Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Alberto Arecchi
SPIEGATO IL MISTERO DELLA PRESUNTA NAVE D'ATLANTIDE?
Tra i pozzi di petrolio del Grand Erg Orientale

Qualche anno fa abbiamo scritto su questo sito:

"RITROVATA DAL SATELLITE UNA NAVE DI ATLANTIDE?

Uno strano oggetto appare nelle foto satellitari di Google Earth, in un punto del Grand Erg orientale, nel profondo sud dell’Algeria, verso est, in direzione della Tunisia e di Ghadamès, dove secondo le mie ricerche c'era il gran lago che "affondò" Atlantide con la tracimazione delle proprie acque".



Le coordinate geografiche dell'oggetto semisepolto nelle sabbie erano: 31°01'08" N - 7°58'32" E.
La località si trovava in prossimità dei campi petroliferi denominati Rhourde el Khrouf, in corso di sfruttamento, a non grande distanza da Rhourde El Baguel (un centinaio di km verso Sud-est, in direzione del confine tunisino). Rhourde El Baguel è per importanza il secondo giacimento petrolifero dell'Algeria, ragion per cui la presenza umana nella zona non è così rarefatta come si potrebbe pensare, quando si parla di "gran deserto di sabbia", ma è una zona con piste d'atterraggio e con un certo passaggio di auto fuoristrada.
Ecco perché nei dintorni si riconoscevano chiaramente piste, casupole e tracce di autoveicoli.
La misteriosa forma affusolata appariva inserita quasi in diagonale all'interno d'altre tracce (formate da due linee parallele) che formavano un ampio rettangolo (dimensioni di circa 120 x 200 m) e s'interrompevano verso Nord, presso la cresta d'una duna. Dall'alto a destra di questa specie di "recinto" provenivano altre due tracce parallele che scavalcavano la cresta della duna, ee erano con evidenza le tracce delle ruote d'un veicolo fuoristrada. Anche quello che sembrava un “recinto rettangolare” poteva forse essere stato prodotto dalle tracce di veicoli fuoristrada...


La foto satellitare risaliva al 20 gennaio 2005.
Molti siti, blog e forum di discussione ripresero allora e discussero la notizia, esprimendo diverse opinioni.
L'oggetto fu anche segnalato sulla cartografia di Google Earth col seguente tag: "ancient alien spacecraft - I found this crazy thing in the desert of Algeria. I have no idea what this it but it looks great. found date: 19.07.2006 found by: minel72 forum-id: http://www.googleearthhacks.com/forums/showthread.php?t=7604".
Secondo la persona che l'aveva segnalata (che si qualifica con lo pseudonimo “minel72”), la "matita", lunga circa un centinaio di metri, poteva essere addirittura un oggetto di provenienza aliena...

Aggiornamenti - Oggi, nel sito esatto delle osservazioni, Google Earth mostra la presenza d'un pozzo petrolifero (la foto, datata dallo stesso sito di Google, è del 13 aprile 2011).


Il suo recinto è proprio quel "rettangolo" che si vedeva nelle foto precedenti. Tutt'intorno, a breve distanza, sorgono molteplici altri pozzi. L'area sembra intensamente vissuta dalla società algerina che opera alle estrazioni d'idrocarburi, e dai suoi partners internazionali. Ciò fa naturalmente supporre che la gran traccia "affusolata" che si vedeva scavata nella sabbia non fosse altro che il tunnel d'avvio alla perforazione, scavato nelle sabbie. Al centro, dove sarebbe stato eretto il traliccio del pozzo, esso appariva simile al "mucchietto di terra" sull'imbocco del tunnel d'una talpa.
Una fotointerpretazione riveduta e corretta, col senno "di poi", da parte di chi non partecipa abitualmente alle perforazioni petrolifere.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2016 e-mail: liutprand@iol.it