Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Joanna Carver
LE DONNE ERANO POTENTI NELLA SOCIETA' MAYA



Una nuova interpretazione degli oggetti lasciati dalla cultura dei Maya mostra una società progredita, in cui le donne avevano molto più potere di quanto non si credesse.
“Di solito la gente pensa che le donne vivessero ristrette nell’ambito familiare” dice Shankari Patel, antropologa presso l’Università di California-Riverside. “Si pensa che non partecipassero ai riti importanti. Le ricerche precedenti che conoscevo ignoravano completamente le donne”.
Patel ha studiato gli oggetti conservati al British Museum, provenienti dal sito di Cozumel, Messico, e scavati nel corso del sec. XIX. Ha trovato spille spiraliformi, usate dalle donne Maya per I loro abiti, e ha pensato che fosse curioso che esse fossero molto elaborate e che si supponesse dovessero servire soltanto nell’ambito private. La sua ricerca l’ha condotta a collocare l’uso di quegli accessori nei rituali pubblici, come simboli dell’identità femminile.
“In passato, il patriarcato era una cosa diversa,” afferma. “Le donne erano padrone dei diritti della propria riproduzione. C’erano donne guaritrici e donne ostetriche.”
Patel sostiene che, poiché molti siti Maya sono stati scavati da uomini, la maggior parte dei quesiti che essi si ponevano escludeva la partecipazione femminile. Riguardando l’iconografia artistica e la ceramica ha mostrato l’evidenza di condottiere e divinità femmine e ha riletto i documenti storici scritti dai Maya per ricostruire la loro vita.
La spedizione spagnola di Hernán Cortés nel sec. XVI provocò la distruzione della società Maya, che si era sviluppata sin dal 250 d.C.
“La prima persona che gli Spagnoli incontrarono fu una donna,” afferma Patel, “La prima cosa che pensarono fu, ‘Quale tipo di società manderebbe una donna come ambasciatrice?’ Si rifiutarono di parlarle e dovette essere inviato un uomo, come ambasciatore, nei colloqui con loro.”
Thomas Patterson, professore di antropologia all’UC-Riverside e relatore della tesi di Patel, ha detto che la ragione per cui parte l’importanza delle donne nella cultura Maya si è perduta per tanto tempo deriva dallo studio dei siti maggiori. Solo ora i ricercatori stanno comprendendo meglio quella cultura.
“Tutti quei siti apparivano costruiti da uomini, visti da uomini, e le divinità femminili erano soltanto spose,” ha detto Patterson. “Ora penso che il panorama sul ruolo delle donne nella società Maya si stia allargando.”
Cynthia Robin, professoressa di antropologia alla Northwestern University, ha detto che la ricerca di Patel presenta “una scoperta molto interessante” e ha sottolineato l’importanza degli studi storici per fare luce sul presente.
“Una delle cose che sappiamo sulla società Maya è che prima della conquista spagnola non c’era per le donne quel ‘tetto di vetro’ che invece sembra esserci nella nostra società,” ha affermato.
Robin ha detto che nella cultura Maya le donne erano anche capi di stato o signore della guerra.
“Una delle cose importanti nella ricerca archeologica è che può mostrare quanto fosse diversa la vita nel passato e quanto potrebbe esserlo nel futuro,” ha detto Robin. “Così, se presumiamo che i rapporti tra i sessi fossero sempre gli stessi, può essere solo un modo per giustificare le disuguaglianze odierne.”

Fonte: MEDILL Reports, 6-3-2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it