Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Richard Jeynes, Trailquest
ARCHEOLOGIA DELLA LEGIONE STRANIERA IN MAROCCO



Lato ovest del forte. Immagine: Progetto Legion

Il remoto avamposto nel deserto, presidiato da legionari duri e disperati, circondati da orde di tribù montate su dromedari, è diventato un'immagine iconica sin dal film di P. C. Wren “Beau Geste”, realizzato nel 1925.
Nel racconto agitazione sulle gesta della Legione straniera francese, gran parte dell'azione si svolge a Fort Zinderneuf, una fortezza isolata nel deserto che fa da sfondo alla storia. La storia originale ha poi generato diversi film di Hollywood e tutta una serie di libri e film di un genere simile.
La Legione straniera francese è stata utilizzata nelle campagne in Nord Africa. Costruì fortezze isolate di guarnigione e tali forti diventarono scenari di azioni militari. Gli avamposti difesi fino all'ultimo uomo non erano immagini di romanzi popolari ma casi bellici reali e frequenti, durante la prima parte del XX secolo.
Utilizzando una combinazione di numerose fonti letterarie, diari, mappe militari francesi e immagini da satellite, un certo numero di posizioni di possibili forti e fortini sono state esaminate prima di scegliere la più adatta per condurre uno studio più dettagliato.


Approccio al forte dal fondo valle. Immagine: Progetto Legion

Il più grande edificio selezionato finora per la ricerca è un forte nel deserto nel sud del Marocco.
Costruito dalla Legione straniera francese nel 1921, si trova su un altopiano nella parte meridionale della valle del fiume Oued Guir.
Grazie al clima secco e alla posizione remota, la struttura del forte è in un condizioni relativamente complete. Le mura esterne e la torre rimangono in piedi, mentre i resti degli edifici interni sono chiaramente visibili con solo i tetti mancanti. Questo percorso presenta una rara opportunità di studiare una struttura che ha giocato un ruolo importante nella creazione della moderna storia coloniale francese e del Marocco.


Interno del forte con gli edifici interni scoperchiati. Immagine: Progetto Legion


Perché i forti furono costruiti?

I problemi che affliggevano i francesi durante la loro occupazione del Marocco erano immensi.
Non si trattò di una semplice operazione militare. Il clima, il terreno e una popolazione fieramente indipendente erano contro di loro. Il terreno, in particolare, era un grave ostacolo alla conquista. Le alte montagne (fortemente boscose nel Nord) erano difficili da penetrare, con diversi passaggi che erano costituiti da gole strette e ripide. Tali luoghi fornivano percorsi facili per agguati e divennero trappole mortali per molte colonne francesi in movimento attraverso di loro. L’acqua, un requisito fondamentale, era disponibile solo in alcune zone e le oasi dove se ne trovava furono molto disputate. Il dominio del territorio e il controllo delle vie di rifornimento e di passaggio erano indispensabili ai francesi per avere successo nella loro missione.

Come erano utilizzati i forti?

Senza artiglieria efficace e metodi per forzare l’entrata nei forti, è probabile che le guarnigioni si sentissero relativamente sicure da attacchi. Con armi moderne e dietro una tale difesa, la più grande minaccia sarebbe stata quella di un lungo assedio e la graduale diminuzione dei rifornimenti idrici.
Tuttavia, l’evidenza letteraria indica che gli attacchi diretti e le infiltrazioni nei forti erano una minaccia molto reale.


Un colpo sparato, dal fortino. Immagine: Progetto Legion


Anche se isolati, i forti hanno avevano comunicazioni efficaci con il mondo esterno tramite una varietà di metodi che andavano dal telefono e dalla radio ai più primitivi eliografo, piccioni e altri mezzi di comunicazione, che potevano essere utilizzati per chiamare aiuto. Inoltre, dopo la prima guerra mondiale, i voli aerei regolari dell'aeronautica francese fornivano una copertura aggiuntiva.
La rivolta tra le montagne del Rif guidata da Abd-el-Krim nel 1920 vide alcuni degli assalti più drammatici alle fortezze isolate. Ispirato dal suo successo contro gli spagnoli nel nord del Marocco, egli si prepar: da 1925 a combattere i francesi.
Numerose fortezze furono completamente circondate e tagliate fuori da tutte le forniture e le forze francesi, con la Legione straniera all'avanguardia, furono spedite in missioni di salvataggio disperato, non tutte coronate da successo. La Legione subì una serie di sconfitte per mano di Abd-el-Krim e almeno un forte, dopo aver tenuto per quasi otto settimane, fu fatto saltare dal suo stesso comandante.


Alla ricerca di munizioni esauste. Immagine: Progetto Legion



Lavoro sul campo nel deserto

Gli spostamenti sui siti di campo e i lavori di sondaggi sono all'ordine del giorno. Essi producono un gran numero di reperti, da cui emerge chiara evidenza della vita di guarnigione sotto forma di barattoli di razioni, bottoni di uniformi e fibbie di cintura. Prove di attività militare sono fornite sotto forma di bossoli esaurito, proiettili sparati e frammenti di granata.


Camminando sul campo, si scopre un gran numero di reperti tra cui la chiara evidenza della vita di guarnigione sotto forma di barattoli di razioni, bottoni di uniformi e fibbie di cintura. Immagine: Progetto Legion




Il Progetto Legion

Il fortino di Boudenib, mentre è visibile da alcuni chilometri di distanza, ha dimostrato di essere molto difficile da raggiungere e solo dopo diverse operazioni di ricognizione in moto per un periodo di due giorni è stato trovato un itinerario adatto per un veicolo tra le rovine delle vecchie tracce e l’oasi di Kasbah.
Il fortino teneva una posizione chiave che copriva l’avvicinamento dal sud a Boudenib ed era stato sottoposto ad un attacco nel 1909. I quaranta difensori tennero testa a circa quattrocento aggressori per quasi due giorni, prima infine di dirigere il fuoco d'artiglieria sulla posizione per cancellare gli attaccanti.
Ben poco rimane ora del fortino e sorprendentemente, dati i resoconti storici dell'attacco, ben poche prove archeologiche rimangono a indicare la gravità della battaglia.



Ulteriori informazioni: Tutti i dettagli del progetto Legione possono essere trovati sul sito web.
Le opportunità di lavoro sul campo sono particolarmente utili per gli studenti che cercano di espandere la loro esperienza pratica. Il lavoro si svolge in terreni difficili, spesso ad altitudini elevate, così che un buon livello di forma fisica è essenziale così come un vero e proprio "spirito di avventura". I costi coinvolti possono variare ma occorre garantirsi la copertura voli, trasporto, alloggio, tasse scolastiche e assicurazione.
Per coloro che vogliono essere coinvolti, ma non desiderano intraprendere il lavoro sul campo, ci sono a volte spedizioni per pre- e post-lavoro organizzate da Trailquest nel Regno Unito.

Fonte: Past Horizons


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it