Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di HUMA
I MANOSCRITTI DI TIMBUKTU


Sono stati diffusi rapporti circa la distruzione degli edifici della biblioteca e delle collezioni di libri antichi a Timbuktu. Sembrerebbe che il patrimonio scritto della città fosse andato in fiamme. Secondo le nostre informazioni questa non è una valutazione obiettiva. I custodi delle biblioteche hanno lavorato tranquillamente durante l'occupazione ribelle di Timbuktu per garantire la sicurezza dei loro materiali. Un numero limitato di oggetti sono stati danneggiati o rubati, l'infrastruttura trascurata e gli arredi della biblioteca dell'Istituto Baba Ahmad sono stati saccheggiati, ma secondo tutte le nostre fonti locali - tutte intimamente connesse con le collezioni pubbliche e private della città - non vi è stata alcuna distruzione dolosa di una biblioteca o collezione.
Da domenica 27 gennaio i ribelli di Ansar Dine sono fuggiti da Timbuktu. L'esercito francese e i suoi partners del Mali sono entrati in città in quel giorno.
Uno dei primi rapporti ricevuti lunedì dalla città affermava che una biblioteca e i suoi libri fossero stati dati alle fiamme. Un giornalista di Sky News, Alex Crawford, collegato con le forze francesi, riferì la sera dall'interno del nuovo edificio di Ahmad Baba, che si trova di fronte alla moschea Sankoré. Questo edificio è stato ufficialmente inaugurato nel 2009 ed è il prodotto di una partnership tra il Sud Africa e il Mali. E' considerato l’ultima conquista per l’archiviazione, la conservazione, e il centro di ricerca. Le immagini mostravano custodie vuote e manoscritti sparsi sul pavimento, alcune pochettes in pelle bruciate, e un mucchio di cenere.
Il servizio riferiva che più di 25.000 manoscritti erano stati bruciati o scomparsi. Altre immagini mostravano il giornalista che scendeva alla volta degli archivi e guardava vetrine vuote. Nessun segno di fuoco poteva essere visto.
Il sindaco di Timbuktu, Halle Ousmane, che si trovava a circa 800 km di distanza, a Bamako, è stato citato in diversi rapporti dei media e ha dichiarato che un edificio della biblioteca e manoscritti erano stati dati alle fiamme durante la fuga dei ribelli. Non ci sono altri elementi di prova, se non la parola del sindaco. Notizie diffuse dai media internazionali e le parole del sindaco sono state riportate come dato di fatto.
Abbiamo provato per tutto lunedì 28, dal momento che questi rapporti sono apparsi, di contattare i colleghi a Timbuktu, ma senza successo. La città non era in una comunicazione per un blackout di energia elettrica che perdurava da circa il 20 gennaio, ci è stato detto dai colleghi del Mali, e nessun testimone oculare era uscito dalla città per più di una settimana, a questo punto.
Fonti di Bamako in serata hanno riferito che Mohamed Ibrahim Cissé, Presidente del del Consiglio del Circolo di Timbuktu ancora confermava a France 24 che il nuovo edificio dell’Istituto Ahmed Baba era stato bruciato da Ansar Dine prima di fuggire.
Nella notte di lunedì siamo finalmente riusciti a contattare il nostro collega, il dottor Mohamed Diagayeté, ricercatore senior presso il Baba Ahmad Institute, ora con sede a Bamako. Aveva ascoltato gli stessi reportages che abbiamo ascoltato noi. Tuttavia, ha aggiunto che la maggior parte dei manoscritti dell'Istituto era ancora conservata nel vecchio edificio - inaugurato nel 1974 e dall'altra parte della città, rispetto al nuovo edificio. Ci ha detto che le ultime notizie sul nuovo edificio, risalenti a otto giorni prima della fuga di Ansar Dine, erano che l'edificio non era stato distrutto. Ha detto che circa 10.000 manoscritti erano stati conservati nel nuovo edificio poiché non vi è più spazio nel vecchio edificio. Essi sono stati messi in custodie nei depositi del nuovo edificio. Al piano superiore, dove si praticava il restauro e i danni sono stati fatti, c’erano solo pochi manoscritti. Dopo aver visto i filmati di Sky News, dice che le immagini erano girate al piano di sopra, e riguardavano i pochi manoscritti in attesa di restauri.
Tuttavia, martedì mattina, il dottor Mahmoud Zouber, aiutante del Presidente del Mali per gli affari islamici e direttore fondatore dell’Ahmad Baba Institute, ha detto al Time che, prima che i ribelli si impadronissero dei manoscritti: "essi sono stati messi in un posto molto sicuro. Vi posso garantire che i manoscritti sono in totale sicurezza".
Infine, il giornalista Markus M. Haeflinger, scrivendo nel Neue Zuercher Zeitung di questa mattina, riferisce del suo colloquio con gli amministratori precedenti e attuali dell’ Ahmad Baba Institute di Bamako, su come la maggior parte della collezione è stata nascosta nell’ Ahmad Baba e anche trasportata lontano da Timbuktu durante la crisi.
La tutela del patrimonio culturale e intellettuale di questa regione ha bisogno che esso sia valorizzato e promosso. L'abbandono della sicurezza di Timbuktu nove mesi fa, la partenza di archivisti e ricercatori, e la chiusura delle biblioteche non devono ripetersi. Rimaniamo in contatto con i nostri colleghi in Mali e siamo ansiosi di stabilire con precisione quali manoscritti siano stati danneggiati, distrutti o rubati.

Huma (Istituto di scienze umane in Africa) dell'Università di Città del Capo

Fonte: Tombouctou manuscripts, 30 gennaio 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it