Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
NON FU IL CLIMA A PORRE FINE ALL’ETÀ DEL BRONZO


Il declino della popolazione è da attribuire ad altri fattori, dicono gli scienziati.
Gli scienziati devono trovare spiegazioni alternative per un enorme crollo della popolazione in Europa alla fine dell'età del bronzo, poiché i ricercatori dimostrano definitivamente che il cambiamento climatico - comunemente assunto come responsabile - non avrebbe potuto esserne la causa.
Gli archeologi e gli scienziati ambientali delle Università di Bradford, Università di Leeds, University College Cork, Irlanda (UCC), e della Queen University di Belfast hanno infatti dimostrato che i cambiamenti del clima, che gli scienziati ritenevano concomitanti con il calo della popolazione, si sono verificati almeno due generazioni successive.
I loro risultati, pubblicati questa settimana negli Atti della National Academy of Sciences, dimostrano che l'attività umana iniziò a diminuire dopo il 900 a.C. e decadde rapidamente dopo l’800 a.C., il che indica un crollo della popolazione. Ma le serie climatiche mostrano che condizioni più fredde e umide non si verificarono sino a circa due generazioni più tardi.
Le oscillazioni dei livelli di attività umana nel tempo si riflettono sul numero di datazioni al radiocarbonio per un determinato periodo. Il gruppo ha utilizzato nuove tecniche statistiche per analizzare più di 2000 date al radiocarbonio, tratte da centinaia di siti archeologici in Irlanda, per individuare le date precise in cui in Europa si è verificato il crollo della popolazione dell’età del bronzo.
Il gruppo ha poi analizzato le serie climatiche del passato dai depositi delle torbiere in Irlanda e ha confrontato i dati archeologici a queste registrazioni climatiche per vedere se le date corrispondessero. Tale informazione è stata poi confrontata con l'evidenza del cambiamento climatico in tutto il NW dell’Europa tra il 1200 e il 500 a.C.
"La nostra prova dimostra definitivamente che il declino della popolazione in quel periodo non può essere stato causato dai cambiamenti climatici", afferma Ian Armit, docente di Archeologia presso l'Università di Bradford, e autore principale dello studio.
Graeme Swindles, Professore Associato di Dinamica dei sistemi Terrestri presso l'Università di Leeds, ha aggiunto: "Abbiamo trovato prove evidenti per un rapido cambiamento climatico a condizioni molto umide, che siamo stati in grado di individuare con precisione al 750 a.C. con metodi statistici".
Secondo il professor Armit, lo stress sociale ed economico è stato la causa più probabile della improvvisa e diffusa caduta demografica. Le comunità che producevano il bronzo dovevano viaggiare su lunghe distanze per ottenere il rame e lo stagno. Il controllo delle vie commerciali permise la crescita di complesse società gerarchiche dominate da una élite guerriera. Quando la produzione di ferro divenne più importante, queste reti crollarono, portando ad un conflitto diffuso e al collasso sociale. Può essere che queste condizioni sociali instabili, piuttosto che il cambiamento climatico, conducessero al crollo della popolazione alla fine dell'Età del Bronzo.
Secondo Katharina Becker, Docente presso il Dipartimento di Archeologia UCC, la tarda età del bronzo è generalmente vista come un momento di abbondanza, a differenza della povertà della prima età del ferro. "I nostri risultati mostrano che la ricca presenza di manufatti dell'età del bronzo non fornisce un quadro completo e che la crisi è iniziata prima di quanto si pensasse", dice.
"Anche se il cambiamento climatico non è stato direttamente responsabile del crollo è probabile che le condizioni climatiche avverse avrebbero colpito l'agricoltura", aggiunge il professor Armit.
"Questo avrebbe provocato condizioni particolarmente difficili per le comunità vulnerabili, impedendo così il recupero della popolazione per diversi secoli".


Dipinto raffigurante la caduta di Troia, un simbolo del crollo della civiltà della tarda età del bronzo.
Wikimedia Commons


I risultati hanno un significato per i moderni dibattiti sull’attuale cambiamento climatico che, sostiene il professor Armit, sono spesso troppo veloci per collegare gli eventi climatici storici con i cambiamenti della popolazione.
"L'impatto del cambiamento climatico sugli esseri umani è un problema enorme oggi, poiché monitoriamo l'aumento delle temperature a livello globale," dice il professor Armit.
"Spesso, in sede di esame del passato, siamo inclini a collegare le prove del cambiamento climatico con evidenze di cambiamenti della popolazione. In realtà, se si dispone di dati di alta qualità e si applicano tecniche analitiche moderne, si ottiene un quadro molto più chiaro e si inizia a vedere la vera complessità delle relazioni uomo / ambiente nel passato".

______________________________________________

Fonte: Università di comunicato stampa Bradford.

Il documento di ricerca dettagliato: "Rapid climate change did not cause population collapse at the end of the European Bronze Age", by Ian Armit, Graeme Swindles, Katharina Becker, Gill Plunkett and Maarten Blaauw, è pubblicato in Proceedings of the National Academy of Sciences nella settimana del 17 novembre 2014.

Fonte: Popular Archaeology, Ed. Autunno, 17 novembre 2014.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it