Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
L'ASSASSINIO DI RAMSES III
analisi forense di un antico omicidio



Ramses III fu assassinato in un colpo di stato guidato da sua moglie e suo figlio, gli archeologi hanno annunciato oggi (17 dicembre).

Un certo numero di antichi documenti egiziani, tra cui il Papiro Giudiziario di Torino, registrano nel 1155 a.C.,l'ultimo anno del suo regno, un attentato alla vita di Ramses III, il faraone della XX dinastia che aveva respinto l'invasione dei Popoli del Mare. I cospiratori principali erano Tiye, una delle sue mogli secondarie, e suo figlio Pentawere. Il colpo di stato, noto come la 'cospirazione dell’harem' non riuscì, perché il trono passò al successore designato dal re, Ramses IV, ma gli egittologi hanno a lungo discusso se l'attentato abbia o no avuto successo.
Ora i ricercatori, guidati dal dottor Albert Zink dell'Istituto per le Mummie e l'Iceman dell'Accademia Europea di Bolzano in Italia, hanno effettuato scansioni TC dei resti mummificati del faraone, rivelando un profondo taglio sulla gola che reciso la trachea, l’esofago e i vasi sanguigni principali.



‘L'estensione e la profondità della ferita ha potuto causare la morte immediata di Ramses III', il team afferma, nel suo articolo appena pubblicato sul British Medical Journal. 'Questo studio fornisce indizi per l'autenticità della 'cospirazione dell’harem' descritta dai documenti storici e rivela finalmente il suo esito tragico. 'La nostra analisi CT fornisce la prova che i congiurati uccisero Ramses III, tagliandogli la gola'.
Le indagini forensi svolte dai ricercatori suggeriscono come improbabile che il danno alla gola di Ramses III fosse causato dopo la sua morte, e nessun resoconto di antichi metodi di imbalsamazione egiziane suggerisce che l'apertura della gola facesse parte del processo di mummificazione.
Ulteriori prove di un omicidio sono venute dalla scoperta di un wedjet (occhio di Horus), amuleto che era stato accuratamente posizionato all'interno della ferita - forse dagli imbalsamatori, nella speranza che le sue proprietà curative avrebbero ripristinato il re nel mondo a venire, dopo di che essi coprirono il danno con uno spesso collare di strati di lino.
Allo stesso tempo, il team ha annunciato l'identificazione di un 'possibile candidato' per la mummia di uno dei colpevoli, il principe Pentawere - che si dice si sia tolto la vita dopo essere stato riconosciuto colpevole di cospirazione contro il padre. I resti di un uomo di 18-20 anni sono stati trovati nello stesso ripostiglio della tomba reale di Ramses III a Deir el Bahari, ma non era stato precedentemente stabilito chi fosse.


Il sarcofago di Ramses III.


Campioni ossei presi da entrambe le mummie sono stati analizzati, rivelando identici cromosomi Y nel DNA e forti somiglianze genetiche, che suggeriscono un rapporto padre-figlio tra i due individui. Anche se non è possibile stabilire quale dei molti figli di Ramses questo possa essere, gli aspetti insoliti della sua mummificazione suggeriscono che non sia stato sepolto con gli onori previsti per personaggio reale.
Non ci sono prove che gli organi interni dell'uomo o il cervello siano stati rimossi, dice il team, e il suo corpo era stato coperto da una pelle di capra - un materiale considerato ritualmente impuro dagli antichi egizi. Questo potrebbe essere interpretato come una punizione post-mortem, anche se la sua causa di morte rimane soggetta a dubbi. Il suo torace gonfio e le pliche cutanee compressi intorno al collo potrebbe suggeriscono azioni violente come lo strangolamento come causa della sua morte, anche se questi effetti potrebbero anche essere stati causati dalla decomposizione.

Fonte: World Archaeology, 17 dicembre 2012.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it