Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Ulf Laessing, Reuters
IN LIBIA DISTRUGGONO L'ARTE RUPESTRE PREISTORICA



Tadrart Acacus, Libia


Vandali hanno distrutto arte rupestre preistorica nel sud della Libia senza legge, mettendo in pericolo un complesso di dipinti e sculture classificati dall'UNESCO come di "eccezionale valore universale".
Situato lungo la punta sud-occidentale della Libia al confine con l'Algeria, il massiccio montuoso Tadrart Acacus è famoso per le migliaia di pitture rupestri e incisioni risalenti fino a 14000 anni fa.
L'arte, dipinta o scolpita sulle rocce intramezzate da spettacolari dune di sabbia, ha fatto da vetrina a flora e fauna del Sahara, per lunghe migliaia di anni.
Vi si vedono, tra le rappresentazioni più rilevanti, anche un enorme elefante scolpito su una roccia così come giraffe, mucche e struzzi, in grotte risalenti a un'epoca in cui la regione non era un deserto inospitale.
Ora, in una visita all'estremo sud della Libia, Reuters ha trovato molti dipinti distrutti o danneggiati da spray, graffiti o dalle iniziali intagliate da visitatori.
I funzionari turistici di Ghat, la grande città più vicina, hanno detto che il vandalismo è iniziato attorno al 2009, quando un ex dipendente libico di un tour operator straniero ha spruzzato su numerosi dipinti per rabbia, dopo essere stato licenziato.
Ma la distruzione si è accelerata dopo la guerra civile del 2011 che ha spodestato il dittatore Muammar Gheddafi e poi ha immerso il tentacolare paese nordafricano in una diffusa anarchia armata.
Mentre turisti e archeologi stavano lontani per motivi di sicurezza, i cacciatori hanno preso possesso del massiccio dell'Acacus, sparando a gran parte della fauna selvatica che popola il paesaggio arido, aspro.
Le armi sono disponibili ovunque in questi giorni in un paese dove il governo centrale, con sede a Tripoli, lontana a nord, sulla costa del Mediterraneo, esercita un'autorità scarsa e le forze armate nascenti sono divise per tribù e milizie armate.
"La distruzione non sta solo colpendo i dipinti, ma anche la riserva naturale. I cacciatori sono da biasimare", ha detto Ahmed Sarhan, un funzionario del ministero del turismo a Ghat.
"E' un problema anche in Algeria. Le autorità sono troppo deboli per fermarlo", ha detto, aggiungendo che animali selvatici come gazzelle e lupi erano stati quasi estinti dall’azione dei cacciatori locali.
"L’Acacus contiene alcuni dei paesaggi più straordinari del mondo e le sue meraviglie naturali sono uniche" l'UNESCO, l'agenzia culturale delle Nazioni Unite, ha detto sul suo sito web. L'UNESCO ha classificato Acacus come Patrimonio Mondiale, uno dei 981 siti riconosciuti a livello mondiale per il loro eccezionale valore universale per l'umanità. "Un tempo molti turisti visitavano l'area, e in particolare Acacus, dal momento che è una delle migliori località turistiche in Libia", ha detto al-Amin al-Ansari, un tour operator locale. "La distruzione dei dipinti è deplorevole", ha detto, in piedi davanti a una grotta con pitture dissacrate di cammelli e altri animali.

Copyright © 2014, Reuters

Fonte: Chicago Tribune, 3 giugno 2014.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it