Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Owen Jarus
GESÙ DESCRITTO COME UN MUTANTE IN ANTICO TESTO EGIZIANO


In un racconto della storia della Passione, scritto 1200 anni fa, Gesù cena con Ponzio Pilato prima della sua crocifissione. La sua cena con gli apostoli (e il successivo arresto) accadono il martedì invece del giovedì.
Un testo egiziano recentemente decifrato, risalente a circa 1200 anni, racconta parte della storia crocifissione di Gesù con colpi di scena apocrifi, alcuni dei quali non sono mai stati visti prima.
Scritto in lingua copta, l'antico testo racconta di Ponzio Pilato, il giudice che autorizzò la crocifissione di Gesù, a cena con Gesù prima della sua crocifissione, che si offre di sacrificare il proprio figlio al posto di Gesù. Esso spiega anche perché Giuda usò un bacio, in particolare, per tradire Gesù - perché Gesù aveva la capacità di cambiare forma, secondo il testo - e pone il giorno dell'arresto di Gesù il martedì sera piuttosto che il giovedì sera, qualcosa che contravviene il consueto svolgimento degli eventi del tempo di Pasqua.
La scoperta del testo non significa che questi eventi siano realmente accaduti, ma che alcune persone che vivevano al momento sembrano aver creduto in loro, ha detto Roelof van den Broek, dell'Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, che ha pubblicato la traduzione del libro "Pseudo-Cirillo di Gerusalemme sulla vita e la Passione di Cristo"(Brill, 2013).
Copie del testo si trovano in due manoscritti, uno nella Morgan Library and Museum di New York e l'altro presso il Museo della University of Pennsylvania. La maggior parte della traduzione deriva dal testo New York, perché il testo pertinente nel manoscritto Pennsylvania è in gran parte illeggibile.

Ponzio Pilato a cena con Gesù

Mentre le storie apocrife su Pilato sono conosciute sin dai tempi antichi, van den Broek ha scritto in una e-mail a LiveScience che non ha mai visto questo prima, con Pilato che si offre di sacrificare il proprio figlio al posto di Gesù.


Antico testo con la storia della Pasqua di Gesù.
Un ricercatore ha decifrato un testo copto di 1200 anni, che racconta parte della Passione (la storia di Pasqua), con colpi di scena apocrifi. Qui, una croce a decorazione del testo, di cui ci sono due copie, la meglia conservata nella Biblioteca Morgan e Museum di New York City.
Immagine per gentile concessione della Pierpont Morgan Library.


"Senza ulteriori indugi, Pilato preparò un tavolo e mangiò con Gesù il quinto giorno della settimana. E Gesù benedisse Pilato e tutta la sua casa", recita parte del testo tradotto. Quindi Pilato disse a Gesù: "beh, allora, ecco, la notte è venuta, alziamoci e ritiriamoci, e quando arriverà la mattina e mi accuseranno a causa di voi, io darò loro l'unico figlio che ho, in modo che lo possano uccidere in vostro luogo."
Nel testo, Gesù lo conforta, dicendo: "Oh Pilato, sei stato ritenuto degno di una grande grazia perché hai dimostrato una buona disposizione nei miei confronti." Gesù mostra anche a Pilato che egli può evitare la propria scelta. "Pilato, poi, guardò Gesù ed ecco, Egli divenne incorporeo: non lo vide per molto tempo ...", recita il testo.
Pilato e sua moglie hanno entrambi visioni notturne che mostrano un'aquila (che rappresenta Gesù) che viene uccisa.
Nelle chiese copte ed etiopi, Pilato è considerato come un santo, il che spiega il ritratto simpatico fatto di lui nel testo, scrive van den Broek.

La ragione del bacio di Giuda

Nella Bibbia canonica l'apostolo Giuda tradisce Gesù in cambio di denaro, utilizzando un bacio per identificarlo e farlo arrestare. Questo racconto apocrifo spiega che la ragione per cui Giuda utilizzò un bacio, in particolare, è che Gesù aveva la capacità di cambiare aspetto.
"Allora i Giudei dissero a Giuda: Come possiamo arrestare lui [Gesù], che non ha una sola forma, ma muta, e il suo aspetto a volte è rubicondo, a volte è bianco, a volte è rosso, a volte è del colore del grano, a volte è pallido come un asceta, a volte è un giovane, a volte un vecchio ... "
Questo porta Giuda a suggerire di utilizzare un bacio come un mezzo per identificarlo. Se Giuda avesse dato una descrizione di Gesù a coloro che dovevano arrestarlo, Egli avrebbe potuto avere cambiato forma. Baciando Gesù, Giuda indica esattamente chi è.
Questa spiegazione del bacio di Giuda viene da lontano. "Questa spiegazione del bacio di Giuda si trova prima di tutto in Origene [un teologo che visse negli anni 185-254]," van den Broek scrive. Nella sua opera Contro Celso l’antico autore Origene ha affermato che "a quelli che l’hanno visto Lui [Gesù] non si è presentato allo stesso modo a tutti."

La rappresentazione di San Cirillo

Il testo è scritto nel nome di San Cirillo di Gerusalemme che ha vissuto nel corso del quarto secolo. Nella storia, Cirillo racconta la storia di Pasqua come parte di un'omelia (un tipo di discorso). Un certo numero di testi in tempi antichi avevano la pretesa di essere omelie di San Cirillo e non erano probabilmente scritti dal santo nella vita reale, come van den Broek ha spiegato nel suo libro.



Antico testo in lingua copta.
Ecco parte del testo del manoscritto con la storia della Passione di Gesù.
Trovato in Egitto, nel 1910 fu acquistato, insieme ad altri manoscritti, da J.P. Morgan nel 1911 e fu poi donato al pubblico.
Immagine per gentile concessione della Pierpont Morgan Library.


Verso l'inizio del testo, Cirillo, o la persona che scrive nel suo nome, sostiene che un libro è stato trovato a Gerusalemme che mostra gli scritti degli apostoli sulla vita e crocifissione di Gesù.
"Ascoltatemi, oh miei figli onorati, e lasciate che vi dica una cosa di quello che abbiamo trovato scritto nella casa di Maria ...", recita una parte del testo.
Anche in questo caso, è improbabile che un libro del genere sia stato trovato nella vita reale. Van den Broek ha detto che una domanda del genere sarebbe stata utilizzata dallo scrittore "per rafforzare la credibilità dei punti di vista particolari e fatti non canonic che sta per presentare, ascrivendoli ad una fonte apostolica", aggiungendo che i modelli di questo espediente narrativo possono essere trovati "spesso" nella letteratura copta.

Arresto il martedì

Van den Broek dice che è sorpreso dal fatto che l'autore del testo abbia spostato la data dell’ultima cena di Gesù con gli apostoli, e l'arresto, al martedì. In realtà, in questo testo, l’Ultima Cena di Gesù sembra essere quella con Ponzio Pilato. Tra il suo arresto e la cena con Pilato, viene portato davanti a Caifa ed Erode.
Nei testi canonici, l'ultima cena e l'arresto di Gesù avvengono il giovedi sera e oggi i cristiani celebrano questo evento con le funzioni del Giovedì Santo. "Appare notevole che lo Pseudo-Cirillo racconti la storia dell'arresto di Gesù il martedì sera, come se la storia canonica del suo arresto il giovedi sera non esistesse!" scrive Van den Broek.

Un regalo a un monastero ... e poi a New York

Circa 1200 anni fa, il testo di New York era nella biblioteca del Monastero di San Michele nel deserto egiziano, vicino all'odierna al-Hamuli, nella parte occidentale del Fayum. Il testo dice, in traduzione, che si trattava di un regalo fatto dall’ "Arciprete Padre Paolo," che ", ha fornito questo libro prodotto dalle sue stesse fatiche".
Il monastero sembra aver cessato l'attività intorno agli inizi del X secolo e il testo fu riscoperto nella primavera del 1910. Nel mese di dicembre 1911 fu acquistato, insieme ad altri testi, dal finanziere americano J.P. Morgan. Le sue collezioni furono successivamente donate al pubblico e fanno parte della odierna Morgan Library and Museum di New York City.

Chi ci credeva?

Van den Broek scrive che "in Egitto, la Bibbia era già stata canonizzata nel IV / V secolo, ma le storie dei libri apocrifi rimasero popolari tra i cristiani egiziani, soprattutto tra i monaci."
Considerando che le persone del monastero possano aver creduto al testo, "in particolare i più semplici monaci, lui non è convinto che l'autore del testo abbia creduto a tutto quello che stava scrivendo, van den Broek ha detto.
"Trovo difficile credere che ci credesse davvero, ma alcuni particolari, per esempio il pasto tra Pilato e Gesù, egli può avere ritenuto che fossero realmente accaduti," van den Broek scrive. "Le persone di quel tempo, anche se erano istruite, non avevano un atteggiamento storico critico. I miracoli erano ritenuti del tutto possibili, e perché una vecchia storia non doveva essere vera?"

Fonte: Live Science, 13 marzo 2013.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it