Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Edward Leonard
UN SITO SOLSTIZIALE DI 12000 ANNI IN VIRGINIA


Sin dall’epoca coloniale, Bear's Den Rock ha catturato l’attenzione dei viaggiatori nel nord della Shenandoah Valley, e forse anche quella degli abitanti locali che cacciavano e pescavano nella regione, migliaia d’anni prima.
Ora, un archeologo locale crede che il rilievo, posto proprio a sud della Virginia's Route 7 nella Clarke County, sia parte d’un più grande calendario celeste, di 12000 anni fa, usato dai Nativi Americani per segnare il passaggio delle stagioni.

L’archeologo Jack Hranicky, che ha scoperto il sito solstiziale a Clarke County, Virginia.


"Sono stati scoperti diversi siti archeologici negli Stati Uniti, ma mai nulla di simile a questo, così antico" dice il Dr. Jack Hranicky, il "Dr. Jack" per gli amici, archeologo accreditato della Virginia e autore di 32 libri sulla preistoria del Nord America, che aveva scoperto almeno sei siti solstiziali dei Nativi Americani.
”Questo sito conserva diverse prove di essere stato in uso da 12000 anni fa, da parte dei Paleo-Indiani, e questo ne fa il principale sito cerimoniale e calendario lungo il Fiume Shenandoah" aggiunge il Dr. Jack. "Io lo classifico come un 'Osservatorio dell’orizzonte' che forniva un Paleo-calendario agli antichi abitanti d’America."

Chris e René White con un diaspro trovato sulla loro proprietà - foto Edward Leonard


La storia che sta dietro il presunto calendario e la sua riscoperta moderna è intrigante e risale a tempi più antichi. Secondo il Dr. Jack, 12000 anni fa i Paleo-Indiani si spostavano in tutta l’area della Shenandoah Valley e del Piedmont Plateau. La zona del Piedmont era ricca di cibo, ma i primi Americani si avventuravano anche verso nord e ovest lungo il Fiume Shenandoah, nell’attuale Clarke County.
"Quando i Paleo-Indiani andavano verso nord lungo il fiume, Bear's Den Rocks rappresentava per loro un segnale molto evidente", dice il Dr. Jack.
Il Dr. Jack sta in piedi al centro di alcuni ampi anelli concentrici di pietre, scoperti nel 2000 da Chris White sulla sua proprietà, circa due miglia a sud-ovest di Bear's Den.
Chris decise di costruirsi una casa sulla proprietà e andava spesso sulla sponda del ruscello. "Una voce dentro di me sembrava dirmi: questo posto è importante".
Non aveva però alcuna idea di che cosa fosse importante, in quella terra, a parte la visione d’un bel paesaggio. Due anni dopo, White completò la casa e rivolse la propria attenzione ai campi circostanti: potevano essere la sede d’una Chiesa per i Nativi Americani. White voleva creare un centro d’incontro tra i popoli e discutere delle esigenze vitali degli abitanti del luogo. Fondò così la Oklevueha Native American Church of Virginia, e stabilì il “Santuario lungo la Pista”. Nel 2010 decise di costruire una “ruota di medicina”, come sede per tali attività, e scelse di collocarla sotto la propria casa, vicino a Spout Run.

Il sorgere del sole al Solstizio d’inverno sopra la roccia del solstizio. Foto Jack Hranicky.

Le ruote di medicina, o cerchi sacri, si fanno disponendo le pietre sul terreno secondo un disegno rituale, che seguono sempre lo schema di base di una pietra centrale, circondata da un anello esterno di pietre che “parla”, o da linee di pietra radianti dal centro. Le ruote di medicina sono realizzate dagli indigeni del Nord America per varie ragioni: astronomiche, rituali, curative e didattiche.

Diagramma dei principali elementi d’un sito solstiziale - Dr. Jack Hranicky.

Quando White cominciò a fare pulizia degli alberi caduti dal sito prescelto, scoprì una cosa straordinaria. Un cerchio di pietre, preesistente, andava rivelandosi. Al proseguire del lavoro, emergeva un altro cerchi concentrico.
Sulle prime White non sapeva che pensare. Si poteva trattare d’una anomalia naturale, causata dalle pietre scivolate o da qualche altro evento casuale? Alcune caratteristiche delle pietre richiamavano la curiosità di White. Ad esempio, perché le pietre del cerchio più ampio segnavano i punti cardinali? E perché c’erano due anelli, l’uno dentro l’altro?
White, che è un discendente dei Nativi Americani, della Nazione Cherokee, pensò che un archeologo professionista dovesse sapere se i cerchi fossero opera della natura o dell’uomo, e prese contatto con il Dr. Jack. Come ogni scienziato, Hranicky rimase dapprima scettico, ma tuttavia intrigato dalla scoperta di White. Dopo un primo esame preliminare, il Dr. Jack decise che occorreva approfondire l’indagine archeologica. Con l’assistenza di Chris e René White, Hranicky condusse il primo scavo scientifico su un’area di 1,5 x 1,5 m, nel sito di Spout Run, e trovò strumenti di diaspro e altri manufatti databili a circa 12000 anni fa.
"E’ stato molto importate trovare attrezzi di diaspro", dice Hranicky. "In questa zona il diaspro non si trova naturalmente e la sua presenza stabilisce la presenza di popolazioni Paleo-indiane".
I pezzetti di diaspro possono essere molto importanti dal punto di vista scientifico, ma la cosa più straordinaria era il calendario, che appariva accuratamente calibrato sul cambiamento delle stagioni, come poteva verificarsi più di 2000 anni fa.

Chris White scava nel sito solstiziale - Foto René White


Secondo White e Hranicky, una persona in piedi, al centro dell’anello di pietre, può mirare con le pietre del cerchio interno posizioni precise sul cerchio più ampio, e allineamenti con altri punti eminenti del paesaggio circostante, per esempio Bear's Den Rocks, che distano circa due miglia.
Sulla base di tali allineamenti, l’osservatore mirerà al sorgere del sole direttamente in direzione delle Bear's Den Rocks al solstizio d’estate.

I siti solstiziali permettevano ai Nativi Americani di segnare il cambiamento delle stagioni, un aspetto importante della sopravvivenza - Cortesia del Dr. Jack Hranicky.

Harnicky segnala che un simile allineamento ricorre al solstizio d’inverno tra un pilastro di pietra del cerchio e un altro particolare della geografia circostante. Non molto distante dall’anello c’è una pila di pietre, che Hranicky ritiene fosse un antico altare, proprio su tale allineamento. Benché in un giorno d’autunno, oggi, le rocce di Bear's Den appaiano coperte dalle fronde degli alberi, il Dr. Jack pensa che 12000 anni fa quegli alberi sulla montagna non ci fossero e i Paleo-indiani potessero usufruire di una limpida linea di visuale dal centro del cerchio verso l’altare, continuando sino alla montagna verso Bear's Den Rocks.
Secondo il Dr. Jack, il calendario di pietra fu probabilmente costruito non solo per usi cerimoniali e astronomici, ma anche come luogo per la lavorazione degli attrezzi di diaspro. Tuttavia, l’importanza primaria per le antiche tribù doveva essere certamente quella di calcolare i cambiamenti stagionali.
"La ricerca nel sito include la mappatura e l’esplorazione delle risorse circostantie conferma che i sacerdoti Paleo-indiani praticavano cerimonie usando l’altezza del sole, i cerchi concentrici e l’altare di pietre, alto circa un metro e mezzo", dice Hranicky, il quale sta registrando il sito archeologico come patrimonio preistorico riconosciuto dallo stato, presso il Virginia Department of Historic Resources, e come segnale territoriale storico nazionale presso l’U.S. Department of Interior.
Hranicky e gli Whites hanno coniato il nome "Spout Run" per il sito preistorico, dal ruscello Spout Run, che scorre vicino, prima di andare a sfociare nel Fiume Shenandoah.
Hranicky ritiene che lo Spout Run Site nella Clarke County sia il più antico sito cerimoniale Paleo-indiano fuori terra del Nord America.
"Questo sito preistorico del Nord Virginia ha un valore unico ed offre uno sguardo sulla cultura altamente sviluppata che viveva in Virginia oltre 12000 anni fa", dice Hranicky. "Il sito offre anelli concentrici sul terreno, attrezzi di diaspro, un calendario che punta si solstizi d’estate e d’inverno.
"JasIl diaspro è una pietra criptocristallina, ben nota perché usata dai Paleo-indiani per il loro attrezzi durante il periodo detto Younger Dryers, dopo il rapido ritorno della Terra ad un’Era Glaciale, con clima asciutto e ventoso. La datazione corrisponde al periodo di tempo in cui i Paleo-indiani scavavano il diaspro presso il complesso di Thunderbird (Flint Run) nella Warren County", fa osservare Hranicky.


Thunderbird è una cava di diaspro scavata nel 1974 da William Gardner dell’Università Cattolica. Gardner fu tra i primi a scoprire che i Paleo-indiani usavano il Fiume Shenandoah per arrivare alle cave di diaspro.
"Il nostro obiettivo è quello di raccogliere donazioni e fondi per aiutare a preservare il sito per le future generazioni", afferma Chris White, proprietario di Spout Run. "Chiunque sia interessato ad aiutare la salvaguardia di questo luogo sacro può contattare White presso la Native American Church of Virginia, ONACofVA@gmail.com".

Fonte:Clarke Daily News (Virginia), 23 ottobre 2011.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it