Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
GESTIONE DELL'ACQUA E CAMBIAMENTI CLIMATICI
in un'antica città Maya


Gli scavi e la mappatura meticolosa di un'antica grotta nella penisola dello Yucatan rivelano la vitalità di unantico sito Maya - per il rituale religioso e la sopravvivenza umana.
La ricerca dell'Università di Cincinnati sarà un argomento chiave di discussione il 24 febbraio, all'Assemblea annuale dell'associazione dei Geografi Americani di New York.
La città si trova nella regione elevata di Puuc, nello Yucatan, in Messico. La città - caratterizzata da una grande piramide e altre opere di elaborata architettura - fu costruita di sopra di uno dei pochi sistemi di grotte della regione che penetra nella falda permanente d’acqua. La mappatura e gli scavi dell'antica città hanno rivelato una rete di cisterne e serbatoi che garantivano l’approvvigionamento idrico della comunità. L'esplorazione delle grotte ha scoperto mucchi di ceramica rotta e sacrifici carbonizzati, indicando anche che le grotte erano un sito religioso chiave rivolto al culto degli dèi della pioggia.


Il ricercatore Nicholas Dunning, professore di geografia all’UC, dice che la grotta, situata nelle antiche rovine della città di Xcoch, fu utilizzata ininterrottamente per almeno 800 A.C. fino al XIX secolo, quando era ancora usata per i rituali. Eric Weaver, studente di dottorato in geografia all’UC, ha portato una squadra di mappatura alla grotta di Xcoch, assistito da altri esperti speleologi tra cui gli studenti laureati in biologia Beth Cortright e Jane Slater.
"Questa è una regione che non ha affatto acque superficiali," dice Dunning. "Ci sono solo una manciata di grotte che scendono abbastanza in profondità da raggiungere la falda permanente d’acqua, quindi, per un luogo che è come un osso asciutto per cinque mesi all'anno, questa è una posizione piuttosto speciale."
Due grandi serbatoi si trovano nel mezzo della città, accanto all'architettura monumentale - e più piccoli serbatoi e cisterne si estendono sotto la zona residenziale e i terreni agricoli circostanti.
Dunning dice che l'area era di gran lunga la più grande città della regione durante il periodo Preclassico, da circa 800 a.C. al 100 d.C., ma aggiunge che ci sono segni significativi che la città fosse abbandonata tra il 100 d.C. e il 300 a.C., più probabilmente a causa della siccità.
"I Maya costruirono una scala all'entrata della grotta dove dobbiamo strisciare per entrare e trovare le stalagmiti - tipiche formazioni delle grotte", dice Dunning. "Poiché questo è un clima stagionale, le stalagmiti si comportano come gli anelli degli alberi – registrano le stagioni di precipitazioni - perché crescono solo durante una parte dell'anno, quando c'è pioggia."
Il lavoro sul campo è lontano dal glamour. Per accedere alla grotta profonda occorre strisciare per un buon tratto attraverso gallerie lunghe e strette. Le spedizioni d’estate coinvolgono anche il lavoro in ambienti caldi e umidi, che possono anche superare i 40°C. "Il tenore di ossigeno è così basso, che si non può accendere un fiammifero," dice Dunning.
"Abbiamo trovato tutti i tipi di ceramica rotta", dice Dunning. "I Maya" sacrificavano" la ceramica ritualmente, uccidendola con la vittima, come mezzo per rilasciare la sua essenza, o per ricevere la benedizione dagli dèi della pioggia con i loro sacrifici," dice. Sono stati trovati anche resti umani e animali, ma i ricercatori stanno indagando ancora per scoprire se questi resti fossero di sacrifici o sepolture.
Tra gli autori dello studio ricordiamo Dunning, il direttore del progetto Xcoch Michael Smyth, un archeologo antropologico della Fondazione per la ricerca nelle Americhe, Eric Weaver e Philip van Beynen, professore di geografia e scienze ambientali alla University of South Florida.
Il finanziamento per il progetto è stato sostenuto da una sovvenzione attraverso il National Science Foundation Arctic Social Science Program accreditato presso The Foundation for Americas Research.

Fonte: Science Daily, 20 febbraio 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it