Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
LA PHILADELPHIA DI WILLIAM PENN
una città-giardino del sec. XVIII


Con oltre un milione e mezzo di abitanti nella sua zona centrale, e sei milioni in tutto il suo aggregato, Philadelphia è oggi la sesta città degli Stati Uniti.
Gli olandesi, nel 1623, fondarono Fort Nassau sul fiume Delaware. Nel 1664 gli inglesi conquistarono la regione. Nel 1681, il quacchero William Penn divenne il proprietario di quella che, in sua memoria, sarebbe stata chiamata la Pennsylvania. Egli volle fondare la nuova città ideale di nome Philadelphia (parola che significa amore fraterno, dal greco).


Le concezioni applicate da Penn al piano reglatore di Filadelfia possono essere considerate come uno dei primi tentativi di pianificazione della città utopica, e certamente si trattò della città americana più estesamente 'pianificata' in quel momento. Paradossalmente, i primi piani Penn nacquero dal suo amore per la vita in campagna, a differenza della metropoli. Gran parte della sua ricchezza era derivata dagli affitti dalle sue proprietà rurale in Inghilterra e in Irlanda. Forse per giustificarsi, vedeva il denaro guadagnato dalla vendita della terra meno moralmente contaminato da quello acquisito col commercio. Così la sua originale visione di una "Città-campagna verde" cercò di replicare questo modello di vita nel nuovo mondo. Il primo piano prevedeva case individuali separate le une dalle altre aree cospicue di verde, quindi replicava l’impronta della fattoria del gentiluomo che egli aveva tanto amato.
Sebbene Penn immaginasse di realizzare una “città-campagna”, difficilmente poteva ignorare l'occupazione della maggior parte degli investitori della sua colonia. Essi erano commercianti e il commercio sarebbe il motore economico della nuova città. Così, oltre a dover coltivare le fertili terre, la nuova città avrebbe dovuto essere accessibile alle navi commerciali. Essa doveva essere situata "nel luogo più comodo sul fiume per la salute e la navigazione". Il sito scelto, la convergenza dei fiumi Delaware e Schuykill, era già coltivato da un gruppo eterogeneo di svedesi, finlandesi, olandesi e inglesi. Non era tuttavia un porto ideale. Le rive troppo alte rendevano lo scarico difficile e il fiume si congelava più facilmente rispetto al porto di New York. Tuttavia, il sito forniva anche un approdo sicuro, profondo e il fiume Schuykill dava il miglior accesso verso l'interno dello stato. E non poteva essere ignorata la terra coltivabile estremamente fertile che circondava il sito della città.
Al centro dei 10.000 acri (4050 ettari) che Penn riservava alla sua 'grande towne' c’era il sito di 1200 acri (500 ettari) di Filadelfia. Questa terra formava un rettangolo tra i fiumi Schuylkill e Delaware e formava il cuore commerciale della sua towne, mentre 80 acri di gentleman estates avrebbero circondato questo nucleo. Ciascuna di queste dimore doveva essere impostata ad almeno 800 piedi (250 m) di distanza dai suoi vicini e circondata da giardini e campi. E anche se questo piano si dimostrò impraticabile a causa della geografia del sito, Penn avrebbe incorporato la stessa spaziatura regolare nel suo piano per la città. Egli mantenne il concetto di una cintura verde che circondava la metropoli, come un’anticipazione del moderno sobborgo. Nel suo piano riveduto Penn forniva una generosa quantità di spazio per l'espansione, molto più che in qualsiasi altra città americana contemporanea. Penn così previde due principali tendenze nello sviluppo della città: una crescita inarrestabile e il desiderio di un'enclave semiurbana borghese. Pure, nei suoi piani per lo sviluppo urbano assunse in modo corretto che ogni casa dovesse avere un proprio spazio per un giardino. I suoi piani erano fortemente diversi da quelli angusti delle città d'Europa e raccolsero molte lodi, ma anche condanne e speculazioni, sin dagli esordi.
Penn pubblicizzò in primo luogo il layout della sua città in Ritratto della città di Filadelfia, di Thomas Holme pubblicato nel 1683. Come si può vedere, Penn progettò la città con una griglia rettangolare. Le due strade più ampie s’incrociavano in una ‘Piazza centrale' e dividevano la città in quattro quadranti.


Queste vie larghe 100 piedi (30 metri) erano più ampie delle altre strade parallele e più ampie di qualsiasi via di Londra. Penn può essere stato influenzato dai piani di Richard Newcourts per la ricostruzione dei quartieri bruciati di Londra, o forse dalle nuova città di guarnigione come in Irlanda Londonderry. In ogni caso, il suo disegno era ampio, aperto, rettilineo ed era un po' rivoluzionario, anche se oggi sembra "normale" per la maggior parte delle città americane.
Penn previde i principali edifici pubblici della città, la meeting house, la scuola, la casa di stato, tutti intorno alla Piazza Centrale. Come indica la mappa, i lotti erano diffusi uniformemente su tutta la larghezza della città, con gli estremi di fronte al fiume Delaware e al fiume Schuylkill. Penn, originariamente, aveva previsto di situare la propria casa vicino al Schuylkill, a Fairmount, vicino al luogo dove sarebbero sorti le famose opere idrauliche e il Museo d'arte. I lotti segnati sulla mappa misuravano un acro o mezzo acro (4000 – 2000 metri quadrati), grandi abbastanza per realizzare i giardini. Anche l'abitante della città poteva così vivere in un modo “campagnolo”. Inoltre, ogni quadrante conteneva spazi verdi aggiuntivi nella forma di un piccolo parco.
Penn era così interessato a parchi e giardini, in parte perché aveva compreso alcuni dei pericoli insiti nella città del XVII secolo. Aveva attraversato la peste bubbonica a Londra del 1665 e il grande incendio del 1666. E così non è sorprendente che immaginasse la sua ' greene towne' come una città "che mai sarà bruciata e sempre rimarrà sana". (Weigley, 2) Purtroppo, un po' più di cento anni dopo che Penn aveva fondato la sua città, Philadelphia sarebbe stata devastata da una serie di epidemie di febbre gialla. Il sogno di una città 'sana' fu gravemente compromesso dai 'puzzolenti miasmi' della malattia. Come Penn, i governanti della città trovarono ancora una volta la salvezza 'rinverdendo' e nella 'pulizia urbana' di Philadelphia (da allora la più grande città degli Stati Uniti e capitale nazionale) con l'istituzione delle opere d'acqua Fairmount e del parco circostante. La città leader nel XIX secolo doveva anche fare i conti con gli interessi concorrenti di affari e benessere pubblico, benché - a differenza di Penn - i commercianti non fossero 'proprietari' della terra.


Anche se Philadelphia è cresciuta ed è andata ben al di là del design originale di Penn, ha controllato ancora simbolicamente la sua crescita verticale. La cima della City Hall (al centro del quadrato) è stata considerata il limite massimo di altezza per ogni costruzione sino alla metà degli anni ottanta; sino ad allora la statua di Penn ha sempre guardato dall’alto la sua città. Pure, il suo layout di strade rettilinee, il suo interesse per uno sviluppo 'suburbano' e il suo desiderio di pianificare la città perfetta, tutti questi aspetti prefigurarono i piani ‘innovativi’ di molte città future.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it