Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Anna Liesowska
ANCHE I BAMBINI LAVORAVANO AGLI ANTICHI GEOGLIFI


Nuovi dettagli sull’alce gigante in Siberia - gli archeologi confermano che la struttura in pietra è la più antica del mondo.


L'alce è stato scoperto per caso dal ricercatore locale Alexander Shestakov.
Immagine: Stanislav Grigoryev

I bambini sono stati coinvolti nella costruzione di un geoglifo negli Urali, che è stato scoperto solo grazie alle immagini riprese dallo spazio. Gli archeologi hanno dichiarato che esso è più antico delle famose Linee di Nazca del Perù di migliaia di anni. Ma essi non sanno rispondere perché l'uomo antico l’abbia fatto, non si può ancora capire quale gruppo umano abbia costruito il geoglifo; le tracce archeologiche trovate finora nella zona non mostrano una cultura con raffinatezza sufficiente.
Era fatto per impressionare gli dei, o per qualche altro scopo?
Gli esperti hanno esaminato la struttura in pietra gigante a forma di alce da quando è stata scoperta nel 2011 e hanno ora confermato che è la più antica del mondo.
Situata vicino al Lago Zyuratkul nei monti Urali, si estende per circa 275 metri e raffigura un animale a quattro zampe, con i palchi sulla testa e un muso lungo.
Due anni fa, i ricercatori hanno stimato che il sito potrebbe risalire fino a 6000 anni a.C., in base allo stile del lavoro, chiamato scheggiatura litica.
Ora nuovi dettagli sul geoglifo sono stati rilasciati in quanto gli archeologi hanno rivelato che molto probabilmente fu creato tra il 3000 e il 4000 a.C.








Il geoglifo è stato trovato nel Parco Nazionale di Zyuratkul, su una terrazza ad un'altitudine di 860 metri.
Foto: Stanislav Grigoryev

Forse lo sviluppo più interessante è che gli strumenti trovati nel sito indicano che al lavoro c’erano assiduamente dei bambini così gli adulti, in una realizzazione comunitaria su larga scala. Di 155 strumenti trovati accanto al geoglifo, la maggior parte sono stati utilizzati per scavare o rompere le pietre.
Stanislav Grigoryev, un ricercatore senior dell’Istituto di Storia e Archeologia di Chelyabinsk, ha detto: “A giudicare dalle diverse dimensioni degli strumenti - da 17 centimetri di lunghezza e dal peso di circa tre chilogrammi ad alcuni di soli due centimetri - si può supporre che siano stati utilizzati sia da adulti sia da bambini. Possiamo anche supporre che ciò significhi che tutti hanno partecipato a creare l'alce.
Ma non era una sorta di lavoro di bambini in schiavitù. Sono stati coinvolti a condividere valori comuni, ad aderire qualcosa di importante per tutto il popolo”.
L'alce è stato scoperto per caso nel 2011 dal ricercatore locale Alexander Shestakov, dopo che lo vide apparire attraverso le immagini satellitari di Google Earth.
Egli allertò gli archeologi, che inviarono un idrovolante e un parapendio a controllare la zona, prima che una prima spedizione al sito fosse intrapresa. Il geoglifo è stato trovato 200 km ad ovest di Chelyabink, nel Parco Nazionale di Zyuratkul, situato su una terrazza ad un'altitudine di 860 metri.











“E' ovvio che la sua creazione ha una grande importanza sociale. I geoglifi sono i simboli di unità”.
Foto: Stanislav Grigoryev


Inizialmente il lavoro sul campo ha trovato che semplici tecniche erano state usate per creare l'alce, scavando l’erba e la terra su 10 metri di larghezza a fare la sua forma prima di essere colmato con pietre. “La figura inizialmente sarebbe apparsa bianca e leggermente brillante, contro lo sfondo dell'erba verde”, ha detto.
Diversi metodi sono stati praticati per rendere le varie parti del geoglifo; per esempio, una miscela di argilla e pietrisco è stata utilizzata per rendere gli zoccoli. Quando una parte della zampa posteriore è stata scavata, gli archeologi hanno trovato che le pietre più grandi erano sui bordi, e le più piccole all'interno. Mentre ci sono analogie con le famose Linee di Nazca, in Perù, e per i geoglifi in Inghilterra - come il cavallo bianco in Oxfordshire o il Gigante del Dorset - gli esperti ritengono che non ci siano collegamenti.
Scoperte nel 1927, le Linee di Nazca contengono centinaia di linee, forme e disegni di animali, le prime delle quali sono state create intorno al 500 a.C. Invece, dicono gli archeologi, l'alce russo è stato disegnato in uno stile simile ai petroglifi che si trovano in Finlandia. Gli scavi della terra vicina potrebbero fornire ulteriori indizi utili a capire le sue origini e le persone che l’hanno realizzato. La datazione al radiocarbonio è stata effettuata, restringendo il periodo in cui il geoglifo è stato creato tra il 3000 a.C. e il 4000 a.C., circa 5.000 o 6.000 anni fa.
Ma ulteriori test sono necessari - per esempio la datazione con la luminescenza, così come l'analisi del polline - e sono previsti.
Mr. Grigoryev ha detto: “Può essere utile se troviamo ceramica sul sito. La ceramica potrebbe aiutarci a stabilire la data e nella comprensione di chi fossero quelle persone che hanno creato il geoglifo. Non è del tutto chiaro chi fossero i costruttori. E' ovvio che la sua creazione ha una grande importanza sociale. I geoglifi sono simboli di unità”.
Gli archeologi ancora non possono capire l'identità del sofisticato gruppo sociale che ha lavorato nella massiccia operazione di costruzione di una struttura visibile dallo spazio.
“I fatti dicono che su questo territorio nel Neolitico ed Eneolitico Evo vivevano cacciatori e pescatori. Abbiamo effettuato lavori archeologici sul sito di un insediamento nelle vicinanze, sulla riva del lago, sulla base del presupposto che i costruttori del geoglifo potessero vivere lì. La gente ha vissuto qui fin dall'epoca neolitica, ma non c'era alcun segno di grandi strutture sociali, né che avessero fatto qualcosa di diverso da caccia e pesca”, ha detto Stanislav Grigory. “Mi imbarazza molto, continuo a pensare alle persone che hanno costruito il geoglifo, e al loro scopo”.





Stanislav Grigoryev in cima al crinale della montagna Zyuratkul.
Foto: Stanislav Grigoryev


Il team di ricerca ha trovato tracce di due antichi focolari presso il sito delle alci, entrambi usati solo una volta, possibilmente in un rituale significativo. Nonostante le molte domande senza risposta, il signor Grigoryev ha messo in guardia contro un futuro scavo su larga scala e ha detto che i funzionari dovrebbero prendere in considerazione il fatto di preservare la sacralità del luogo. Al momento si tratta del più antico geoglifo conosciuto al mondo, risalente al 4000 a.C. circa.
“I geoglifi di Nazca sono più recenti, come lo sono quelli del Regno Unito, anche se ci potrebbe essere qualcosa di età comparabile in Gran Bretagna. Ma al momento questo di Zyuratkul è il più antico, ed è più grande figura del mondo, per quanto riguarda le figure geometriche o zoomorfe, perché ci sono linee molto lunghe in Nasca, ma qui si parla di figura. Quindi non è il geoglifo più grande ma la più grande figura realizzata in geoglifo.
Potrebbe diventare un'attrazione turistica con un museo, ma abbiamo bisogno di pensare come potrebbe essere valorizzata”.
Una domanda interessante è se altri geoglifi possano diventare visibili se i ricercatori analizzano Google Earth in dettaglio.
Circa 50 geoglifi con varie forme e dimensioni, tra cui una svastica enorme, sono stati recentemente scoperti in tutto il Kazakistan settentrionale. Non c'è dubbio che le persone si sentano eccitate a vedere l'alce. Il giornalista russo Yevgeny Bezborodov, originario della Siberia, ha detto: “E' raro quando si filma qualcosa di veramente esclusivo - e questo è quello che abbiamo ottenuto negli Urali del sud”.

Teorie sui geoglifi

1. CULTO

Con strumenti per lavorare di natura primitiva, può essere che geoglifi siano stati le prime forme di statue ad essere adorato. Questo potrebbe essere certamente vero per il Long Man di Wilmington, in Inghilterra, che è pensato risalire al lontano 2000 a.C. ed è il più alto in Europa. Alcuni esperti dicono che la figura è una rappresentazione di un dio della guerra anglosassone e il sito è considerato sacro dai pagani.


2. ASTRONOMIA

Una manciata di archeologi credono che i geoglifi possano essere stati disegnati per rappresentare le stelle importanti, eventi planetari come i solstizi del sole, o costellazioni. Tuttavia uno studio del 1968 dalla National Geographic Society ha rilevato che, mentre alcune delle linee di Nazca puntavano verso le posizioni del Sole e della Luna, ci si poteva aspettare che si trattasse di puro caso.

3. ANTICHI CODICI DI AVVIAMENTO POSTALE?

C'è una teoria che sostiene che i geoglifi fossero semplicemente modi in cui alcune civiltà segnavano il proprio territorio in modo chiaro e visibile. Il più delle volte si tratta di strutture giganti in aree che possono essere viste da lontano o da un alto punto di vista, portando alcuni esperti a dire che sono state usate per contrassegnare la proprietà della terra.

4. PUNTI RITUALI E DI PREGHIERA

La scoperta di focolari presso l’alce in Russia e altri geoglifi aggiunge alla speculazione che essi possono essere stati utilizzati per i rituali. C'è una teoria secondo la quale i Nazca erano soliti ballare lungo le linee dei loro geoglifi quando pregavano per la pioggia, e molte delle stesse immagini erano riprodotte sulla ceramica del tempo.

5. ALIENI

Una teoria comune ancora più bizzarra sugli strani segni presenti sulla terra è che essi siano stati utilizzati dagli alieni. Molti ipotizzano che le rette di Nazca, per esempio, fossero create come piste per astronavi, ma perché gli extraterrestri avrebbero tentato di atterrare su geoglifi a forma di scimmie, ragni giganti, o alci russi è un'altra questione.

Fonte: Siberian Times,3 novembre 2014.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it