Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Simon Romero
GRANDI OPERE DI TERRA SCOPERTE NELLA FORESTA AMAZZONICA
Il mondo perduto dell’Amazzonia


Rio Branco, Brasile - Edmar Araújo ricorda ancora lo stupore.
Mentre tagliava gli alberi su una terra che da decenni appartiene alla sua famiglia vicino a Rio Branco, un avamposto ai confini ovest dell'Amazzonia brasiliana, gli è apparsa una serie di strade, scavate in profondità nel terreno.
"Queste linee erano troppo perfette, per non essere state fatte dall'uomo", ha dichiarato Araújo, allevatore di 62 anni. "L'unica spiegazione che ho pensato era che dovessero essere state trincee scavate per la guerra contro i boliviani".
Ma non erano trincee, almeno non per qualsiasi conflitto combattuto qui agli albori del sec. XX. Sulla base delle splendide scoperte archeologiche qui compiute negli ultimi anni, le opere in terra sul terreno di Araújo e centinaia come loro, nelle vicinanze, devono essere molto, molto più antiche, e causano un potenziale ribaltamento della comprensione convenzionale del passato della più grande foresta pluviale tropicale del mondo.
La deforestazione, che ha spogliato l'Amazzonia dal 1970, ha esposto i segreti a lungo nascosti sotto la fitta foresta pluviale: forme geometriche perfettamente disegnato si dipanano per centinaia di metri.
Alceu Ranzi, uno studioso brasiliano che ha contribuito alla scoperta di quadrati, ottagoni, cerchi, rettangoli e ovali che compongono le sculture di terra, ha detto che questi geoglifi trovati sui terreni disboscati sono più importanti delle famose linee di Nazca, i geoglifi enigmatici con disegni d’animali visibili dall'alto nel sud del Perù.


Manufatti precolombiani, che si trovano vicino ad alcuni dei geoglifi nello Stato di Acre, offrono indizi per la loro origine.


"Quello che mi ha impressionato di più di questi geoglifi era la loro precisione geometrica, e quando sono emersi dalla foresta sapevamo che nessuno li aveva mai toccati o visti, se non alcune tribù nomadi", ha dichiarato Ranzi, paleontologo che ha visto i geoglifi nel 1970 e, anni dopo, li ha studiati dall’aereo.
Per alcuni studiosi della storia umana dell’Amazzonia, i geoglifi nello stato brasiliano di Acre e in altri siti archeologici suggeriscono che le foreste dell'Amazzonia occidentale, precedentemente considerate inabitabili per società umane complesse, anche per la qualità dei loro terreni, non erano in realtà così "edeniche", come sostengono alcuni ambientalisti.
Invece d’essere foreste incontaminate, poco abitate da persone, parti della foresta amazzonica potrebbero essere state per secoli la sede di popolazioni anche numerose, con migliaia d’individui, che vivevano in decine di città collegate da reti stradali, spiega lo scrittore americano Charles C. Mann.
Infatti, secondo Mann, l'esploratore britannico Percy Fawcett scomparve nel 1925 per trovare la perduta "Città di Z" nello Xingu, una zona con tali insediamenti urbani.
In aggiunta al fatto che parti dell’Amazzonia possano essere state "molto più densamente popolata di quanto si pensasse", Mann, autore di "1491", un libro rivoluzionario per il continente americano prima dell'arrivo di Colombo, ha detto: "queste persone volutamente modificavano il loro ambiente con trasformazioni di lunga durata".
Come risultato dell’esistenza di questi interventi e insediamenti umani, le colossali foreste del Sud America potrebbe essere state molto più piccole, un tempo, con grandi aree che somigliano a savane relativamente vuote.
Tali rivelazioni non si adattano facilmente al dibattito politico odierno sulla distruzione di parti di foreste, con alcuni ambientalisti contrari a permettere che qualsiasi grande estensione dell’agricoltura, come l'allevamento del bestiame e la coltivazione di soia, avanzi ulteriormente a disboscare l’Amazzonia.
Oggi ci si oppone ai massicci incendi di foreste, ma la ricerca suggerisce che l'Amazzonia abbia mantenuto in passato un’agricoltura intensiva. Gli scienziati pensano anche che ciò possa suggerire, soprattutto in Africa, di adottare altre strategie, una volta utilizzate in Amazzonia, per superare i vincoli imposti dal terreno.
"Se si vuole ricreare l’Amazzonia precolombiana, la maggior parte della foresta dovrebbe essere rimossa, sostituendola con un paesaggio abitato da molte persone e altamente produttivo", ha detto William Woods, geografo presso l'Università del Kansas, che fa parte di una squadra che studia i geoglifi di Acre.
"So che questo non si accorda con le tensioni degli ambientalisti", ha detto Woods, "ma che altro si può dire?"
Mentre i ricercatori ricostruiscono la storia ecologica di Amazon, il mistero avvolge ancora le origini dei geoglifi e le persone che li hanno fatti. Finora, 290 opere in terra sono state trovate in Acre, insieme a circa altre 70 in Bolivia e 30 negli stati brasiliani di Amazonas e Rondônia.
I ricercatori hanno visto i geoglifi per la prima volta nel 1970, dopo che la dittatura militare del Brasile aveva incoraggiato i coloni a trasferirsi nell'Acre e in altre parti dell’Amazzonia, con lo slogan nazionalista "occupare per non arrendersi", per giustificare la deforestazione necessaria per i nuovi insediamenti.
Ma scarsa attenzione scientifica fu dedicata alla scoperta finché lo scienziato brasiliano Ranzi non iniziò le proprie ricerche, alla fine del 1990, e ricercatori brasiliani, finlandesi e americani cominciarono a trovare più geoglifi utilizzando immagini ad alta risoluzione via satellite e piccoli aerei.
Denise Schaan, archeologa dell'Università Federale del Pará in Brasile, che ora conduce ricerche sul geoglifi, ha detto che i test al radiocarbonio hanno indicato che le strade sono state costruite da 1000 a 2000 anni fa, e potrebbero essere state ricostruite più volte durante quel periodo. La signora Schaan ha detto che inizialmente i ricercatori, considerando i 20 metri di profondità di alcune delle trincee, ritenevano che fossero usate per difendersi dagli attacchi. Ma la mancanza di segni d’insediamenti umani all'interno ed intorno al movimento di terra, come vestigia di alloggi di pali e rifiuti, così come la modifica del terreno per l'agricoltura, obbligarono a rivedere la teoria.
I ricercatori ora credono che i geoglifi possono avere avuto un’importanza cerimoniale, simile, forse, a quella delle cattedrali medievali d'Europa. Questo ruolo spirituale, ha detto William Balée, antropologo all'Università di Tulane, potrebbe aver coinvolto "la geometria e il gigantismo".
Eppure, i geoglifi, che si trovano a un bivio tra le culture andine e quelle amazzoniche, rimangono un enigma.
Sono ben diversi dagli insediamenti precolombiani scoperti altrove in Amazzonia. Grandi lacune permangono anche in quello che si sa sui popoli indigeni in questa parte del Rio delle Amazzoni, dopo che migliaia di loro sono stati ridotti in schiavitù, uccisi o costretti ad abbandonare le loro terre durante il boom della gomma che ha avuto inizio nel tardo sec. XIX.
Per gli scienziati e ricercatori del Brasile, la signora Schaan ha detto, i movimenti di terra sono "una delle scoperte più importanti del nostro tempo". Ma il ripopolamento di questa parte dell'Amazzonia minaccia la sopravvivenza dei geoglifi, dopo che sono rimasti nascosti per secoli.
Le foreste coprono ancora la maggior parte di Acre, ma nelle zone disboscate, dove si trovano i geoglifi, strade sterrate già tagliano attraverso alcune delle opere in terra. La gente vive in baracche di legno all'interno di altri. Pali dell'elettricità punteggiano i geoglifi. Alcuni allevatori usano le loro trincee come luoghi di raccolta per il bestiame.
"E' una vergogna che il nostro patrimonio sia trattato in questo modo", ha detto Tiago Juruá, l'autore di un nuovo libro, scritto per proteggere i siti archeologici, tra cui i geoglifi.
Juruá, che è un biologo, e altri ricercatori dicono che i geoglifi trovati finora sono probabilmente solo un assaggio di ciò che le foreste di Acre ancora celano sotto le loro fronde. Dopo tutto, essi sostengono che al di fuori delle città moderne, un minor numero di persone vive oggi in Amazzonia di quante non ce ne fossero prima dell'arrivo degli europei, cinque secoli fa.
"Questa è una nuova frontiera per l'esplorazione e la scienza", ha detto Juruá. "La sfida è ora quella di fare più scoperte nelle foreste che sono ancora in piedi, con la speranza che non siano presto distrutte".

Fonte: The New York Times, 14 gennaio 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it