Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di News Limited Network
I TATUAGGI DELLA PRINCIPESSA SIBERIANA



Il tatuaggio elaborato di un cervo con un becco di grifone e zampe di Capricorno, trovato sul corpo della 'Principessa' di Polosmak. Foto: Siberian Times.

TATUAGGI complessi e astratti come quelli moderni sono stati trovati sul corpo d’una principessa siberiana seppellita nel permafrost per più di 2500 anni.
Natalia Polosmak, la scienziata che ha trovato i resti della principessa Ukok nelle alte montagne vicino al confine della Russia con la Mongolia e la Cina, ha detto che è stata colpita da quanto poco è cambiato nel corso di due millenni.
Si ritiene che tatuaggi di creature mitologiche e disegni complessi fossero simboli di stato per l'antico popolo nomade dei Pazyryk, descritto dallo storico greco Erodoto nel v secolo a.C.
Sulla spalla sinistra dell'antica 'Principessa', che morì a circa 25 anni, è stato trovato un tatuaggio sorprendente di un cervo con un becco di grifone e zampe da Capricorno.
I palchi sono decorati con teste dei grifoni. E la stessa testa di Grifone appare sul dorso dell'animale. Ha anche la testa di un cervo sul suo polso, con grandi corna.
"La nostra giovane donna - la ' Principessa' - ha solo le due braccia tatuate," la detto la Dr. Polosmak ha detto al Siberian Times. "Così essi identificavano sia l’età sia la sua condizione sociale."
Sepolti con la 'Principessa' erano sei cavalli sellati e imbrigliati, ornamenti di bronzo e oro - e un piccolo barattolo di cannabis.
Lei in realtà non era una 'Principessa', come suggerisce il suo nome. Gli esperti sono divisi se lei fosse una poetessa, una guaritrice o una santa donna.
Due guerrieri recuperati dallo stesso sito di sepoltura nel permafrost dell'altopiano Ukok erano creature fantastiche simili a lei. Uno aveva un'immagine che copriva tutta la sua spalla destra dal petto alla schiena.
I tatuaggi ricostruiti sono stati rilasciati per permettere lo spostamento dei resti della principessa per una mostra permanente nel Museo nazionale di Gorno-Altaisk.
"I tatuaggi erano usati come mezzo di identificazione personale - come oggi si usa un passaporto, se volete," ha detto la Dr. Polosmak.
"Credo che non ci siamo allontanati dagli antichi Pazyryk per come sono fatti i tatuaggi oggi.
"Possiamo dire che per la maggior parte delle persone probabilmente c'era - e c’è - un posto sul corpo per iniziare a mettere i tatuaggi, e che fosse la spalla sinistra. Posso presumere così perché tutte le mummie che abbiamo trovato con solo un tatuaggio lo avevano sulla spalla sinistra.
"E oggi questo è la stessa posizione dove le persone cercano di mettere i tatuaggi, dopo migliaia di anni.
"Credo che ciò sia collegato alla composizione del corpo - perché la spalla di sinistra è il luogo dove è più evidente, dove sembra più bello."
Un'altra somiglianza è come il numero dei tatuaggi è legato all'età.
La Dr. Polosmak ha riferito l'analogia di operatori turistici greci, capaci di valutare l'età dei turisti britannici sulla base del numero di tatuaggi sul loro corpo.
Ma qui finiscono le somiglianze.
I tatuaggi usati dai nomadi Pazyryk erano destinati ad aiutare i membri della tribù a identificare ogni altro nell'aldilà.

Fonte: News.com.au, 15 agosto 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it