Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Jason Koebler
IL CEMENTO DEI ROMANI ERA ROBUSTO E PIU' ECOLOGICO


Il calcestruzzo ottenuto da un’antica miscela di cemento poteva essere migliore per l'ambiente e altrettanto forte come le miscele moderne.


Le rovine di un anfiteatro romano della città antica di Sabratha, sulla costa mediterranea di quella che oggi è la Libia. I ricercatori dicono che il cemento romano era più ecologico del cemento moderno.

Il segreto per ottenere un cemento forte, ma ben compatibile con l’ambiente, potrebbe essere stato in fondo al Mar Mediterraneo negli ultimi 2000 anni: I ricercatori ritengono che gli antichi romani realizzassero opere con un cemento più ecologico e durevole di quello moderno.
Il calcestruzzo è uno dei materiali da costruzione più utilizzati nel mondo moderno, ma il suo ruolo nella creazione di emissioni di carbonio è spesso trascurato. A livello mondiale, circa 19 miliardi di tonnellate di cemento vengono utilizzati ogni anno, e le alte temperature necessarie per produrlo sono responsabili fino al 7 per cento di tutte le emissioni di anidride carbonica umane.
"E' un materiale bello, è usato in tutto il mondo, ma il suo difetto è che usiamo troppo di esso. Non possiamo continuare con un uso come quello attuale", dice Paulo Monteiro, ricercatore presso il Dipartimento di Laboratorio Nazionale dell'Energia Lawrence Berkeley negli Stati Uniti. I suoi risultati sono stati pubblicati nel Journal of the American Ceramic Society. "Dobbiamo trovare modi alternativi di fare il cemento".
Monteiro e i suoi colleghi potrebbero aver trovato un'alternativa: il cemento "marino", usato dai Romani per le installazioni portuali nel Mediterraneo è realizzato con un diverso impasto rispetto al calcare e all’argilla in uso oggi, che permetteva una cottura al forno a una temperatura molto più bassa (circa 900°C, rispetto ai 1600°C e più richiesti per il moderno cemento "Portland"). Il risultato è un forte cemento che è meno dannoso per l'ambiente.
Gli ingegneri hanno avuto un certo successo utilizzando i sottoprodotti delle centrali a carbone, noti come "fly ash" per creare un tipo di cemento "verde", ma ci sono tante ceneri volanti che si disperdono, Monteiro dice. Così gli ingegneri potrebbero presto fare come facevano i Romani e utilizzare una miscela di cenere vulcanica e calcare.
"La cenere vulcanica è disponibile in una buona parte del mondo, di solito ci sono intere montagne di essa a seguito di una eruzione vulcanica," dice. "I Romani erano incredibilmente bravi a usarlo come materiale da costruzione."
Gli archeologi hanno a lungo conosciuto la formula romana per la creazione di questo tipo di calcestruzzo, ma è stato solo da poco tempo che Monteiro e il suo team hanno scoperto che l'antico calcestruzzo era resistente all’incirca come le miscele moderne. “La miscela dei romani ha i diversi inconvenienti: Ci vogliono diverse settimane di pres per raggiungere la sua forza potenziale piena, il che la rende difficile da utilizzare per progetti come dighe o ponti”. Ma la sua longevità, dice Monteiro, dice, è evidente.
"Volevano un calcestruzzo che potesse durare per sempre," dice. "Erano ingegneri pratici e bravi, e dalle rovine si può vedere che le loro opere hanno avuto una durata a lungo termine."

Fonte: US News, 4 giugno 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it