Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
GLI ARCHEOLOGI SCOPRONO IN GIORDANIA I PRIMI EDIFICI



Alcune delle prime testimonianze di architettura preistorica sono state scoperte nel deserto giordano, fornendo agli archeologi una nuova prospettiva su come gli esseri umani vivessero 20.000 anni fa.
Gli archeologi che lavorano in Giordania orientale hanno annunciato la scoperta di strutture di capanne datate 20.000 anni fa, la più antiche mai trovate nel Regno. La scoperta suggerisce che l'area fosse un tempo intensamente occupata e che le origini dell'architettura nella regione risalgano a 20 millenni prima della nascita dell'agricoltura.
La ricerca, pubblicata il 15 Febbraio 2012 in PLoS One da un gruppo congiunto di ricercatori britannici, danesi, americani e giordani, descrive capanne che i cacciatori-raccoglitori utilizzavano come residenze a lungo termine e suggerisce che molti comportamenti che sono stati associati con le culture e le comunità successive, come ad esempio un crescente attaccamento al luogo e un’ampia rete di relazioni sociali, esistevano già 10.000 anni prima.
Gli scavi nel sito di Kharaneh IV stanno fornendo agli archeologi una nuova prospettiva su come gli esseri umani vivessero 20.000 anni fa. Anche se la zona oggi è arida e brulla, durante l'ultima glaciazione i deserti della Giordania erano in fiore, con fiumi, torrenti e laghi e stagni stagionali che fornivano un ambiente ricco, in cui i cacciatori-raccoglitori potevano stabilirsi.
“Nel sito di Kharaneh IV nel deserto giordano abbiamo la testimonianza di una grande concentrazione di persone in un luogo", ha spiegato il dottor Jay Stock del Dipartimento di Archeologia e Antropologia dell'Università di Cambridge, co-autore dell'articolo.
"La gente ha vissuto qui per lunghi periodi quando queste capanne sono state costruite. Si sono scambiati oggetti con altri gruppi della regione e seppellivano anche i loro morti sul sito. Queste attività precedettero gli insediamenti connessi con la nascita dell'agricoltura, che in seguito sostituì la caccia e la raccolta. A Kharaneh IV siamo stati in grado di documentare un comportamento simile almeno 10.000 anni prima che l'agricoltura apparisse sulla scena. "
Gli archeologi, che sono stati finanziati da una sovvenzione dell’Arts and Humanities Research Council UK, hanno trascorso tre stagioni di scavo open-air presso il grande sito che copre due ettari. Hanno recuperato centinaia di migliaia di strumenti di pietra, ossa di animali e altri reperti provenienti da Kharaneh IV, che oggi appare come poco più di un tumulo di 3 m di altezza che sovrasta il paesaggio del deserto.
In base alle dimensioni e alla densità di reperti del sito, i ricercatori hanno a lungo sospettato che Kharaneh IV fosse stato frequentato da un gran numero di persone per lunghi periodi di tempo, e questi ultimi risultati ora confermano la loro teoria. "Potrebbe non sembrare molto impressionante per un occhio non allenato, ma è una delle più alte e più grandi opere all'aperto del Paleolitico nella regione", ha detto la dottoressa Lisa Maher, della University of California, Berkeley, che ha diretto gli scavi.
"Gli strumenti di pietra e ossa di animali sono in quantità di gran lunga superiori a quelli recuperati dalla maggior parte degli altri siti di questo periodo di tempo in Asia sud-occidentale." Inoltre, il team ha anche recuperato oggetti più rari, come ad esempio perline di conchiglie, ossa incise con linee regolari e un frammento di calcare con motivi geometrici incisi.
Finora, il team ha completamente scavato due capanne, ma ce ne possono essere molte altre nascoste sotto le sabbie del deserto. "Non sono di grandi dimensioni. Misurano circa 2-3 m di lunghezza massima e sono state scavate nel terreno. Le pareti e il tetto erano di legno, che poi bruciò e crollò lasciando segni di colore scuro", così ha descritto i luoghi il dottor Tobias Richter dell'Università di Copenhagen, uno dei co-direttori del progetto.
La datazione al radiocarbonio suggerisce che il rifugio risalga tra 19300 e 18600 anni fa. Anche se una squadra di archeologi che lavorava a Ohalo II, sulla riva del mare di Galilea, nel 1989 aveva trovato strutture di capanne più antiche nella regione, che risalivano a 23000 anni fa, il gruppo di lavoro presso il sito di Kharaneh IV crede che la propria scoperta non sia meno significativa, come la Dr. Lisa Maher ha spiegato:
"All'interno delle capanne, abbiamo trovato mucchi intenzionalmente bruciati, di nuclei di corni di gazzella, ciuffi di pigmento color ocra rossa e centinaia di conchiglie marine perforate. Queste perle di conchiglia sono state portate al sito dal Mar Mediterraneo e dal Mar Rosso, da oltre 250 km di distanza, dimostrando che le persone erano molto ben collegate con le reti regionali e sociali attraverso uno scambio di oggetti a distanze considerevoli. "

Questo lavoro è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Fonte: Research News, University of Cambridge, 20 febbraio 2012.



Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it