Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
I SEGRETI DELL'ANTICO GIARDINO REALE
rivelati dal polline fossilizzato


I ricercatori sono stati a lungo affascinati dai segreti di Ramat Rahel, situato su una collina al di sopra dell’attuale Gerusalemme. Nel sito del solo palazzo noto, risalente al biblico regno di Giuda, gli scavi hanno anche rivelato un lussureggiante giardino antico. Gli scavatori che hanno scoperto il giardino, con il suo avanzato sistema di irrigazione, potevano solo immaginare l’aspetto che il giardino originale avrebbe potuto avere all’epoca della sua piena fioritura – almeno sino ad ora.
Utilizzando una tecnica unica per separare il polline fossilizzato dagli strati di intonaco che si trovano nei corsi d'acqua del giardino, i ricercatori dell’Istituto di Archeologia della Tel Aviv University Sonia e Marco Nadler sono stati in grado di identificare ciò che cresceva negli antichi giardini reali di Ramat Rahel. E sulla base di indizi archeologici sono stati in grado di ricostruire il lay-out del giardino.


Secondo il Prof. Oded Lipschits, il dottor Yuval Gadot e la dottoressa Dafna Langgut, il giardino era caratterizzato dalla presenza di vegetazione locale, come il fico comune e la vite, ma comprendeva anche diversi tipi di piante esotiche come alberi di agrumi e di noci persiane. Il cedro, che a quanto pare emigrò dall'India attraverso la Persia, fece la sua prima apparizione nel moderno Medio Oriente nel giardino reale di Ramat Rahel.

Gli intonaci delle piscine una "trappola per il polline"
Una delle caratteristiche uniche del giardino di Ramat Rahel è il suo avanzato sistema di irrigazione. L’aspetto e la posizione del giardino sono ancor più impressionanti, dice il dottor Gadot, perché non c'era alcuna fonte d'acqua permanente nel sito. L'acqua piovana era raccolta in modo efficiente e distribuita in tutto il giardino con impianti idraulici dall’estetica raffinata che includevano piscine, canali sotterranei, gallerie e grondaie.
Queste installazioni finalmente hanno permesso ai ricercatori di scoprire quello che avevano cercato. I primi tentativi di rimuovere granelli di polline dal suolo del sito al fine di ricostruire le componenti botaniche del giardino erano infruttuose, perché il polline era ossidato. Ma dopo aver notato che i canali e le piscine erano stati rivestiti con intonaco, probabilmente a causa di lavori di ristrutturazione, i ricercatori hanno teorizzato che se l'intonaco fosse mai stato rinnovato, mentre il giardino era in fiore, il polline si sarebbe attaccato all'intonaco umido, che avrebbe agito come un " trappola ", e si sarebbe essiccato in esso. Per fortuna, questa intuizione si è rivelata corretta.
Mentre alcuni strati di intonaco includono solo vegetazione tipicamente locale, uno dei livelli, datato al periodo persiano (i sec. V-IV a.C.), includeva anche, con gli alberi da frutto locali, piante ornamentali e alberi importati da terre lontane. "Questo è un insieme di pollini molto particolare", spiega il dottor Langgut, esperto di polline. Tra la vegetazione insolita sono salice e pioppo, che dovevano richiedere l'irrigazione per crescere in un giardino, piante ornamentali come il mirto e le ninfee, piante da frutto autoctone tra cui la vite, il fico comune e l'olivo, e importate: agrumi, noce persiana, cedro del Libano e betulle. I ricercatori ipotizzano che questi prodotti esotici fossero stati importati dai dominatori persiani da parti remote dell'impero per ostentare il potere della loro amministrazione imperiale.
È la prima volta che i componenti botanici sono stati ricostruiti esattamente in un antico giardino reale, dicono i ricercatori. Le informazioni botaniche e archeologiche che hanno raccolto li aiuteranno a ricreare il giardino in modo che i visitatori potranno presto sperimentare la ricchezza floreale di Ramat Rahel.

Le origini della tradizione
Nelle loro migrazioni, gli esseri umani hanno distribuito diverse piante e animali in tutto il mondo, soprattutto per fini economici, dice il Dott. Gadot. Invece, a Ramat Rahel, i regnanti progettarono il giardino con l'intento di impressionare i visitatori con la ricchezza e la mondanità.
Certo, la decisione di importare vari alberi ha avuto un impatto duraturo sulla regione e sul giudaismo pure, dice il Prof. Lipschits. Gli alberi di agrumi, per esempio, che fecero la loro prima apparizione in Israele in questo giardino, hanno tracciato una propria strada nella tradizione ebraica. Il cedro, o etrog , è una delle quattro specie di piante utilizzate a Sukkot, e la prima comparsa di queste specie fu nel giardino di Ramat Rahel.

Fonte: ScienceDaily (16 Feb 2012)


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it