Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Hazem Zohny
SCHIAVITÙ VOLONTARIA NELL'ANTICO EGITTO?
C’era chi pagava un canone mensile per diventare schiavo del tempio


MACMILLAN SUD AFRICA


Vincolarsi a eterna, cieca servitù come proprietà di qualcuno: non è probabile che la maggior parte della gente scelga volontariamente questa carriera. 2200 anni fa, però, a quanto pare, alcuni egiziani sottoscrivevano volontariamente costratti per diventare schiavi del tempio.
Non solo, ma pagavano anche un canone mensile per il "privilegio".
La rivelazione viene dal lavoro di Kim Ryholt, egittologo dell'Università di Copenaghen, che ha studiato i contratti di schiavi in antichi papiri trovati in una discarica presso il tempio della città di Tebtunis, nell’antico Egitto.
"Io sono il tuo servo a decorrere da oggi, e pagherò 2 ½ pezzi di rame ogni mese come mia tassa di schiavitù a Soknebtunis, il grande dio".
Questo fa parte della traduzione di 100 di questi contratti di schiavi dai papiri che Ryholt ha per anni raccolto e analizzato. I documenti erano sparsi in frammenti in tutto l'Egitto, in Europa e negli Stati Uniti dopo essere stati illecitamente scavati. In un esempio, un contratto era stato diviso tra Copenaghen e il British Museum.
Ryholt è il primo ad analizzare questi papiri nel loro complesso, pubblicando le sue scoperte in un recente articolo dal titolo: A Self-Dedication Addressed to Anubis – Divine Protection against Malevolent Forces or Forced Labour?
Dai suoi risultati appare che questi schiavi volontari firmavano anche per i loro discendenti.
"Io sono il tuo servo con i miei figli e i figli dei miei figli", si legge nei contratti, che erano scritti in alfabeto demotico - una antica scrittura egiziana.
Non è chiaro come gli schiavi del tempio potessero produrre il reddito per pagare la quota mensile, ma Ryholt dice che probabilmente effettuavano vari tipi di lavoro manuale nel loro tempo "libero".
"Agli schiavi nell'antichità, come nei tempi moderni, era generalmente consentito guadagnare un po' di soldi per conto proprio", dice Ryholt. Tuttavia, egli ammette che ci si dice raramente il modo in cui hanno generato un reddito, anche se cita un esempio di uno schiavo letterato chiamato Tolomeo, che ha fatto alcuni guadagni di lavoro come "interprete dei sogni".
In ultima analisi, il vero mistero è perché mai qualcuno sarebbe volentieri diventato uno schiavo. Ryholt sostiene che questi individui non erano guidati da qualche vena masochista inspiegabile - come si può essere tentati di pensare - ma erano individui poveri, nella parte inferiore della gerarchia sociale, in cerca di asilo da un destino peggiore: il lavoro forzato.
Mentre questi contratti li legavano come schiavi, li proteggevano anche dal poter essere obbligati a lavori forzati, come canali di scavo e di altri progetti faticosi e spesso fatali. Invece, come schiavi del tempio, erano principalmente impegnata nel settore agricolo ed erano esonerati dal lavoro forzato.
Questa scappatoia per sfuggire al lavoro forzato era probabilmente aperta solo nel corso di un periodo di 60 anni, dal 190 a.C. circa al 130 a.C., e non ci sono altri elementi di prova che questa pratica esistesse durante altri periodi in Egitto. Ryholt ipotizza che questo avvenne perché i regnanti non potevano permettersi di perdere troppi lavoratori potenziali a favore dei templi, nel lungo periodo.

Fonte: House of Wisdom, a blog from Nature Middle East, 6 gennaio 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it