Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
I TESORI DI TIMBUKTU MINACCIATI DAI CONFLITTI


Inestimabili manoscritti antichi della famosa città sahariana possono essere danneggiati o saccheggiati come conseguenza dei conflitti armati in corso, spingendo i cittadini interessati a prendere provvedimenti.
Poche antiche città hanno la stessa aura mistica di Timbuktu. Durante il suo periodo d'oro in epoca medievale, Timbuktu era una fiorente capitale commerciale del deserto, così come un centro intellettuale e spirituale, da cui l'Islam si diffuse in tutta l'Africa. Da allora, la città è caduta in grave declino, soffre la povertà e la desertificazione. Ora si trova ad affrontare un'altra minaccia: la guerra e il conflitto permanente.
Da quando i ribelli Tuareg hanno preso il controllo della città di Timbuktu, lo scorso 1° aprile, gli studiosi del Mali, bibliotecari e cittadini comuni hanno collaborato per nascondere preziosi manoscritti antichi per evitare che vengano danneggiati o saccheggiati. Altre azioni sono state fatte in vista del tentativo di contrabbandare gli oggetti per la loro custodia, sia verso la capitale del Mali, Bamako, sia in paesi limitrofi come il Niger.


La moschea Djingareiber. Ka Teznik, Wikimedia Commons.


Dopo aver rubato veicoli all’Ahmed Baba Institute - La Biblioteca di Stato del Mali, di recente costruzione, che ospita più di 20.000 manoscritti antichi - i ribelli armati hanno saccheggiato il vecchio edificio dell'istituto in un'altra parte della città, rubando computer e altre attrezzature. Per fortuna, non sono entrati in nessuna delle stanze e nei sotterranei dove sono conservati i reperti di inestimabile valore.
Gli esperti dicono che esistono almeno 24 importanti collezioni di manoscritti privati, per un totale che va da 150.000 a 750.000 pezzi, nella città di Timbuktu e nei suoi dintorni. Risalenti al lontano XIII secolo, i documenti sono stati custoditi per generazioni dalle famiglie del Mali, preservandoli dagli invasori. Oggi, i testi rappresentano un compendio di apprendimento su tutto, dalla legge alle scienze, dalla medicina alla storia e alla politica.
Martin van Vliet, ricercatore presso l'African Studies Center di Leiden, Paesi Bassi, ha detto alla CNN che, mentre Timbuktu non è più una città di vitale importanza economica o militare, si distingue come un’importante conquista per i ribelli grazie al suo significato simbolico. "Il gruppo che controlla Timbuktu controlla il capitale simbolico di tutta la regione", ha detto, "perché è un luogo ben noto in tutto il mondo. Se controlli quella città, sarai conosciuto".
Irina Bokova, direttrice generale dell'UNESCO, ha invitato i gruppi ribelli a rispettare e proteggere il patrimonio vitale della città. "Timbuktu alle straordinarie meraviglie architettoniche di terra che sono le grandi moschee di Djingareyber, Sankore e Sidi Yahia, deve essere salvaguardata", ha detto. "Vi sono inoltre 16 cimiteri e mausolei, che sono essenziali per la conservazione della identità del popolo del Mali e del nostro patrimonio universale".
Un nuovo gruppo è stato creato dalla comunità (Global Heritage Fund) GHN per monitorare e aumentare la consapevolezza delle minacce a Timbuktu. Tutti i lettori di Heritage on the Wire sono invitati a partecipare e discutere soluzioni per la conservazione a lungo termine di questa importante città antica.

Fonte: Ripubblicato da Heritage on the Wire, il servizio di notizie del Global Heritage Fund (GHF), un’organizzazione non-profit internazionale, dedicata a preservare siti del Patrimonio Mondiale in pericolo in paesi in via di sviluppo per migliorare la vita delle popolazioni locali. GHF opera con successo per la conservazione a lungo termine dei siti archeologici più importanti del mondo in via di sviluppo e di paesaggi urbani antichi, creando nuove opportunità di crescita economica.

Popular Archaeology, 20 aprile 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it