Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Associated Press
I MANOSCRITTI DI TIMBUKTU - AGGIORNAMENTO


I radicali islamici hanno distrutto 4.000 antichi manoscritti durante la loro occupazione di Timbuktu, secondo gli accertamenti di una missione di esperti delle Nazioni Unite. Il danno ammonta a circa un decimo dei manoscritti che sono ammassati nel nord della città leggendaria.
La maggior parte dei documenti, che risalgono anche al XIII secolo, è stata salvata dalla devozione dei custodi della biblioteca del Mali, che li hanno portati fuori dalla città occupata in sacchi di riso, su carri trainati da asini, in moto, in barca e in 4x4.
I funzionari stanno attualmente cercando di determinare quanti di questi documenti sono stati digitalizzati prima della loro distruzione o scomparsa, ha detto David Stehl, specialista programma nella sezione culturale dell'UNESCO, l'organismo delle Nazioni Unite, che nel 1988 ha aggiunto i monumenti di Timbuktu alla sua lista dei siti Patrimonio dell'Umanità.
"Dei 46.000 manoscritti che erano in consegna all'Istituto di Istruzione Superiore e di Ricerca Islamica Ahmed Baba, 4203 manoscritti sono stati o bruciati dagli islamisti o rubato," Stehl ha detto durante una visita a Timbuktu questa settimana. Le autorità avevano stimato che meno del 5 per cento del patrimonio della biblioteca era stato distrutto, ma la stima attuale è notevolmente superiore. Stehl ha detto che la missione di esperti ha individuato altri mausolei storici che ritiene siano stati danneggiati o distrutti durante l'occupazione, portando il totale da nove a 16.
Insieme al resto del nord del Mali, Timbuctu è stata occupata dai radicali islamici a seguito di un colpo di stato militare nel marzo 2012.
Gli estremisti collegati con al-Qaida sono stati cacciati dalle città del Nord a seguito dell'intervento militare francese, lanciato lo scorso gennaio, ma non prima che essi bruciassero i manoscritti sui quali potevano mettere le mani . Molti dei documenti, però, erano ammassati in un vecchio edificio appartenente al centro. Essi sono stati avventurosamente trasferiti alla capitale del sud di Bamako usando come contenitori sacchi di riso vuoti.
Stehl ha detto che i funzionari sono desiderosi che tali documenti tornino a Timbuktu. "Stiamo lavorando alla sicurezza dei manoscritti trasferiti a Bamako e per creare le condizioni per la loro conservazione, perché il clima di Bamako non è favorevole alla conservazione di manoscritti", ha detto Stehl.
Fino a $ 2 milioni sono necessari per iniziare il recupero dei manoscritti e il ripristino dei mausolei, tra le altre iniziative previste per riabilitare Timbuktu, ha detto. Ha detto che il supporto viene da Unione europea, Norvegia, Svizzera e Germania.

Fonte: Hurriyet Daily News (Turchia), 3/7/2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it