Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Owen Jarus, LiveScience
ALTRE TRACCE DEI VICHINGHI IN NORD AMERICA


Un'immagine che mostra parte della costa di Notre Dame Bay. Al tempo del viaggio dei vichinghi questa zona era abitata dagli antenati del popolo Beothuk. La terra è anche ricca di foreste, in netto contrasto con le terre relativamente più aride del Nord Atlantico in cui i vichinghi avevano navigato in precedenza. Era anche ricca di pesci, uccelli e mammiferi marini e la temperatura era più calda. CREDITO: Kevin Smith.


Circa 1000 anni fa, i Vichinghi partirono per un viaggio a Notre Dame Bay, nell’attuale isola di Terranova, Canada, come nuove prove suggeriscono.
I Vichinghi, o Norvegesi, sarebbero partiti da L'Anse aux Meadows, sulla punta settentrionale della stessa isola, verso una parte densamente popolata di Terranova e ciò potrebbe aver portato al primo contatto tra gli europei e gli indigeni del Nuovo Mondo.
"E’ una cosa eccitante il pensiero di questo primo contatto", ha detto Kevin Smith, vice direttore e capo curatore del Museo Haffenreffer di Antropologia presso la Brown University.
La prova del viaggio è stata scoperta da una combinazione di scavo archeologico e di analisi chimica dei due manufatti di diaspro che i Norvegesi usarono per accendere fuochi. L'analisi, presentata al meeting annuale della Society for American Archaeology a Honolulu, suggerisce che il diaspro utilizzato nei manufatti venisse dalla zona di Notre Dame Bay.


I manufatti di diaspro sono stati trovati all'Anse aux Meadows e gli esploratori norvegesi probabilmente si stabilirono in tale avamposto. Poi si sarebbero diretti verso sud, viaggiando circa 143 miglia (230 chilometri) sino a Notre Dame Bay. Quando hanno raggiunto la loro destinazione i norvegesi avrebbero messo piede in una zona di Terranova che i ricercatori moderni conoscono all’epoca come ben abitata.


"Questa zona di Notre Dame Bay [è] archeologicamente l'area più densa di insediamento in Terranova, a quel tempo, dei popoli indigeni, gli antenati dei Beothuk," un popolo che, allora, viveva nelle condizioni di cacciatori-raccoglitori, Smith ha detto a LiveScience.
A parte il probabile incontro con gli antenati dei Beothuk, i norvegesi sarebbero stati probabilmente colpiti dal paesaggio stesso. La costa ha fiordi, insenature e isole in mare aperto, con molte foreste. Uccelli, mammiferi marini e pesci inoltre sarebbero stati abbondanti.
"Per chiunque provenisse dalle isole quasi prive di alberi del Nord Atlantico, questa sarebbe potenzialmente stata una zona molto interessante", ha detto Smith. "Ci sono molti alberi, ci sono un sacco di opportunità per facilitare la vita, è un po' più caldo, è un interessante mix di risorse".
Per qualsiasi navigatore norvegese, sarebbe stato comunque un panorama familiare. E comunque avrebbe fatto impressione, però, dal momento che le terre da loro percorse nel loro viaggio attraverso il Nord Atlantico tendevano ad essere più sterili.
I ricercatori non conoscono le specifiche modalità del contatto tra i norvegesi e i Beothuk ancestrali in questo viaggio, pur presumendo che esso sia effettivamente accaduto. Avrebbe potuto essere un incontro pacifico, anche se le saghe norvegesi raccontano anche di incontri ostili con persone del Nuovo Mondo. Inoltre, mentre il possibile incontro probabilmente sarebbe stato uno dei primi incontri fra il Vecchio Mondo e il Nuovo Mondo, i ricercatori non sanno se fosse il primo in assoluto.
I due manufatti di diaspro erano pezzi chiave di prove che hanno aiutato i ricercatori a svelare l'esistenza del viaggio.


Questo diaspro per accendere il fuoco è stato trovato nel 2008 a soli 33 piedi (10 metri) di distanza da una sala vichinga a L'Anse aux Meadows, l'unico insediamento norvegese nel Nuovo Mondo. CREDITO: Kevin Smith.


La scoperta è stata fatta da Priscilla Renouf, professoressa alla Memorial University di Newfoundland, e Todd Kristensen, che ora è uno studente laureato presso l'Università di Alberta.
"Si può pensare a questi oggetti quasi come fossero gli accendini dei Vichinghi", ha detto Smith. I Norvegesi li avrebbe sbattuti contro un pezzo d’acciaio d'avviamento per fare scintille per accendere il fuoco, ha spiegato. Col passare del tempo, e dopo essere stati colpiti ripetutamente contro l'acciaio, gli accendifuoco di diaspro non funzionavano più e sono stati gettati via.
La composizione chimica del diaspro varia a seconda di dove è stato cavato. Per capire da dove provenga il più grande diaspro per accendere fuoco, Smith, della Thomas Urban University di Oxford, e Susan Herringer della Brown University Joukowsky, Istituto di Archeologia e Mondo Antico, hanno cercato gli affioramenti del nuovo (o vecchio) Mondo chimicamente abbinati ad esso. Hanno confrontato l’accendifuoco con campioni geologici utilizzando un dispositivo di fluorescenza a raggi X portatile che può rilevare la firma chimica del diaspro.
I risultati suggeriscono il diaspro provenisse dalla zona di Notre Dame Bay, da qualche parte lungo un tratto di costa di 71 km. La composizione chimica più vicina era quella di un campione geologico dalla moderna Fortune Harbor.
Il secondo, più piccolo pezzo di diaspro è stato portato alla luce nel 1960 in scavi condotti da Helge e Anne Stine Ingstad, che hanno scoperto L'Anse aux Meadows. Diversi test eseguiti su questo pezzo hanno suggerito nel 1999 che è venuto anche dalla zona di Notre Dame Bay. All'epoca Smith non poteva dimostrare che fosse stato utilizzato come accendifuoco, ma ora ritiene probabile che lo fosse.
Fin dalla scoperta di L'Anse aux Meadows quasi 50 anni fa, gli archeologi e gli storici hanno cercato di scoprire la storia delle esplorazioni vichinghe nel Nuovo Mondo.
Precedenti ricerche hanno rivelato la presenza di semi di butternut (una zucca commestibile) a L'Anse aux Meadows, che rivelavano che i Norvegesi fecero un viaggio nel Golfo di San Lorenzo o forse anche un po 'oltre. Inoltre, manufatti norvegesi (e, forse, di una struttura complessa) sono stati scoperti nell'Artico canadese, il che indica un rapporto commerciale con gli indigeni locali che potrebbe essere durata per secoli.
Tuttavia, l'avamposto di esplorazione norvegese a L'Anse aux Meadows è stato in funzione per non più di 10 - 25 anni, secondo quanto l'evidenza archeologica suggerisce. In realtà, secondo le storie norvegesi medievali, l'avamposto potrebbe essere stato in uso per soli due o tre anni, e forse solo stagionalmente, prima di essere abbandonato.
La nuova ricerca, Smith ha detto, ha dimostrato vi è ancora molto da imparare sulle esplorazioni norvegesi nel Nuovo Mondo.
"E 'provocatorio," ha detto. "E 'interessante pensare a dove questo può condurre".

Fonte: Articolo originale su LiveScience.com, 5 giugno 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it