Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
DISTRUZIONI DI MONUMENTI A TIMBUKTU
aggiornamento luglio 2012

Nel nord del Mali (Azawad) gli integralisti islamici distruggono i mausolei di Timbuktu.


Il Mausoleo di Sidi Mahmoud ben Amar.


Combattenti di Ansar Dine, movimento islamista alleato con al Qaeda per il Maghreb Islamico (AQMI), hanno distrutto sabato 30 giugno 2012 alcuni mausolei di Timbuktu, una città nel nord del Mali.



Pellegrini alla Grande Moschea di Timbuktu Djingarey Ber. (c) AFP / Issouf Sanogo


Timbuktu, la perla del deserto, era stata classificata proprio questa settimana (due giorni prima dei fatti) dall'UNESCO come Patrimonio Mondiale in Pericolo. Un segno forte che non ha impedito ai combattenti di Ansar Dine di impegnarsi nella distruzione di alcuni mausolei.
Le tombe dei santi uomini del movimento Sufi, ricchezza storica della città sahariana, sono state il bersaglio degli attacchi dissacratori del movimento integralista.
"Hanno completamente distrutto il mausoleo di Sidi Mahmoud (Ben Amar) e altri due. Dicono che continueranno sino a distruggerne altri tredici", ha detto il giornalista del Mali Yeya Tandina, raggiunto telefonicamente.
Secondo altre testimonianze, altri due mausolei sono già stati distrutti. Sono le tombe di Sidi Moctar Alpha e Moya.
"Arrivano armati e circondano il sito con pickup. La gente guarda impotente", ha detto il giornalista del Mali. "Sembra essere una reazione diretta alla decisione dell'UNESCO", ha nel frattempo dichiarato MP. Haider.
Nel cuore del deserto, un migliaio di km a nord est di Bamako, "la città dei 333 santi" è un sito patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1988. Mecca del commercio africano, dove convergevano le carovane del sale da nord e quelle con l'oro o gli schiavi del Sud, Timbuktu raggiunse il suo massimo splendore nel XVI secolo. La città divenne un grande centro intellettuale dell'Islam. Le sue tre grandi moschee - Djingareyber, Sankore e Sidi Yahiya -. riflettono questa età dell'oro, come le migliaia di manoscritti, alcuni dei quali risalenti all’epoca pre-islamica, che sono conservati presso le grandi famiglie locali
Nel comunicato stampa che annuncia la classificazione a Patrimonio Mondiale in Pericolo, l'UNESCO invita i paesi vicini del Mali a "compiere ogni sforzo per impedire il traffico di beni culturali provenienti da questi siti".
L'Unione africana ha chiesto ai primi di giugno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di autorizzare un intervento militare, per ristabilire l'ordine nel Nord, ma gli Stati membri hanno chiesto chiarimenti. Nigeria, Niger e Senegal sono stati disposti a fornire il grosso della forza di 3.300 uomini che potrebbero essere impiegati. L’MNLA (Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad) ha approfittato della confusione che seguì il golpe militare del 22 marzo a Bamako per impadronirsi dei due terzi del nord del Mali con l'aiuto di Ansar Dine, ma successivamente sono emersi dissensi tra i due movimenti. I separatisti tuareg hanno dichiarato l'indipendenza dalla zona, ma i jihadisti hanno contestato l'iniziativa e si sono impegnati a continuare la loro lotta per la instaurazione della "sharia" (legge islamica) in tutto il paese. Meglio attrezzati, hanno ormai preso il sopravvento.



Gli uomini restaurano la Grande Moschea di Timbuktu nel 2006.


I mausolei di santi musulmani in Timbuktu nord del Mali), che gli islamisti iniziato a demolire sabato 30 giugno, sono considerati protettivi in questa città mitica.
"Ci sono 333 santi a Timbuktu, sappiamo esattamente dove sono sepolti, tra cimiteri, mausolei o tombe semplici. Ci sono 16 mausolei, ben costruiti, "di solito costruiti di argilla cruda".
I personaggi venerati, che proteggono Timbuktu, soprannominata "città dei 333 santi", sono quelli che, nella cultura occidentale, sarebbero definiti come santi patroni". Ce ne sono alcuni che sono invocati "per i matrimoni, per chiedere la pioggia, contro la fame ..."
I mausolei dei santi sono molto importanti per Timbuktu e sono "componenti essenziali del sistema religioso nella misura in cui, secondo la credenza popolare, erano il baluardo che proteggeva la città da tutti i pericoli", spiega sul suo sito Internet l’Unesco.
I cimiteri di Sidi Mahmoud, nel nord della città, e Moya Alpha (o Alpha Moya Tjina EDI Sare), nella parte orientale della città, sono tra i santuari maggiormente visitati dai pellegrini.
Questi due mausolei e quello di Sidi Moctar (o Sidi el Moctar), nel nord-est della città, sono i tre che sono stati distrutti dal gruppo armato islamista Ansar Dine, che sostiene l'attuazione della sharia (legge islamica) in tutto il Mali.



Ansar Dine continuerà la demolizione di altri siti simili, "senza eccezione", dice uno dei suoi portavoce, Sanda Ould Boumama.
A Timbuktu esistono inoltre tre moschee storiche (Djingareyber, Sankore e Sidi Yahia). fondate tra i secoli XI e XII dalle tribù Tuareg, quando la cittàera un grande centro intellettuale dell’Islam, oltre che una ricca città carovaniera.
La città è anche famosa per le sue decine di migliaia di manoscritti, alcuni risalenti al XII secolo e altri addirittura pre-islamici.
Circa 30.000 di questi manoscritti, tenuti in un istituto governativo, sono stati sfollati e "messi al sicuro", dopo la devastazione dei luoghi da parte degli islamisti in aprile, secondo i bibliotecari.
La demolizione dei mausolei dei santi di Timbuktu ricorda la sorte di altri monumenti appartenenti al Patrimonio Mondiale dell'Umanità, tra cui il Buddha di Bamiyan, in Afghanistan, distrutto nel marzo 2001 dai talebani e i loro alleati di Al Qaeda.
In Africa Orientale, gli islamisti somali Shebab hanno distrutto molti mausolei dei mistici sufi la cui memoria era venerata dalla popolazione locale.



Aggiornamento 2 luglio 2012

Gli islamisti che controllano il nord del Mali hanno continuato lunedì 2 luglio la distruzione di edifici religiosi musulmani a Timbuktu e hanno posto mine intorno a Gao per proteggersi da possibili attacchi da parte di Tuareg rivali o soldati di una forza d'intervento dell'Africa occidentale.
A Timbuktu (nord-ovest), dopo aver demolito durante il fine settimana sette dei sedici mausolei di santi musulmani, il gruppo armato islamista Ansar Dine (Difensori dell'Islam) ha fatto un passo ulteriore, rompendo la porta d'ingresso una delle tre più grandi moschee della città.
Meno di una settimana dopo i pesanti combattimenti (almeno 35 morti) del 27 giugno a Gao (Nord-Est) con la ribellione tuareg del Movimento Nazionale per la Liberazione della Azawad (MNLA), costretto ad abbandonare la città, il Movimento islamista per l'unicità e la Jihad in Africa West (Mujao) ha disposto campi minati intorno a Gao, prevenire ulteriori offensive del MNLA.
"AQIM e Mujao, che controllano Gao, hanno minato la periferia della città. Molte persone cercano di fuggire, per prendere l'autobus per raggiungere Bamako , ma gli islamisti impediscono loro di lasciare la città", ha detto Mossa Ag Attaher, portavoce del Presidente del MNLA con sede a Parigi.
Un testimone occidentale della sicurezza ha confermato all'agenzia AFP a Bamako la posa di mine. "Per prevenire un possibile attacco da parte delle forze della ECOWAS (Comunità economica dell'Africa occidentale) e delle bande rivali, la Mujao ha collocato mine intorno a Gao", ha detto.
I leader ECOWAS hanno esortato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ad adottare una risoluzione per inviare una forza regionale in Mali.

"Scudo umano"

Secondo il portavoce del MNLA, "dopo la distruzione criminale di mausolei di santi musulmani, essi (gli integralisti islamici) stanno ora utilizzando la popolazione come ostaggio, come scudi umani per proteggersi contro un attacco dell'MNLA".
La porta di legno della moschea di Sidi Yahia di Timbuktu, distrutta a picconate lunedì 2 luglio dagli estremisti islamici, secondo alcuni testimoni, era rimasta chiuso per decenni, perché, secondo le credenze locali, una possibile apertura avrebbe portato sfortuna.
Dopo i mausolei dei santi, Ansar Dine aveva minacciato questo fine settimana di prendersela con le moschee della città, sostenendo di agire "per conto di Dio" e come ritorsione per la decisione dell'UNESCO, il 28 giugno, d'iscrivere Timbuktu nella lista del Patrimonio Mondiale in Pericolo.
La Moschea di Sidi Yahia è uno dei tre grandi moschee di Timbuktu, con quelle dei Djingareyber e Sankoré. Tutte e tre sono sulla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco. Santi sono sepolti nelle moschee di Djingareyber e Sidi Yahia.
Queste convinzioni hanno causato la distruzione in serie.
L'Associazione dei leader religiosi del Mali ha condannato "il reato di Timbuktu". "Anche il Profeta Muhammad avrebbe visitato le tombe e mausolei. Questa è intolleranza", hanno detto.
L'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC), che ha 57 membri, ha "deplorato" la distruzione compiuta "da elementi fanatici" di mausolei "sono parte del nostro ricco patrimonio islamico in Mali".
Condanna da parte dell'Algeria, per la quale i santi e gli studiosi sepolti nei mausolei hanno "contribuito allo sviluppo dell'Islam nella regione e diffondere i valori della tolleranza e della spiritualità".
Il Segretario Generale della Organisation internationale de la Francophonie (OIF), Abdou Diouf, ha chiesto la cessazione immediata delle distruzioni di Timbuktu da parte di "elementi estremisti che occupano la città".
Fatou Bensouda, procuratore della Corte penale internazionale (ICC) ha detto domenica a Dakar che le distruzioni delle proprietà religiose potrebbero essere considerati "crimini di guerra punibili dalla legge".
Ansar Dine, il Mujao e AQIM hanno approfittato del colpo di stato militare attuato il 22 marzo a Bamako, per accelerare la loro avanzata in tutto il nord del Mali, che controllano da tre mesi a spese della ribellione Tuareg. Il loro scopo è quello di imporre la Sharia (legge islamica) in tutto il Mali.
A Algeri e Niamey , il ministro degli Esteri del Mali e quello della difesa, Lamine Sow e Sadio Yamoussa Camara, hanno parlato di una soluzione "politica" e di "consenso" per risolvere la crisi.

Aggiornamento dell'11 luglio

I membri della comunità araba di Timbuktu hanno istituito un commando armato per evitare l'ulteriore distruzione delle tombe di antichi santi musulmani da parte degli islamisti che occupano il nord del Mali.
"Oggi abbiamo una brigata di vigilanza, in modo che nessuno tocchi i mausolei di Araouane e Gasser-Cheick", ha dichiarato Ould Tahel Sidy, leader del gruppo, facendo riferimento a due tombe nella regione intorno a Timbuktu.
"Siamo armati e vi è il numero necessario di persone", ha aggiunto.
"Non abbiamo intenzione di permettere a persone che non sanno nulla dell'Islam di venire a distruggere i nostri tesori. Ho studiato in Mauritania e in Arabia Saudita, nessuno ci dice nel Corano che dobbiamo distruggere le tombe".
I membri di Ansar Dine (Difensori della Fede), un gruppo armato legato ad Al-Qaeda che detiene il controllo del nord del Mali da più di tre mesi, ha distrutto martedì 10 luglio due tombe nella moschea più antica e più grande della città, Djingereyber.
La settimana scorsa erano state distrutte analogamente sette tombe di antichi santi musulmani così come la porta sacra di un'altra moschea del XV secolo, tutti elencati come siti in pericolo nella lista del Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.
"Hanno giurato di distruggere tutti i siti simili in città favolosa, che dicono sono "haram" o proibiti dall'Islam".
Dice un abitante della città, indicando una parete della moschea di fango Djingareyber, costruita nel 1325 e in parte caduta durante la distruzione delle tombe.
"Martedì sera gli islamisti hanno rapidamente ricostruito una parte della parete della grande moschea, che era caduta quando hanno distrutto i due mausolei", ha detto.
Gli esperti dicono che mentre i musulmani moderati Sufi, che costituiscono la maggioranza in Mali, vedono i mausolei come santuari, coloro che seguono la tradizione radicale wahhabita li vedono come un fenomeno di idolatria.

Fonte: AFP


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it