Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Popular Archaeology
UNA CULTURA MODERNA IN AFRICA 44000 ANNI FA
La scoperta spinge la datazione all’indietro di oltre 20000 anni.


Un team internazionale di ricercatori ha scoperto la prova materiale che indica una cultura, molto simile a quella dei moderni cacciatori-raccoglitori San dell'Africa, esisteva già ben 44 mila anni fa.


Guardando fuori dalla Border Cave. Wikimedia Commons


Condotto da Francesco d'Errico, direttore della ricerca presso il Centro Nazionale delle Ricerche francese, il team di scienziati includeva Lucinda Backwell e Marion Bamford dell'Università del Witwatersrand a Johannesburg, Sud Africa. Essi hanno datato e analizzato oggetti recuperati dagli strati archeologici della Border Cave, situata ai piedi delle montagne Lebombo in KwaZulu-Natal, Sud Africa, vicino al Mozambico. Il sito ha fornito materiale organico eccezionalmente ben conservato, il che lo rende eccezionale per l'applicazione di una varietà di tecniche di datazione.
"La datazione e l'analisi di materiale archeologico scoperto alla Border Cave in Sud Africa ci ha permesso di dimostrare che molti elementi della cultura materiale, che caratterizzano lo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori San in Sud Africa, erano parte della cultura e della tecnologia degli abitanti di questo sito 44000 anni fa", dice Backwell.
Fino ad oggi, la maggior parte degli archeologi riteneva che la prima prova della cultura San di cacciatori-raccoglitori nel sud Africa risalisse al massimo a 20000 anni fa.
I manufatti hanno rivelato usi e costumi molto simili a quella dei moderni San moderne. Alcuni esempi:
Bastoni per scavare zavorrati con pietre forate, datati a circa 44000 anni fa;
Un bastone di legno decorato con incisioni, utilizzato per trasportare un veleno contenente acido ricinoleico trovato in semi di ricino;
Un pezzo di cera d'api, datato a circa 40000 anni fa, mescolato con la resina di sostanze tossiche Euphorbia, e forse uovo, avvolto in fibre vegetali realizzate con la corteccia interna di una pianta legnosa. Come l'equivalente moderno San, era probabilmente utilizzato per avvelenare punte di freccia o strumenti;
Zanne di cinghiale o facocero modellate in punteruoli e teste di lancia, e
Piccoli pezzi di pietra per armi da caccia, come conferma il ritrovamento di residui di resina ancora aderente ad alcuni degli strumenti, identificata come suberina (sostanza cerosa) prodotta dalla linfa di alberi Podocarpus (Yellowwood).
Le somiglianze non si fermano qui. Dice Backwell: "ci sono anche uova di struzzo decorate con perline e conchiglie marine, e ossa intagliate a fini di annotazione. Hanno modellato punte d’osso sottili per l'uso come punteruoli e punte di frecce avvelenate. Una punta è decorata con un solco a spirale piena di ocra rossa, che somiglia strettamente a marchi simili che i San fanno per identificare le loro frecce per la caccia".
Un'altra leader chiave del team di ricerca, Paola Villa, curatrice presso il Museo di Storia Naturale dell'Università del Colorado e autrice dello studio principale di un altro rapporto basato sulla stessa ricerca, suggerisce che i reperti indicano che l'età della pietra è iniziata in Sud Africa ben più di 20000 anni fa, prima di quanto ritenuto in precedenza – il che coincide con il momento in cui gli esseri umani hanno avviato la migrazione dall'Africa al continente europeo.
"La nostra ricerca dimostra che l'età della pietra emerse in Sud Africa molto prima di quanto si sia creduto e verificato sinora, e circa allo stesso tempo dell'arrivo degli esseri umani moderni in Europa", ha detto Villa. "Ma le differenze nella tecnologia e nella cultura tra le due aree sono molto forti, e mostrano che la gente delle due regioni ha scelto strade molto diverse per l'evoluzione della tecnologia e società".
Vedi gli esempi di reperti mostrati nelle immagini sottostanti.


Manufatti organici dalla Border Cave
a) bastone da scavo in legno di Flueggea virosa datato a 40986 - 38.986 ca a.C.,
b) applicatore di veleno a base di legno di Flueggea virosa datato a 24564 - 23941 ca a.C., che conserva un residuo di acido velenoso ricinoleico estratto dai semi di ricino,
c) punta di freccia d’osso decorato con una incisione a spirale piena di pigmento rosso,
d) oggetto di osso con quattro serie di tacche, ognuna ottenuta da uno strumento diverso, e probabilmente utilizzato per annotazioni,
e) grumo di cera d'api contenente resina di Euphorbia tirucalli e forse uovo, legato con spago vegetale e datato 41167 - 39194 ca a.C.,
f) perline da collana fatte con uova di struzzo del 44856 - 41010 ca a.C. e perline di conchiglie marine utilizzate come ornamenti personali. Barre di scala = 1 cm
(Image credit: Francesco d'Errico e Lucinda Backwell)




Bastoni da scavo
a) bastone da scavo in legno fatto da Flueggea virosa e datato 40986 - 38986 ca a.C.,
b) Primo piano che mostra l’arrotondamento e la frantumazione della punta.
c) bastoni per scavare dei San del Kalahari che mostrano somiglianza con il campione di Border Cave
d) Francesco d'Errico, con bastoni da scavo San dalla Collezione Fourie (Museum Africa, Johannesburg). Barre di scala = 1 cm
(Image credit: Lucinda Backwell)



Perline fatte con uova di struzzo
Perle di uova di struzzo dalla Border Cave datate 44856 - 41010 ca a.C., che mostrano tecniche di produzione simili a quelle utilizzate dalle donne San del Kalahari, come:
b) sagomatura con un corno e incudine in pietra,
c) perforazione per produrre il buco centrale,
d) infilando con spago vegetale e
e) arrotondando i bordi con una pietra scanalata.
(Image credit: Lucinda Backwell)



Punte e cera d'api a) punta di freccia d’osso decorato con una incisione a spirale piena di pigmento rosso,
b) osso modellato a forma di punta di freccia mediante raschiatura,
c) grumo di cera d'api contenente resina di Euphorbia tirucalli e forse uovo, legato con spago vegetale e datato 41167 - 39194 ca a.C.,
d) punte d’osso di pietra da siti sudafricani,
e) punte di freccia d'osso dei San del Kalahari, e
f) Snelle punte di freccia d'osso reversibili incrostate di veleno. Barre di scala = 1 cm
(Image credit: Lucinda Backwell)



Cera con veleno
a) applicatore di veleno in legno dalla Border Cave fatto da Flueggea virosa e datato a 24564 - 23941 ca a.C., con tacche, e
b) residuo aderente contenente acido velenoso ricinoleico estratto dai semi di ricino.
c) applicatori di veleno dei San del Kalahari conservato al Museum Africa, Johannesburg, che mostra pezzi di composti organici utilizzati per le impugnature (giallo) e le parti avvelenate (nero) della freccia, e la dentellatura per evitare lo slittamento del materiale.
d) blocco di cera d'api dalla Border Cave contenente resina di Euphorbia tirucalli e forse uovo, legato con spago vegetale, e datato 41167 - 39194 ca a.C.,
e) punta di freccia d’osso da Border Cave e
f) punte di freccia d'osso dei San del Kalahari. Barre di scala = 1 cm
(Image credit: Francesco d'Errico e Lucinda Backwell)


Scrivono i ricercatori nella loro relazione: "Contrariamente alla tecnologia litica, che dimostra, a Cave Border una graduale evoluzione verso il tardo Paleolitico a partire da 56000 anni fa, gli artefatti organici in modo inequivocabile ricordano un’età della Pietra più avanzata e la cultura materiale San emerge relativamente bruscamente, evidenziando una mancata corrispondenza apparente dei tassi di cambiamento culturale. I nostri risultati sostengono l'idea che ciò che noi percepiamo oggi come un comportamento moderno è il risultato di traiettorie non lineari che possono essere meglio comprese se documentate su scala regionale".
La ricerca dal team, composto da scienziati provenienti da Sud Africa, Francia, Italia, Norvegia, Stati Uniti e Gran Bretagna, è pubblicata in due articoli on line sulla prestigiosa rivista Proceedings della National Academy of Sciences. Lo studio intitolato “La prova iniziale della cultura materiale San rappresentata da reperti biologici provenienti dalla Border Cave, Sud Africa” è stato scritto da Francesco d'Errico, Lucinda Backwell, Paola Villa, Ilaria Degano, Jeannette Lucejko, Marion Bamford, Thomas Higham, Maria Perla Colombini, e Peter Beaumont. L'altro studio, dal titolo “Border Cave e l'inizio dell'età della pietra avanzata in Sud Africa” è stato scritto da Paola Villa, Sylvain Soriano, Tsenka Tsanova, Ilaria Degano, Thomas Higham, Francesco d'Errico, Lucinda Backwell, Jeannette J. Luceiko, Maria Perla Colombini e Peter Beaumont.


Fonte: Popular Archaelogy, luglio 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it