Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
RIVELATE LE STRADE SEGRETE DELLA 'ATLANTIDE' INGLESE


Un professore dell’Università di Southampton ha effettuato l'analisi più dettagliata mai fatta dei resti archeologici sommersi della perduta città medievale di Dunwich, soprannominata 'l’Atlantide della Gran Bretagna'.


Visualizzazione 3D della chiesa di St Katherine.
(Credito: University of Southampton)


Finanziato e sostenuto dall'English Heritage e utilizzando avanzate tecniche di imaging subacquee, il progetto guidato dal Professor David Sear di geografia e ambiente ha prodotto la mappa più accurata delle strade, dei confini e degli edifici importanti della città e ha rivelato nuove rovine sul fondo del mare. Il Professor Sear ha lavorato con un team del GeoData Institute dell'Università; il National Oceanography Centre, Southampton; Wessex Archaeology; e i subacquei locali di North Sea Recovery e di Learn Scuba.
Egli commenta: "la visibilità sott'acqua a Dunwich è molto povera a causa dell'acqua fangosa. Ciò ha limitato l'esplorazione del sito.
"Ora ci siamo tuffati sul sito, utilizzando DIDSON ™ acoustic imaging ad alta risoluzione per esaminare i resti sul fondale marino - un primo uso di questa tecnologia per l’archeologia marina, su oggetti che non fossero relitti di navi.
"La tecnologia DIDSON è un poco come far passare una torcia sul fondo del mare, solo che si utilizza il suono invece della luce. I dati ottenuti ci aiutano non solo vedere a le rovine, ma anche a capire di più su come interagiscono con le correnti di marea e il fondo del mare."
Peter Murphy, esperto di indagine litoranea di English Heritage che attualmente sta completando una valutazione nazionale dei beni del patrimonio costiero in Inghilterra, dice: "la perdita di gran parte della città medievale di Dunwich, nel corso degli ultimi secoli – si trattava di uno degli inglesi più importanti porti nel Medioevo - è parte di un lungo processo che rischia di provocare ulteriori perdite in futuro. Tutti sono rimasti sorpresi, però, nello scoprire quanto la città erosa sopravvive ancora sotto il mare ed è identificabile.
"Mentre non possiamo fermare le forze della natura, possiamo garantire che ciò che è significativo sia registrato e la nostra conoscenza e la memoria di un luogo non si perdano per sempre. Il Professor Sear e il suo team hanno sviluppato tecniche che saranno preziose per comprendere altri siti sommersi ed erosi."
Oggi Dunwich è situato 14 km a sud di Lowestoft, nel Suffolk, ma una volta era un fiorente porto – di dimensioni simili a quelle di Londra del XIV secolo. Tempeste estreme accelerarono l'erosione costiera e le inondazioni che hanno quasi completamente spazzato via questa città, una volta prospera, nel corso degli ultimi sette secoli. Questo processo iniziò nel 1286, quando una tempesta enorme spazzò gran parte dell'insediamento in mare e interrò il fiume Dunwich. Questa tempesta fu seguita da una successione di altre che interrarono fino al porto e spostarono la vita economica fuori della città, portando nel XV secolo alla sua scomparsa come un importante porto internazionale. Ora si trova compressa ed in rovina in una tomba d'acqua, da tre a 10 metri sotto la superficie del mare, appena fuori del litorale attuale.
Il progetto di indagine sulle rovine subacquee di Dunwich, il maggior sito al mondo con le rovine di una grande città medievale sott'acqua, iniziò nel 2008. Da allora sono stati trovati sei ulteriori rovine e 74 potenziali siti archeologici sul fondo marino. Combinando tutti i dati archeologici noti dal sito, insieme a vecchie carte e guide di navigazione verso la costa, si è realizzata anche la mappa più accurata e dettagliata del layout stradale e della posizione degli edifici, tra cui le otto chiese della città.
I risultati principali sono:
* L’identificazione dei limiti della città, che rivelano che era un notevole centro urbano che occupava circa 1,8 km2 --quasi grande come la città di Londra
* La conferma che la città aveva un'area centrale circondata da un terrapieno difensivo, probabilmente di epoca Sassone, di circa 1 km2
* La documentazione dei dieci edifici di Dunwich medievale, all'interno di questa zona chiusa, la localizzazione delle probabili rovine di Blackfriars Friary, St Peter, Ognissanti e chiese di San Nicola e la cappella di St. Katherine
* Ulteriori rovine suggerisce ritrovate appaiono come parte di una grande casa, possibilmente il municipio
* Un’ulteriore prova suggerisce la zona settentrionale della città era in gran parte commerciale, con strutture in legno, associate alla porta
* L'analisi dei cambiamenti della battigia cambiare permetteranno di determinare dove fosse situata la costa all'apice della prosperità della città
Commentando il significato di Dunwich, il Professor Sear dice: "è un esempio che fa riflettere sulla forza implacabile della natura sul nostro litorale di isola. Crudamente dimostra quanto rapidamente la costa può cambiare, anche se protetta dai suoi abitanti. "Il cambiamento climatico globale ha reso l'erosione costiera un tema di attualità nel XXI secolo, ma Dunwich dimostra che è accaduto prima. Le tempeste dei secoli XIII e XIV coincidevano con un periodo di cambiamento climatico, trasformando l'optimum climatico medioevale più caldo di quello che noi chiamiamo la piccola era glaciale. "Le nostre coste sono sempre cambiate, e le comunità hanno lottato per vivere con questa modifica. Dunwich ci ricorda non solo le grandi tempeste e la loro frequenza – l’una dopo l'altra, con l'erosione e le inondazioni, ma anche le decisioni economiche e sociali delle Comunità che vivevano presso la costa. Alla fine, con l’insabbiamento del porto, la città parzialmente distrutta, e la caduta dei redditi di mercato, molte persone semplicemente hanno rinunciato a Dunwich".

Fonte: Science Daily, 9/5/2013. Notizie di scienza ... dall'Università, riviste e altre organizzazioni di ricerca


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it