Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Rachel Ehrenberg
MAPPA INTERATTIVA DELL'IMPERO ROMANO
Una simulazione per calcolare i costi dei viaggi


VIA ROMANA - Una nuova mappa interattiva dell'Impero Romano consente agli utenti di calcolare i costi in tempo e denaro per centinaia di percorsi fluviali, stradali e del mare. W. Scheidel e E. Meeks.

Evanston, Illinois - Tutte le strade possono condurre a Roma, ma alcune sono molto più agevoli rispetto ad altre. Una nuova mappa interattiva dell'Impero Romano che comprende strade, fiumi e centinaia di rotte marittime consente agli utenti di calcolare il tempo di percorrenza e i costi per attraversare l'antico impero. Il progetto, denominato ORBIS, sta permettendo ai ricercatori di sondare ipotesi e svilupparne di nuove riguardanti le dinamiche economiche, sociali, militari e politici di un impero che ebbe una profonda e duratura influenza sulla civiltà occidentale.
La mappa, basata su anni di studio e nuovi calcoli, è organizzata intorno a 751 siti in un'area di circa 4 milioni di miglia quadrate (10 milioni di chilometri quadrati). Questi siti erano insediamenti importanti o punti di riferimento ritenuti significativi per attraversare un impero che a suo tempo abbracciava un nono della circonferenza della Terra e toccava tre continenti. Ci sono 814 tratti stradali per una lunghezza totale di 84.631 km e 28.272 chilometri di fiumi e canali navigabili. La mappa comprende anche i dati sulla forza e la direzione delle correnti del vento e dell'oceano, parametri che cambiano drasticamente quando un percorso è stimato per l'inverno piuttosto che d'estate. Sono incluse anche diverse modalità di viaggio, che permettono di calcolare il tempo di percorrenza sia che si viaggi in battello civile, battello fluviale militare, trasporti terrestri per carro o con marcia rapida.
"Non è solo uno strumento esplorativo", ha detto Elijah Meeks, specialista digitale di materie umanistiche a Stanford che ha creato la mappa, chiamata ORBIS, con lo studioso di storia classica Walter Scheidel. "E' anche una rappresentazione di un argomento."
La rete di percorsi dominanti cambia spesso a seconda gli eventi che hanno causato spostati. Ci sono chiaramente le reti di condizionamenti militari, politici, economici e di informazione, Meeks ha detto. Quindi il modo migliore per trasportare un carico di schiavi dalla Tracia a Capua potrebbe essere completamente diverso rispetto al percorso ottimale per la marcia una legione di soldati tra gli stessi due punti.
E l'importanza delle rotte marittime, che attraversano il Mediterraneo, Mar Nero e costeggiano le sponde dell'Atlantico, è impressionante. Rispetto al viaggio a dorso di mulo (20 chilometri al giorno per gli animali fortemente caricati) o al trasporto veloce (67 km al giorno), la via di mare emerge come la modalità preferita di viaggio, consentendo una velocità di 80 chilometri al giorno, come ha riferito Meeks il 19 giugno al Simposio satellite Leonardo della Conferenza Internazionale sulla Rete Scientifica. L'unica eccezione di rilievo è nel movimento delle informazioni. Un viaggio di 24 ore con sostituzione di cavallo può spostare le informazioni 250 chilometri in un giorno.
I ricercatori hanno anche inserito le spese di viaggio, sulla base dei prezzi previsti da un editto emanato dall'imperatore Diocleziano nel 301, che imponeva i prezzi massimi su oltre 1000 prodotti e le spese per la loro movimentazione, sia per nave, asino, cammello o vagone. Come è vero oggi, il percorso preferito può variare notevolmente se il tempo è la priorità, piuttosto che la spesa.
"Questa mappa è davvero, davvero, davvero buona", ha detto Massimiliano Schich, un ricercatore di sistemi complessi e storico dell'arte presso l'ETH di Zurigo. Gli studiosi spesso si concentrano su soggetti sempre più piccoli, ha detto Schich, quando ciò che è necessario è approfondire il contesto su larga scala. "Se non quantifichiamo il tutto, la gente si porta in giro la propria immagine del tutto - forse un errore, un’immagine distorta – nella propria testa".

Fonte: Science News, 25 giugno 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it