Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Veronique LaCapra
PARTE DELLA CITTA' DI CAHOKIA RISCHIA LA DISTRUZIONE



I resti di un quartiere dell’antica città di Cahokia, da poco scoperti ad est di St. Louis, sono proprio sul tracciato di una nuova strada inter-statale. Nella città di novecento anni fa, lungo il Mississippi, c’erano alti templi di legno sul colmo di piramidi di terra, e molte capanne coi tetti di paglia.


Oltre il fiume Mississippi, dal famoso Gateway Arch di St. Louis, c’è una parte di Illinois che è diventanta una terra deserta post-industriale.
Alcuni sperano di costruire un nuovo ponte sul fiume Mississippi, per rivitalizzare l’area. Ma gli archeologi temono che un futuro sviluppo possa distruggere quanto rimane di un altro quartiere dell’antica città, di quasi mille anni fa.
Proprio sul percorso delle scavatrici e delle macchine per il movimento di terra, che tracciano la strada inter-statale, gli archeologi hanno scoperto i resti di un raffinato insediamento dei Nativi Americani, che nessuno conosceva.
Sono i resti di oltre un migliaio di abitazioni preistoriche e le basi di una piramide di terra — una delle dozzine che dovevano svettare sopra l’insediamento originale.
Il luogo oggi sta tra una fabbrica d’imballaggi e uno strip club da poco chiuso. Ma Joe Galloy, coordinatore dell’Illinois State Archaeological Survey, dice che qui, 900 anni fa, si ergevano alti templi di legno sulla cima di diverse piramidi, circondate da abitazioni con il tetto di paglia.
”Penso che un antico visitatore dovesse provare un senso di grande stupore” dice Galloy. “Ci dovevano essere molti fuochi, gente che cucinava e svolgeva diverse attività in un gran villaggio. Doveva essere un sito impressionante, uno dei maggiori insediamenti che si potessero vedere allora”.
Galloy dice che gli archeologi conoscevano l’esistenza delle piramidi da vecchie mappe e da scavi precedenti, ma in luoghi diversi da questo ora ritrovato. “E’ stata perciò una gran sorpresa la scoperta di questa grande area residenziale di un’antica città”.

L’antica città di Cahokia
Galloy ed altri pensano di aver trovato, ad East St. Louis, un quartiere preistorico dell’antica città di Cahokia, il maggior insediamento dei Nativi Americani a nord del Messico, i cui resti giacciono a cinque miglia (9 km) di distanza.
I resti della città di Cahokia fanno parte di un Parco Statale dell’Illinois e sono classificati come Patrimonio Mondiale dall’UNESCO.

.


Cahokia è considerata come il culmine della cultura del Mississippi, che un tempo interessava il centro e il sud degli U.S.A. C’erano 120 grandi piramidi di terra — più del doppio che in qualunque altro sito.
Oggi le piramidi, erose dal tempo, sembrano collinette erbose.
Ho scalato la più alta insieme al direttore del sito, Bill Iseminger. Monks Mound, come la si chiama, s’innalza su dieci piani, con una base grande come una dozzina di campi da football. Iseminger dice che è stata costruita interamente con le sole mani.


Ricostruzione di Monks Mound.


“La terra per costruire i tumuli era trasportata con ceste” dice Iseminger. “Non avevano cavalli né carretti, facevano tutto a mano”.
Novecento anni fa, la maggior parte di quei tumuli o piramidi reggeva sulla cima costruzioni di legno e paglia. Dal tempio che torreggiava sulla cima di questo tumulo, si vedevano altre piramidi, con templi, case della classe dirigente, sale per riunioni e luoghi per le sepolture.
In basso si apriva una vasta piazza cerimoniale e a distanza si estendeva la ricca pianura del fiume Mississippi.
Gli archeologi stimano che gli abitanti fossero almeno 20.000. Ora, con la scoperta del sito di East St. Louis, pensano che ce ne fossero diverse altre migliaia. Ma Iseminger dice che rimane un mistero che cosa attraesse qui tanta gente.
”C’era un leader potente e carismatico, che attraeva la gente? Oppure furono spinti qui da qualche evento che non conosciamo? O forse il luogo aveva un significato particolare? Non conosciamo la risposta a queste domande”.

Gran parte di Cahokia è ancora sepolta
Alcuni ricercatori pensano che Cahokia fosse un centro spirituale, come Gerusalemme o La Mecca. Tim Pauketat, antropologo dell’University of Illinois che ha studiato Cahokia sin dalla metà degli anni Ottanta, dice che arrivavano da fuori migliaia di visitatori — forse pellegrini.
”Negli Stati Uniti orientali c’è una vasta zona in cui si trovano oggetti della cultura di Cahokia, il che suggerisce che la gente degli attuali Wisconsin, Louisiana, sino almeno alla Georgia, Oklahoma, andava e veniva da qui portandone un ricordo”.
Sino alla sorprendente scoperta d’un nuovo insediamento, gli archeologi pensavano di aver trovato quasi tutto ciò che rimaneva di Cahokia.
L’archeologo Pauketat è preoccupato perché, dal momento della scoperta a East St. Louis, circa un decimo sarebbe stato scavato. Ma quando il nuovo ponte sul fiume Mississippi sarà finito, l’altro 90%, ancora oggi sepolto sotto terreni privati, potrebbe essere distrutto.
”East St. Louis è proprio di fronte a St. Louis, e sarebbe la prima zona sottoposta a sviluppi commerciali”.
Pauketat ed altri archeologi stanno cercando di ottenere i permessi federali per scavare il sito. Vogliono vedere come si collegasse questo nuovo insediamento degli uomini di Cahokia con il territorio e con le aree del parco nazionale protetto. Ma Pauketat riconosce che tale obiettivo appare molto lontano.

Copyright 2012 National Public Radio.

Fonte: Capital public radio, 2 giugno 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it