Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
LE ORIGINI DEL POPOLO ROM


Nonostante la loro moderna diversità di linguaggio, stile di vita e religione, la popolazione Rom che si è diffusa in Europa condivide un comune, pur se complesso, passato. Tutto è iniziato nel nord-ovest dell’India circa 1500 anni fa, secondo uno studio riportato il 6 dicembre in Current Biology, una pubblicazione di Cell Press, che offre il primo studio sul genoma relativo alle origini dei Rom e alla loro storia demografica.


La popolazione Rom diffusa in Europa condivide un comune, pur se complesso, passato, a partire dal nord-ovest dell’India circa 1500 anni fa.
(Credit: © seewhatmitchsee / MENU)


I Rom rappresentano il più grande gruppo di minoranza in Europa, costituito da circa 11 milioni di persone. Ciò significa che le dimensioni della popolazione Rom sono paragonabili a quelle di diversi paesi europei, come Grecia, Portogallo e Belgio.
"Eravamo interessati a esplorare la storia della popolazione europea dei Rom perché essi costituiscono una frazione importante della popolazione europea, ma la loro situazione di emarginati in molti paesi sembra anche aver influenzato la loro visibilità in studi scientifici", ha detto David Comas dell'Institut de Biologia Evolutiva presso la Universitat Pompeu Fabra in Spagna.
Il popolo rom non ha scritto documenti storici sulle proprie origini e dispersione. Per colmare le lacune, nel nuovo studio, Comas e Manfred Kayser dell'Università Erasmus di Rotterdam, nei Paesi Bassi, insieme ai loro colleghi internazionali europei, hanno raccolto dati sul genoma da 13 gruppi di Rom raccolti in tutta Europa, che confermano l'origine indiana dei Rom europei, in linea con precedenti studi linguistici.
Il genoma denota l'origine geografica in modo specifico verso le parti nord o nord-occidentale dell'India e ha fornito una data di origine di circa 1500 anni fa. Mentre è noto che la permanenza nel Medio Oriente e nel Caucaso hanno avuto un notevole influsso sulla lingua Rom, i ricercatori hanno visto una limitata evidenza di comune ascendenza genetica tra i Rom europei e quelli che vivono oggi in quelle regioni del mondo. Una volta in Europa, la gente Rom iniziò a stabilirsi in varie località, probabilmente diffondendosi in tutta Europa attraverso la regione dei Balcani, circa 900 anni fa.
"Da un punto di vista generale di tutto il genoma, le persone rom condividono una storia comune e unica nel suo genere, che si compone di due elementi: le radici nel nord-ovest dell'India e la commistione con i non-Rom europei, accumulata con grandezze diverse durante l’ondata di migrazione dall’India in tutta Europa", ha detto Kayser.
"Il nostro studio dimostra chiaramente che la comprensione del patrimonio genetico dei Rom è necessaria per completare la caratterizzazione genetica degli europei nel complesso, con implicazioni per diversi settori, dalla evoluzione umana alle scienze della salute".

Fonte: ScienceDaily (6 dicembre 2012).


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it