Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Rossella Lorenzi
UN MONACO MUMMIFICATO NELLA STATUA DI BUDDHA



La scansione rivela il corpo di un monaco buddista all'interno della statua di Buddha, di quasi 1000 anni fa.
Credito: Museo Drents.


I ricercatori del Museo Drents in Olanda hanno fatto una scoperta scioccante quando hanno ripreso la radiografia di un'antica statua cinese e hanno trovato all’interno una mummia di quasi 1000 anni fa.
Seduta nella posizione del loto, la mummia s’inserisce perfettamente all'interno della statua.
"All'esterno, sembra una grande statua di Buddha", il museo detto in un comunicato. "La ricerca tramite la radiografia ha dimostrato che all'interno c’è la mummia di un monaco buddista che visse intorno all'anno 1100".
All’interno della fusione in oro della statua, lo scheletro umano è ritenuto essere quello del maestro buddista Liu Quan, membro della Meditazione Scuola cinese.
Per approfondire le ricerche sulla mummia, i ricercatori hanno inviato la statua al Meander Medical Center di Amersfoort e hanno fatto compiere una endoscopia e una scansione TC supplementare.
Hanno scoperto che gli organi interni di Liu Quan sono stati rimossi e sostituiti con fogli scritti, coperti in scrittura cinese.
Il museo pensa che Liu Quan possa essersi "auto-mummificato", al fine di diventare un "Buddha vivente".
Praticata soprattutto in Giappone, l'auto-mummificazione era un processo estenuante che richiedeva al monaco di seguire una dieta rigorosa di 1000 giorni di noci e semi, per liberare il corpo dal grasso. Una dieta di corteccia e radici seguiva per altri 1000 giorni.
Alla fine di questo periodo, il monaco cominciava a bere un tè velenoso fatto dalla linfa dell'albero di vernice giapponese, normalmente utilizzata per laccare ciotole e piatti. Il tè provocava un vomito profuso nonché la rapida perdita di fluidi corporei, rendendo anche il corpo troppo tossico per essere mangiato dai batteri e dagli insetti.
Ridotto a uno scheletro vivente, il monaco era poi messo in una tomba di pietra appena più grande del suo corpo, che era dotata di una preso d'aria e una campana.
Senza muoversi dalla posizione del loto, il monaco avrebbe suonato il campanello ogni giorno per permettere a coloro che stavano fuori di sapere che era ancora vivo. Quando la campana avesse smesso di squillare, il monaco sarebbe stato creduto morto, il tubo dell'aria sarebbe stato rimosso e la tomba sigillata.
Dopo altri 1000 giorni, la tomba sarebbe stata aperta per verificare se il monaco era stato mummificato con successo. Delle centinaia di monaci che provarono questo processo terrificante, solo poche decine riuscirono in realtà ad auto-mummificarsi e furono venerati nei templi come Buddha.
I ricercatori non sono certi di quando o come gli organi di questo monaco fossero rimossi e poi sostituiti con gli scritti.
La statua di Buddha è attualmente in mostra al Museo Nazionale di Storia Naturale di Budapest.
Rimarrà lì sino a maggio.

Fonte: Discovery News, 23 febbraio 2015.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it