Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
I TEMPLI PERDUTI DI ANGKOR


In Cambogia, gli archeologi stanno ancora scoprendo templi che hanno più di 1.000 anni.


Tramonto a Phnom Bakheng,
Wikimedia Commons.


Phnom Penh, Cambogia - Con il tempo hanno incontrato un muro di mattoni alto dieci metri, con gli alberi che gli crescono sopra, dopo un’ora di marcia attraverso la giungla. In realtà non era così lontano dal villaggio, ma c’era un cammino diritto. Anzi, non c’era proprio nessun cammino. Una moto non poteva passare, così hanno camminato. Seguendo la loro guida, zigzagando attraverso un terreno sconosciuto. Sono stati costretti a guardare sempre per terra e a passare, come meglio potevano, nelle impronte lasciate dalla persona prima di loro. Era una questione di vita o di morte. Stavano camminando in un campo minato, non lontano dal confine tra Cambogia e Thailandia, nella provincia di Oddar Meanchay.
Prima di partire per questa spedizione attraverso la foresta, Nady Phann, un funzionario del Ministero della Cultura della Cambogia, ha chiesto a un abitante del villaggio locale se ci fossero mine. Phann era ben consapevole di questa eredità del passato devastato dalla guerra del suo paese. "Ce ne sono molti", l'abitante del villaggio ha detto. "Abbiamo trovato cinque o sei mine al giorno quando stavamo piantando il riso."
Nonostante questo pericolo, in quel giorno, nel febbraio del 2013, Phann e il suo team hanno scoperto cinque templi pre-Angkor. Templi costruiti prima del sorgere di Angkor, il più potente impero antico del Sud-Est asiatico. Angkor fiorì dal nostro IX al XV secolo, ma questi templi erano fatti di mattoni e, secondo Phann, erano stati probabilmente costruiti tra il VI e l’VIII secolo. Alcuni sono quasi completamente rovinati. Altri sono ancora in piedi. Come fa sempre quando trova un nuovo tempio, ha osservato l'esatta posizione, latitudine e longitudine, ha preso un paio di foto, e ne ha abbozzato la pianta su un pezzo di carta. Il sito è chiamato dagli abitanti 'Il Tempio del Lago dell'Acqua Nera’, e vi si trovano tre templi allineati vicino ad un serbatoio d’acqua quasi secco, con la struttura più alta nel mezzo, tra i due templi più piccoli. Ha anche registrato i nomi degli altri siti: il 'Tempio della Piccola Scimmia’, il 'Tempio Rosso' e, strano nome, il 'Tempio dello Sviluppo Economico'.
"Io non so come tempio abbia preso questo nome (lo sviluppo economico)", ammette Phann. "Forse viene dai Khmer Rossi. Dobbiamo studiare i nomi dei templi, (per sapere) se siano stati gli abitanti a dare i nomi o se il nome si riferisce ad una scritta".
Lui era contento, ma non completamente sorpreso dalla scoperta. Questo perché, più di 150 anni dopo che il viaggiatore francese Henri Mouhot aveva casualmente ‘scoperto’ Angkor Wat (la più famosa attrazione turistica della Cambogia, che è talvolta descritto come il più grande monumento religioso del mondo), gli archeologi che lavorano in Cambogia stanno ancora scoprendo antichi templi quasi ogni anno.
Ci sono circa quattromila siti archeologici conosciuti delle epoche di Angkor e pre-Angkor in Cambogia, tra templi, ponti, serbatoi, e teatri - e nuovi siti si aggiungono a questo inventario ogni anno, secondo Damian Evans, un archeologo dell'Università di Sydney che studia gli antichi templi cambogiani. Tuttavia, la maggior parte dei "templi" di recente scoperta non somiglia alla grandezza di Angkor Wat. Un tempio alto una decina di metri è una scoperta insolita, ha detto.
"Nel corso degli ultimi 20 anni, c’è stato un costante processo di ricerca di diverse centinaia di nuovi templi per anno," ha detto. "Ma è una scoperta piuttosto sorprendente il ritrovamento di templi di quella dimensione. Normalmente troviamo solo pile di mattoni, solo alcuni calcinacci a terra, alcuni vasi qua e là. Non tutti i giorni si trova una struttura con i muri ancora in piedi. "
Durante la sua carriera presso il Ministero della Cultura, Phann ha aggiunto decine antichi templi, da gran tempo perduti, alla mappa della Cambogia - probabilmente più di chiunque altro viva, dice Evans.


Il Tempio Rosso.
Foto cortesia Nady Phann.


Il Tempio del Lago dell’Acqua Nera.
Foto cortesia Nady Phann.


Il Tempio della Piccola Scimmia.
Foto cortesia Nady Phann.


Secondo Yern Hong, direttore del Dipartimento Cultura della provincia di Oddar Meanchay, i templi sono stati inizialmente scoperti dagli abitanti dei villaggi che sono andati nel bosco a raccogliere frutta e a caccia d’animali. Altri dicono che i templi sono stati trovati dai soldati dei Khmer rossi, che si nascondevano nella foresta vicino al confine con la Thailandia, mentre conducevano la lotta armata contro il governo. Ma, in entrambi i casi, essi non hanno informato le autorità nella capitale della Cambogia, ed è per questo che i templi non erano stati documentati o studiati dagli archeologi fino ad ora. Anche dopo che i funzionari hanno saputo dell’esistenza dei templi, non hanno potuto visitarli a causa della loro posizione remota nella giungla, inaccessibili da strade e circondati da campi minati. La pace era stata solo di recente restaurata in questa zona scarsamente popolata della Cambogia.
Mentre la capitale della Cambogia è stata liberata dal dominio genocida dei comunisti Khmer Rossi nel 1979, i combattimenti sono continuati in alcuni angoli remoti del paese - in particolare nei pressi del confine con la Thailandia – sino agli anni 1990. Secondo Keo Tann, il capo della polizia del distretto Traipang Prasat dove sono stati scoperti i templi, questa zona fu occupata dai Khmer Rossi fino al 1998 o 1999.
"Sia i Khmer Rossi sia i soldati governativi hanno posato campi minati. I Khmer Rossi si sono riconciliati con il governo, ma le mine sono ancora in terra, non sono andate da nessuna parte. Nessuno può andare lì perché anche i soldati che posarono le mine si sono dimenticati dove li abbiano messe", ha detto.
L’estrazione di pietre dalle aree intorno templi antichi era una pratica comune durante la guerra civile in Cambogia, perché le strutture di pietra potevano essere utilizzate come bunker, secondo Heng Ratana, il direttore generale del Centro cambogiano Mine Action (CMAC), agenzia governativa di sminamento del Paese.
La provincia Meanchay Oddar è una delle meno popolate in Cambogia. Christophe Pottier, un archeologo della Ecole Francaise d'Estremo Oriente, che lavora in Cambogia, ha detto che vi è un villaggio ogni circa 50 chilometri. I templi, nascosti dalla foresta, non si potevano vedere nelle foto aeree.
Negli ultimi anni, tuttavia, il rapido sviluppo economico del paese, alla fine della guerra, e la spinta a costruire e aprire più strade hanno portato più persone a spostarsi. Altri templi a lungo perduti hanno anche iniziato a venire alla luce a causa della deforestazione - negli ultimi dieci anni, molte aree di foreste vergini della Cambogia scomparso e il Paese, che era apparso per lo più verde nelle fotografie scattate dallo spazio, ora sembra marrone, come un giornale locale ha recentemente riferito.

Perché così tanti templi?
C'erano migliaia di templi di pietra nell’antica Angkor, che tra i sec. X e XIII si estendeva dal confine del Myanmar ad ovest e il Regno Champa nel sud del Vietnam ad est.
I Templi di Angkor, che sono stati costruiti per adorare divinità indù, furono eretti non solo dal re, ma anche da persone comuni, e sono stati anche costruiti per onorare gli antenati defunti, secondo il professore di storia Sombo Manara dell'Università reale di Phnom Penh. Nel tempo, non era raro che vecchi templi fossero abbandonati e nuovi templi costruiti altrove, portando ad un aumento spropositato del loro numero.
Trovare i templi storici dà una migliore idea circa l'esatta ubicazione e l'estensione del regno antico, e permette di studiare in che modo le popolazioni si trasferirono nel tempo.
"Ognuno di questi piccoli templi era un centro di una comunità dell'impero Angkor", ha detto Evans. "Per ragioni che non comprendiamo chiaramente, i templi sono stati abbandonati. Una volta Angkor crollato, tutta questa zona estesa crollò allo stesso tempo".
Alcune teorie ipotizzano che l'impero sia crollato dopo essere stato sconfitto da un’invasione siamese. Secondo altre versioni, i cambiamenti climatici o la siccità possono aver giocato un ruolo, o il fatto che l'induismo sia stato sostituito dal Buddismo, una religione più egualitaria.
Qualunque sia la ragione della morte di Angkor, Phann e altri archeologi continueranno la ricerca di più antichi templi in Cambogia. Nady ha detto che tornerà nella provincia Oddar Meanchey di nuovo nel prossimo futuro per esplorare ulteriormente la foresta – dato che ha sentito che ci sono altri templi al di là dei campi minati.
"Dobbiamo fare l'inventario di tutti i templi", ha detto. "Se sappiamo dove i templi si trovano, possiamo comunicare alle società (che operano nella regione) che vogliamo proteggere queste aree".


Tramonto su un tempio di Angkor Wat.
Alfred Boc, Wikimedia Commons.


I nomi dei templi perduti di Angkor
La maggior parte dei nomi che ora sono usati per riferirsi agli antichi templi dell'Impero di Angkor non sono originali, secondo Christophe Pottier, un archeologo dell’Ecole Francaise d'Estremo Oriente.
"Nel 98 per cento dei casi, i nomi attuali sono totalmente estranei ai nomi antichi", ha detto. "Nella regione di Angkor, sappiamo di templi che hanno cambiato nome tre volte in un secolo".
Inoltre, egli dice, "mentre alcuni templi cambiano spesso i loro nomi, altri condividono lo stesso nome. Abbiamo forse 20 templi di nome 'Prasat Pum', che significa 'il villaggio tempio' ".
Pottier spiega che quando gli archeologi trovano un antico tempio che era precedentemente sconosciuto per loro, di solito scrivono il nome che le popolazioni locali utilizzano, ma talvolta usano anche un nome nuovo ed unico.

Fonte: Popular Archaeology, giugno 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it