Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Keith Davis (ICView, Ithaca College)
I PRIMI AMERICANI SEGUIRONO LA ROTTA DELLE ALGHE


Un tempo i cartografi pensavano che la terra fosse piatta e gli astronomi credevano che il sole girasse intorno alla terra. Ancora negli anni 1990, gli archeologi erano convinti che i primi colonizzatori del continente americano avessero attraversato un ponte di terra dall'Asia in Alaska, aprendosi la strada tra i ghiacciai e, gradualmente, avessero proseguito verso sud. Secondo il pensiero ortodosso, ciò era accaduto circa 12.000 anni fa.
"Supponiamo che fosse vero", dice Jack Rossen, professore associato e presidente del dipartimento di antropologia. "Immagina di poter trovare un corridoio attraverso un muro di ghiaccio alto un miglio e proseguire per un migliaio di miglia. Cosa potresti mangiare? Ghiaccioli?"

Un percorso alternativo


Rotta costiera e via di terra per le Americhe

"Ci sono cinture d’alghe lungo la costa occidentale delle Americhe, dall'Alaska al Cile, e sono ecologicamente complesse come foreste pluviali", dice. "Ci sono varie specie di animali, di pesci, e c'è la stessa alga, che è incredibilmente ricca di sostanze nutritive. Che cosa potrebbero preferire, delle persone? Provare a trovare un pasto in un mondo di ghiaccio, o prendere una barca lungo la costa e alimentarsi con pesci, ostriche, e verdure?"
In retrospettiva, il sentiero delle alghe ha un senso. Ma di recente, 15 anni fa, era considerata un’eresia archeologica pensare che I primi esseri umani del Nord e del Sud America non avessero utilizzato la via di terra. L'evidenza di quella saggezza convenzionale è venuto da un sito scavato nel 1930 vicino a quello che oggi è Clovis, Nuovo Messico. Secondo la datazione al carbonio, le punte di lancia di pietra scoperte erano vecchie 11200 anni, rendendo Clovis il più antico insediamento conosciuto in America. L'ipotesi era che i cacciatori-raccoglitori provenienti dall'Asia avessero fatto un'escursione a sud del ponte di terra di Bering, vivendo della caccia occasionale al mastodonte e a quant'altro potessero trovare.
Ma nel 1975 uno studente di veterinaria in visita si imbatté in quello che pensava fosse un osso di mucca esposta lungo il letto di un torrente nel sud del Cile, a circa 50 miglia dalla costa del Pacifico. Quando l’"osso" si rivelò essere una zanna di mastodonte, Tom Dillehay, poi diventato un famoso archeologo presso l'Università del Kentucky (ora a Vanderbilt University), e i suoi colleghi cileni capirono di avere un sito preistorico nelle loro mani. Nel 1976 il team Dillehay ha iniziato un progetto di scavi a Monte Verde, Cile, che li avrebbe occupati per i successivi nove anni. Nel 1983 Dillehay chiese a uno dei suoi relatori di tesi - Jack Rossen - di partecipare allo scavo.
"Lui mi ha voluto perché sapevo come si usassero le piante tra le culture antiche - sia come cibo sia come medicine – e ciò rivela come queste comunità fossero organizzate", dice Rossen. "Questa conoscenza era importante a Monte Verde, perché Tom sapeva che il sito poteva contenere una discreta quantità di piante conservate. "
"Una discreta quantità" si è rivelata 72 tipi diversi di piante, compresi i semi, noci, frutti di bosco, e un esemplare di patata selvatica datata col radiocarbonio a 13.000 anni fa. "Quel tipo di abbondanza", dice Rossen, "è inaudito per la scienza archeologica. "
Oltre alle piante, la squadra di Dillehay ha trovato una struttura simile a una tenda, di 20 piedi, di legno e pelli d’animali, un’impronta umano abbastanza piccola per essere d’un bambino, due focolari all'aperto, più di 700 ossi finemente lavorati e strumenti di pietra, e centinaia di altri artefatti.
Non era straordinaria solo l'abbondanza dei ritrovamenti, ma anche il loro stato di conservazione. Normalmente, le piante e altri materiali organici si degradano nel corso del tempo, ma i tronchi caduti avevano arginato il torrente lungo il quale era stato fondato l'insediamento. La torba coprì la costruzione, e in pochi mesi il sito fu trasformato in un pantano e dovette essere abbandonato. Isolando il tutto a tenuta d'aria, la torba impedì al materiale biodegradabile di decadere. Dillehay e i suoi ricercatori si sono trovati a scavare un paese mummificato.
"Tutto è stato conservato", dice Rossen. "Abbiamo usato scalpelli da dentisti per scavare, è questo il metodo meticoloso che abbiamo applicato."

Una capanna di medicina fornisce un indizio

Una tale attenzione al dettaglio ha dato i suoi frutti. Sul pavimento di quella che era stata una struttura a forma di quadrilatero, Rossen e i suoi colleghi hanno scoperto grumi delle dimensioni d’un morso, a forma di mezza luna.
"La struttura a quadrilatero era molto probabilmente una capanna di medicina", dice Rossen. "E i grumi si rivelarono essere cibo masticato contenente cinque specie di alghe mescolate con una varietà di lassativi, antibiotici e altre piante medicinali."
Questo è stato notevole, Rossen dice, perché, al momento in cui era abitato, Monte Verde si trovava a 50 miglia dalla costa più vicina del mare. Più notevole ancora: alcune delle alghe provenivano da coste rocciose, alcune da coste sabbiose, e alcune delle piante provenivano perfino da 250 miglia di distanza. Ancora più notevole: la serie di piante incluse: specie che non erano disponibili tutto l'anno. Erano state raccolte in diversi momenti dell'anno.
"E' così che sappiamo che le persone che si insediarono a Monte Verde vi rimanevano per tutto l'anno", dice Rossen. "Questo ci dice anche che non erano colonizzatori perché le persone che sono appena arrivate in un luogo non hanno una conoscenza dettagliata del loro ambiente. Né hanno stabilito il tipo di reti sociali e commerciali che possono portare ad acquisire specie vegetali da postazioni remote. Le persone che vivevano a Monte Verde, erano state lì per un bel po'."
Quanto tempo è stato "un po'"? Secondo gli oggetti trovati sul sito e datati col radiocarbonio, almeno 12.500 anni. Ah! Un insediamento umano era fiorente nel sud del Cile, 500 anni prima che i primi coloni potessero aver attraversato un ponte di terra 10 mila miglia più a nord.
"Trovare un antico sito di Clovis è stato un completo cambiamento di paradigma, e un sacco di gente non voleva accattare una tale ipotesi," dice Rossen. "Mostrare che l'uomo aveva vissuto in America molto più a lungo di quanto chiunque potesse immaginare era molto controverso e richiedeva uno standard molto elevato di prova. "
Tale standard comprendeva 1000 pagine del rapporto di ricerca diffuso tra gli archeologi di primo piano. Per anni, gli esperti hanno esaminato i dati dagli scavi di Monte Verde, e nel 1997, dopo quella che il vincitore del Premio Pulitzer, il giornalista John Noble Wilford, ha chiamato "una battaglia intellettuale. . . relativa a quando si è formato il primo nucleo abitato delle Americhe ", un team di archeologi sponsorizzato dalla National Geographic Society e dal Dallas Museum of Natural History ha visitato il sito. Il rapporto da loro pubblicato ha rivendicato i risultati di Monte Verde.
"Monte Verde è reale", ha scritto Alex W. Barker, curatore capo del Dallas Museum of Natural History. "E' vecchio. Ed è una cosa completamente nuova. "
Da allora, circa 25 siti - tra cui due in Brasile e un altro su un'isola al largo della costa della California - sono stati scoperti che datano anche pre-Clovis. Inoltre, tra gli oggetti da uno strato più profondo di Monte Verde, qualcuno è stato datato al carbonio da quasi 33.000 anni. In altre parole, le persone sono arrivate in Sud America quasi 22.000 - e non solo 1300 - anni prima di Clovis.
Nel caso qualcuno non fosse ancora del tutto convinto, stanno arrivando ancora prove dagli scavi del 1980. Nel numero di maggio 2008 di Science , un articolo co-firmato da Dillehay, Rossen, e altri ha presentato uno studio recentemente portato a termine delle nove specie di alghe trovate a Monte Verde, comprese particelle microscopiche radicate lungo il bordo di un utensile di pietra. Lo studio ha confermato i risultati originali.
"Inizialmente, abbiamo raccolto più materiale di quanto abbiamo avuto il tempo di studiare", dice Rossen. "Ma i progetti archeologici non finiscono mai. L'analisi prosegue anni dopo che gli scavi vengono eseguiti. C'è sempre qualcosa di più si può fare con il materiale. "

Un percorso convincente


Anche se gli archeologi si sono convinti della strada costiera, sono ancora da sistemare i dettagli. Per esempio, dove e come quei primi cacciatori-raccoglitori smisero di muoversi galleggiando o nuotando lungo la costa e si risolsero a penetrare nell'entroterra? E' difficile dirlo, dato che i livelli del mare sono aumentati nel corso dei millenni. Luoghi dove le persone potevano anticamente avere stabilito le comunità costiere sono ora 200 piedi sotto l'acqua. Il lento progredire dei movimenti degli americani antichi non potrà mai essere mappato con precisione, ma Rossen non si scoraggia.
"Sapere come queste persone vivevano è più importante che conoscere ogni dettaglio di come sono arrivati lì, perché gli antichi hanno molto da insegnare a noi", dice. "Durante il 99 per cento della nostra storia, gli esseri umani sono stati cacciatori-raccoglitori - o più precisamente, raccoglitori-cacciatori - e siamo ancora tali nel nostro cuore. Possiamo vivere nelle grandi città, ma sappiamo ancora funzionare meglio in gruppi di 15-20 persone. E il nostro modo di fare commissioni - dove trovare le occasioni, il miglior servizio, dove è il miglior cibo - replica i modelli di comportamento delle persone che sanno dove andare quando è la stagione delle patate, dove si trova il miglior legno, e quali bacche scegliere."
Un antico popolo ci può anche insegnare una cosa o due sulla medicina.
"Alcune delle piante che abbiamo trovato a Monte Verde, sono attualmente utilizzate in sciroppi commerciali per la tosse", dice Rossen. "Inoltre, poiché un sacco di piante alimentari usate a Monte Verde hanno un valore incredibilmente alto potere nutritivo, tali nutrienti sono in grado di trattare le persone contemporanee che soffrono di carenze vitaminiche."
Tra quelle piante ci sono le alghe.
"Le alghe colmano le lacune nutrizionali ancora oggi, come hanno fatto 20.000 anni fa", dice Rossen. "Io le consiglio. Hanno un sapore fantastico."

Per gentile concessione di ICview


Fonte: Past Horizons, Mercoledì, 12 ottobre 2011



Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it