Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Tia Ghose, LiveScience Staff Writer
I MISTERIOSI MINOICI ERANO EUROPEI



L'ingresso nord del Palazzo di Cnosso sull'isola greca di Creta. CREDITO: Andrei Nekrassov | Shutterstock


Una ricerca sul DNA suggerisce che i minoici, i costruttori della prima civiltà avanzata dell'Europa, erano veramente europei.
Tale conclusione, pubblicata oggi (14 maggio) nella rivista Nature Communications, deriva dal confronto del DNA preso da scheletri minoici di 4000 anni fa con materiale genetico estratto da persone moderne, vissute in tutta Europa e in Africa, nel passato e oggi.
"Ora sappiamo che i fondatori della prima civiltà avanzata dell’Europa erano europei," ha detto il co-autore dello studio George Stamatoyannopoulos, genetista umano presso l'Università di Washington. "Erano molto simili agli europei del Neolitico e ai cretesi di oggi".
Questo potrebbe sembrare intuitivo, ma tali risultati contestano in particolare una teoria di lunga data, che i Minoici antichi provenissero dall'Egitto.

Prima civiltà europea
La cultura minoica si sviluppò a Creta, che ora è parte della Grecia, e fiorì dal 2700 a.C. circa al 1.420 a.C. Alcuni credono che una massiccia eruzione del vulcano di Thera, sull'isola di Cantorini, abbia condannato questa civiltà dell'età del bronzo, mentre altri sostengono che gli invasori micenei rovesciassero il grande potere di quella nazione.
Al giorno d'oggi, i minoici rimangono famosi per il mito del Minotauro, un essere metà uomo e metà toro, che si favoleggiava fosse vissuto all'interno di un labirinto di Creta.
Quando l'archeologo inglese Sir Arthur Evans scoprì il Palazzo minoico di Cnosso, più di 100 anni fa, rimase esterrefatto dalla sua bellezza. Egli notò un'inquietante somiglianza tra l’arte minoica e quella egiziana e non credette che quella cultura fosse autoctona.
“Ecco perché Evans postulò che la civiltà fosse stata importata dall'Egitto o dalla Libia”, ha detto Stamatoyannopoulos a LiveScience.

Indizi genetici
Per verificare tale idea, il team di ricerca ha analizzato il DNA di antichi minoici scheletri che erano stati sigillati in una grotta nell’altopiano di Lassithi, a Creta, tra 3700 e 4400 anni fa. Hanno poi confrontato il DNA mitocondriale scheletrico, che è memorizzato in cellule energetiche e trasmesso attraverso la linea materna, con quello trovato in un campione di 135 prelievi, da moderne e antiche popolazioni circostanti, di Europa e Africa.
I ricercatori hanno trovato che gli scheletri minoici erano geneticamente molto simili agli europei moderni — e soprattutto vicini ai cretesi moderni, specialmente quelli dall'altopiano di Lassithi. Erano anche geneticamente simili agli europei del Neolitico, ma distinti dalle popolazioni egizianhe o libiche.
I risultati sono contro l’ipotesi di Evan e suggeriscono che furono popolazioni locali a sviluppare la cultura minoica, e non uomini di provenienza africana, .
"Era un periodo di eccitazione intorno al Mediterraneo", e perciò, se i minoici sicuramente hanno avuto contatti con i loro vicini africani attraverso il Mediterraneo, le somiglianze artistiche erano probabilmente il risultato dello scambio culturale, ha detto Stamatoyannopoulos.

Antica lingua?
I risultati suggeriscono che i minoici antichi probabilmente discendevano da un ramo di agricoltori dell’Anatolia (i territori che ora conosciamo come Turchia e Iraq) che emigrò in Europa circa 9000 anni fa. Se così fosse, i minoici possono aver parlato una proto-lingua derivata da quella eventualmente parlata da quei contadini dell'Anatolia, i ricercatori speculano.
Sapere che la lingua minoica ha radici indoeuropee potrebbe aiutare gli archeologi a decifrare la misteriosa scrittura Minoica, nota come lineare A, ha detto Stamatoyannopoulos.
Le teorie prevalenti sostengono che quella minoica era una famiglia di lingue distinte.
L'analisi del DNA dalla grotta Lassithi è un "contributo", ha detto Colin Renfrew, archeologo del McDonald Institute for Archaeological Research presso l'Università di Cambridge, che non è stato coinvolto nello studio.
Tuttavia, per fare un collegamento più chiaro con le migrazioni dall'Anatolia, i ricercatori dovrebbero paragonare il DNA minoico con più campioni di DNA provenienti dall’Anatolia antica e moderna, ha detto.

Live Science, 14 maggio 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it