Liutprand - Associazione Culturale

PETIZIONE MONUMENTO LA PALISSE, LEGGI E FIRMA ANCHE TU
sezione articoli
HomeArticoli dal Mondo › Articolo
di
TESORO TROVATO A CLUNY


Mar, 14 novembre 2017
Raro tesoro medievale rinvenuto presso l'Abbazia di Cluny
A metà settembre, un grande tesoro è stato portato alla luce durante uno scavo all'Abbazia di Cluny, nel dipartimento francese della Saona e della Loira: 2.200 denari d'argento e oboli, 21 dinari d'oro islamici, un anello con sigillo (l'uso di anelli-sigillo era frequente nel Medioevo. Servivano a sigillare contenitori, sacchetti di moneta da tasca e corrispondenza) e altri oggetti d'oro. Mai prima d'ora era stato scoperto un deposito così grande di denari d'argento. Né sono mai state trovate monete d'oro provenienti da terre arabe, denari d'argento e un anello con sigillo all'interno di un unico complesso recintato.
Anne Baud, accademica all'Université Lumière Lyon 2 e Anne Flammin, ingegnere del CNRS - entrambe del Laboratoire Archéologie et Archéométrie (CNRS / Université Lumière Lyon 2 / Université Claude Bernard Lyon 1) - hanno condotto l'indagine archeologica, in collaborazione con un gruppo di 9 studenti dell'Université Lumière Lyon 2 e ricercatori della Maison de l'Orient et de la Méditerranée Jean Pouilloux (CNRS / Université Lumière Lyon 2).
La campagna di scavo, autorizzata dal dipartimento regionale degli affari culturali della Bourgogne-Franche-Comté (DRAC), è iniziata a metà settembre e si è conclusa a fine ottobre. Fa parte di un vasto programma di ricerca incentrato sull'Abbazia di Cluny. Gli studenti del Master di Archeologia e Scienze Archeologiche dell'Université Lumière Lyon 2 partecipano agli scavi archeologici all'Abbazia di Cluny dal 2015. Questa esperienza nel campo integra la loro formazione accademica e offre loro una panoramica dell'archeologia professionale.
Nel sito, il team, guidato da Anne Baud e Anne Flammin, tra cui gli studenti dell'Université Lumière Lyon 2, ha scoperto un tesoro costituito da oltre 2.200 denari d'argento e oboli, per lo più coniati dall'Abbazia di Cluny e probabilmente risalenti al prima metà del XII secolo, in un sacchetto di stoffa, di cui rimangono tracce su alcune monete; e un fagotto di pellame scurito, trovato tra le monete d'argento, fissato con un nodo, che racchiude:
21 dinari d'oro islamici coniati tra il 1121 e il 1131 in Spagna e Marocco, sotto il regno di Ali ibn Yusuf (1106-1143), che apparteneva alla dinastia berbera Almoravide.
un anello con sigillo in oro con un intaglio rosso raffigurante il busto di un dio e un'iscrizione che risale probabilmente all'anello della prima metà del XII secolo
un foglio piegato di lamina d'oro del peso di 24 grammi, conservato in una custodia
un piccolo oggetto circolare fatto d'oro
Vincent Borrel, studente di dottorato presso l'unità di ricerca di Archeologia e Filologia dell'Est e dell'Ovest (CNRS / ENS) - AOROC per brevità - attualmente sta studiando il tesoro in modo più dettagliato per identificare e datare i vari pezzi con maggiore precisione.
Una scoperta preziosa. . .
Questa è una scoperta eccezionale per un ambiente monastico e soprattutto per Cluny, che fu una delle più grandi abbazie dell'Europa occidentale durante il Medioevo. Il tesoro fu sepolto in un lugo dove apparentemente è rimasto per 850 anni. Comprende oggetti di notevole valore: 21 dinari d'oro e un anello con sigillo, un gioiello molto costoso che pochi potevano possedere durante il Medioevo. A quel tempo, la valuta occidentale era per lo più dominata dal denaro d'argento. Le monete d'oro erano riservate a transazioni rare. I circa 2.200 denari d'argento, coniati a Cluny o nelle vicinanze, sarebbero stati per gli acquisti di tutti i giorni. Questa è la più grande raccolta di monete del genere mai trovata. Il fatto che la valuta araba, i denari d'argento e un anello con sigillo fossero racchiusi insieme rende questa scoperta ancora più interessante.
. . . aprire nuove vie di ricerca nella storia dell'Abbazia di Cluny
Questa scoperta darà nuova vita alla ricerca scavando nel passato dell'abbazia, un sito storico aperto al pubblico e gestito dal Centre des Monuments Nationaux (CMN). Solleva anche nuove domande cui vale la pena di rispondere:
- Chi possedeva il tesoro? Era un monaco, un dignitario ecclesiastico o un ricco laico?
- Cosa possono insegnarci le monete? Dove sono stati colpiti i denari d'argento di Cluny? Dove circolavano? Come sono finiti qui i dinari islamici coniati in Spagna e in Marocco a Cluny?
- Perché il tesoro è stato sepolto?
- Quale edificio si trovava sopra il tesoro quando era nascosto? Era un edificio, ora in rovina, di cui sappiamo poco?


________________________________________
Tesoro
Sopra: (1) custodia di pelle conciata annodata prima dell'estrazione del contenuto; (2) e (4) dinari d'oro; (3) anello con sigillo con intaglio; (5) contenuto del fascio di pellame scurito annodato.
© Alexis Grattier - Université Lumière Lyon 2

_______________________________________________
Cluny
L'abbazia di Cluny. Marc Tobias Wenzel, Wikimedia Commons
_____________________________________________________


Fonte: CNRS e Université Lumière Lyon 2 comunicato stampa



Associazione culturale Liutprand 27100 PAVIA      copyright ©1994-2017 e-mail: liutprand@iol.it