Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di Blake de Pastino
PETROGLIFI SCOPERTI ALLE HAWAII


Le maree hanno rivelato una galleria di incisioni rupestri mai viste prima, su una spiaggia delle Hawaii.
I petroglifi sono incisi nella pietra arenaria della spiaggia di Waianae, sulla costa occidentale di Oahu, che in genere è coperta da una spessa coltre di sabbia.
Ma alla fine di luglio, i turisti arrivati in spiaggia hanno trovato la roccia esposta, decorata da una serie di figure di forma umana, con i piedi che puntano verso l'oceano.
La maggior parte dei petroglifi sono alti poco più si 30 cm, ma almeno uno è lungo 1,50 metri.
L’archeologo dell’esercito americano Alton Exzabe, che è stato chiamato al sito per un’ispezione, ha detto che i glifi sono probabilmente stati esposti prima, grazie agli eventi casuali del tempo e della marea, ma non sono mai stati registrati prima dagli scienziati.


Il più grande dei glifi raffigura una persona quasi a grandezza naturale, con le dita delle mani e dei piedi articolate.
(Foto per gentile concessione del Dipartimento Territorio e Risorse naturali delle Hawaii).


"La cosa eccitante è per me, che sono cresciuto vicino a questa spiaggia, e ora, che lavoro per l'esercito come archeologo, aiutando a gestire questo sito, abbiamo scoperto questi petroglifi che non sono mai stati registrati", ha detto Exzabe, in un comunicato stampa.
"Alcune persone hanno detto che non li avevano mai visti prima, ma questa è una scoperta abbastanza significativa".
Almeno 17 petroglifi sono stati scoperti finora, che coprono più di 18 metri di arenaria.
Il più rilevante dei glifi è un antropomorfo quasi a grandezza naturale, completo, con le dita articolate delle mani e dei piedi.
"Quelli con le dita, per me, sono abbastanza unici", ha detto Exzabe.
"Credo che ce ne siano un po' anche altrove con le dita delle mani, ma le dita e le mani sono qui ben riconoscibili, così come la loro dimensione.
"Troviamo molti petroglifi dell’altezza di una trentina di centimetri, ma questo misura circa un metro e mezzo dalla testa ai piedi. E' piuttosto impressionante".
Exzabe ha aggiunto che questo tipo di scoperta è la prima in assoluto sulle proprietà militari sull'isola.
"L'esercito alle Hawaii gestisce diverse migliaia di siti archeologici, ma questo è il primo con petroglifi direttamente sul litorale", ha detto.
Tuttavia, simili gruppi di petroglifi sono stati trovati altrove su Oahu e in tutte le isole Hawaii.
Nel 2014, una tempesta invernale causata da El Niño ha rivelato una serie di incisioni rupestri incise nella roccia vulcanica a Waimea, sulla spiaggia settentrionale di Oahu.
Vedi una rapida descrizione dei glifi.
Lì, più di 70 immagini sono state trovate, principalmente di esseri umani e cani. E anche se che l'arte rupestre era stata registrata prima, non era stata vista almeno sino al 2010.
Al contrario, anche i locali Waianae non sembrano essere stati a conoscenza dei petroglifi appena registrati.
Glen Kila è un discendente dei primi abitanti di Nene'u, un insediamento sulla spiaggia appena a nord del sito, e anche lui non aveva familiarità con la galleria d'arte rupestre che è apparsa a pochi passi da casa sua.


Almeno 17 incisioni rupestri raffiguranti forme umane sono state scoperte sulla spiaggia.
(Foto per gentile concessione del Dipartimento Territorio e Risorse naturali delle Hawaii).


Egli ha aggiunto che il significato di tali glifi si comprende meglio dal gruppo culturale che li ha fatti.
"Questi petroglifi possono essere interpretati solo dai discendenti diretti che hanno familiarità con la loro storia e la cultura", ha detto Kila, nello stesso comunicato stampa.
"E' molto importante conoscere i discendenti diretti della zona e la loro interpretazione di questi petroglifi".
Per quanto riguarda il significato delle immagini, ha detto: "Esse registrano la nostra genealogia e la religione".
Ulteriori informazioni su recenti scoperte relative alla storia antica delle Hawaii.
Gli archeologi ritengono che i petroglifi dei nativi hawaiani, noti come Kii Pohaku, servissero per molte funzioni, a raccontare storie, a fornire indicazioni per i passanti, a commemorare importanti eventi locali.
E le immagini di Waianae furono probabilmente scolpite un secolo o due prima del primo contatto europeo con le isole.
Secondo il Dipartimento del Territorio e delle Risorse Naturali delle Hawaii, i glifi hanno circa 400 anni.


Le immagini coprono più di 18 metri di arenaria sulla spiaggia.
(Foto per gentile concessione del Dipartimento Territorio e Risorse naturali delle Hawaii).


Data l'unicità dei petroglifi di Waianae - e il fatto che sono i più recenti per la documentazione archeologica - Exzabe e i suoi colleghi li hanno documentati in fretta, prima che la sabbia ritornasse a coprirli nuovamente alla vista. Ora sono coperti completamente.
Ma l’ufficiale preposto alla conservazione ha detto che il suo ufficio intende tutelare le immagini in modo che la loro eredità possa rimanere intatta.
"Sono una parte importante della cultura delle Hawaii", ha detto Alan Downer, dell’Ufficio di conservazione storica delle Hawaii.
"E mentre le sabbie li hanno coperti di nuovo, ci sarà un momento in cui riappariranno, e vogliamo fare in modo che la gente sappia che sono fragili e culturalmente sensibili e devono essere solo osservati, non toccati".

Fonte: Western Digs, Dispatches from the Ancient American West, 10/8/2016.


Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2018 e-mail: liutprand@iol.it