Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Fund. Cueva de Nerja
I PRIMI DIPINTI DELL'UOMO
furono fatti dai Neanderthaliani




Secondo i nuovi test di datazione, questi sono i primi quadri mai realizzati dall'uomo. Sono ritenuti dipinti di più di 42.000 anni fa e si trovano nella Grotta di Nerja, a Malaga, in Spagna. Essi possono cambiare le nostre idee sull’evoluzione dell'umanità.
Fino ad ora, gli archeologi pensavano che la più antica arte fosse stata creata durante il periodo Aurignaziano, dagli esseri umani moderni. Ma questi dipinti sono d’uno stile più vecchio, modo più primitivo rispetto a quelli di Chauvet-Pont-d'Arc Cave, le immagini di 32.000 anni fa presenti nella grotta di Herzog di Forgotten Dreams.


Secondo l'ultima datazione del carbone che si trova accanto ai dipinti, utilizzato per fare i dipinti o forse per illuminarli, queste decorazioni possono essere state realizzate più di 42.300 anni fa. Possono avere anche 43.500 anni.
Si tratta di una scoperta che sconvolge il pensiero accademico, secondo il leader del progetto José Luis Sanchidrián, professore presso l'Università di Córdoba: può rivoluzionare la nostra comprensione della nostra storia, della cultura e dell'evoluzione:
“Le nostre ultime scoperte mostrano che i Neanderthal decoravano i loro corpi con pitture e avevano un senso estetico, e questa è una rivoluzione scientifica, perché, fino ad ora, [noi] homo sapiens avevamo attribuito a noi stessi ogni conquista di progresso, mostrando [gli uomini di Neanderthal] quasi come scimmie”.
Abbiamo pensato che la storia dell'arte fosse prerogativa esclusiva degli esseri umani evoluti, che la nostra sensibilità fosse "una parte intima di noi stessi, il sapiens , perché pensiamo di essere i pensatori ". Questa scoperta, se confermata con ulteriori analisi, dimostra che il ‘sapiens-centrismo’ è un'idea sbagliata.


Secondo Sanchidrian, tutti i dati scientifici disponibili mostrano che queste immagini non potevano essere state realizzate da altri che dall’Homo neanderthalensis, e non dall’Homo Sapiens Sapiens, cosa del tutto impensabile fino a questa conclusione. "I carboncini erano accanto alle foche, il che non ha alcun parallelismo nell’arte paleolitica", ha detto il professore, "e sapevamo che i Neanderthal mangiavano foche". E non c'è prova di homo sapiens in questa parte della penisola iberica.
I ricercatori pensano che questa grotta sia stata uno dei punti ultimi in Europa in cui gli uomini di Neanderthal, che vissero da 120.000 a 35.000 anni fa, cercarono rifugio, sfuggendo alla spinta del Cro-Magnon, il primo homo sapiens a raggiungere l'Europa.

Fonte: Fund. Cueva de Nerja via Diario de Córdoba - In spagnolo


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it