ristabilirono le pietre e restaurarono il sito per i propri gusti? No. Essi lo riconobbero. Essi onorarono il santuario già esistente e lo incorporarono in un'espansione nel loro tipico stile"... di assimilazione alla tradizione del preistorico locale."[v]
Ciò suggerisce che i Fenici percepissero il tempio preistorico esattamente nello stesso modo in cui i cristiani moderni vedono la Chiesa della Natività a Betlemme o le catacombe cristiane del quarto secolo.
Inoltre, vecchi rapporti e foto indicano la presenza nei siti di templi Maltesi di alcuni emblemi che erano tipici della religione Fenicia. Descritti dagli studiosi: "... sono sorprendenti le somiglianze e le differenze sono molto simili a quelle dovremmo trovare tra una chiesa di villaggio e una grande cattedrale."[vi] ma questi emblemi che possono essere attribuiti ai Fenici erano posseduti dai coloni originali verso il 3800 a.C. Oggetti di culto che in genere vengono etichettati come semitici (forse anche babilonesi), appaiono ancora una volta presso i minoici, a Delfi e in colonie romane dell'Africa. Hanno fatto la loro presenza in Malta prima di qualsiasi che quelle società apparissero.
Ora un gruppo di ingegneri di Exeter rivendica che pietre sferiche possano essere state utilizzate nella costruzione di Stonehenge.[vii] e ha sviluppato questa teoria, dopo aver esaminato le palle di pietra misteriose trovati vicino a un simile monumento nella Contea di Aberdeen, in Scozia. Palle di pietra sono raccolte intorno alla maggior parte dei templi megalitici su Malta. Alcune si possono ancora vedere in posto sotto le enormi lastre che esse servirono a collocare nella posizione giusta.


Un’attenta e continua raccolta di dati e analisi è attesa per ottenere un quadro più completo. Questo può essere realizzato meglio attraverso la ricerca multidisciplinare e una sintesi potrà essere tracciata tramite una varietà di fonti e risorse in tutto il mondo. Pertanto, la ricerca archeologica e genetica può essere solo una parte dell'equazione. Con essa, noi potremmo stare guardando la punta dell'iceberg. Collaboratori e partners possono partecipare per contribuire a rendere più accessibile al pubblico la scienza complessa di questa storia. Abbiamo bisogno di risorse e forza accademica.
Ulteriori informazioni sono disponibili dall’Istituto Mediterraneo di antiche civiltà al sito
www.AncientMed.org.
Per ulteriori informazioni su Malta antica, visitare www.OTSF.org.
Immagini cortesemente fornite dalla Fondazione OTSF

[i] Ammerman,Albert J. and L.L. Cavalli-Sforza. The Neolithic Transition and the Genetics of Populations in Europe, New Jersey, Princeton University Press, 1984
[ii] Zalloua, Pierre, Personal communication with the author, 2008. See also "Who were the Phoenicians?" National Geographic Magazine, October 2004
[iii] Zalloua, Pierre, "In Lebanon, DNA may yet heal rifts", The Arab American News, Sep 19, 2007
[iv] King, Roy and Peter A. Underhill. "Congruent distribution of Neolithic painted pottery and ceramic figurines with Y-chromosome lineages." Antiquity 78 (2002): 707-14
[v] Ciasca, Antonia. "Some considerations regarding the sacrificial precints at Tas-Silg", Malta, Journal of Mediterranean Studies, vol 3, number 2,1993: 225-245
[vi] Perrot, Georges and Charles Chipiez, "The Temples of Gozo and Malta", History of Art in Phoenicia, London, Chapman and Halll, Ltd., 1885
[vii] http://sify.com/news/neolithic-engineers-used-ball-bearings-in-stonehenge-construction-news-international-kltnurajbci.html

Fonte: Popular Archaeology http://popular-archaeology.com/issue/january-2011/article/the-mediterraneans

L’autrice, Linda Eneix
Membro fondatore dell'Istituto Mediterraneo di antiche civiltà, Linda C. Eneix è l'autorità più importante dell'America sulla cultura preistorica dei Templi di Malta. Come Presidente della Fondazione OTS (Old Temples Study), sovrintende a Malta i prestigiosi corsi brevi educativi Elderhostel e Road Scholar. È autrice di numerosi articoli e di un manuale di lezioni per studenti maltesi.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it