Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Rebecca Morelle
LINGUE ANTICHE RICOSTRUITE GRAZIE AL COMPUTER



A differenza di questo scritto assiro, poche lingue antiche hanno una traccia scritta, il che rende estremamente difficile ricostruirle.

Un nuovo strumento è stato sviluppato che può ricostruire lingue morte da tempo.
I ricercatori hanno creato un software in grado di ricostruire i protolinguaggi - le lingue antiche da cui le nostre lingue moderne si sono evolute.
Per provare il sistema, il team ha preso 637 lingue attualmente parlate in Asia e nel Pacifico e ha ricreato il primo linguaggio da cui discendono.
Il lavoro è pubblicato negli Atti della National Academy of Science.
Attualmente le ricostruzioni linguistiche sono svolte dai linguisti - ma il processo è lento e laborioso.
Dan Klein, professore associato presso l'Università di California di Berkeley, ha detto: "Occorre molto tempo per gli esseri umani per guardare tutti i dati. Ci sono migliaia di lingue nel mondo, con migliaia di parole ciascuna, per non parlare di tutti gli antenati di quelle lingue".
"Ci vorrebbero centinaia di vite per esaminare tutte quelle lingue, e compiere riferimenti incrociati di tutti i diversi cambiamenti avvenuti in tale estensione di tempo e di spazio. - Quanto al tempo, questo è proprio ciò in cui i computer brillano".

La Stele di Rosetta
Le lingue cambiano gradualmente nel tempo.
Nel corso di migliaia di anni, piccole variazioni nel modo in cui produciamo i suoni hanno fatto sì che le lingue iniziali si siano trasformate in molti discendenti differenti.
Il dottor Klein spiega: "Questi cambiamenti sonori sono quasi sempre regolari, con parole simili che cambiano in modo simile, in modo da lasciare modelli di riferimento che un essere umano o un computer può trovare.
"Il trucco è quello di identificare questi modelli di cambiamento e quindi di 'invertirli', in fondo identificando una continua evoluzione delle parole a ritroso nel tempo."
Gli scienziati hanno dimostrato il loro sistema, cercando in un gruppo di lingue austronesiane attualmente parlate nel sud-est asiatico, parti dell'Europa continentale, dell'Asia e del Pacifico.
Da un database di 142.000 parole, il sistema è stato in grado di ricreare il primo linguaggio da cui queste lingue moderne derivano. Gli scienziati ritengono che sarebbe stato parlato circa 7.000 anni fa.
Hanno poi confrontato i risultati del computer a quelli dei linguisti, trovando che l'85% delle parole iniziali che il software aveva identificato stavano all'interno di un "carattere" - o un suono - delle parole che anche gli esperti di lingua avevano identificato.
Ma, benché il metodo computerizzato fosse molto più veloce, gli scienziati hanno detto che non avrebbe lasciato gli esperti senza lavoro.
Il software può elaborare grandi quantità di dati in modo rapido, ma non porta lo stesso grado di precisione che ha l’esperienza di un linguista.
Il dottor Klein ha detto: "Il nostro sistema ha ancora carenze, ad esempio, non è possibile gestire le modifiche morfologiche o re-duplicazioni - come una parola come 'cat' che diventa 'kitty-cat'.
"A un livello molto più profondo, il nostro sistema non spiega come e perché certi cambiamenti sono successi, ma solo che probabilmente sono accaduti."
Mentre i ricercatori sono in grado di ricostruire le lingue che risalgono a migliaia di anni fa, c’è ancora un punto interrogativo sul fatto se sarebbe mai possibile andare ancora più indietro per ricreare il protolinguaggio primo da cui tutti gli altri si sono evoluti.

Fonte:BBC News, 12.2.2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it